Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Milan 0 Newcastle 0: il problema del pressante di Howe, gli sprechi del Milan, il rientro tranquillo di Tonali

Milan 0 Newcastle 0: il problema del pressante di Howe, gli sprechi del Milan, il rientro tranquillo di Tonali

Il Newcastle United ha iniziato la sua prima stagione in Champions League in 20 anni con uno 0-0 contro il Milan a San Siro.

Con Borussia Dortmund e Paris Saint-Germain presenti anche nel Gruppo F, si prevede che sarà una battaglia intensamente competitiva per raggiungere la fase a eliminazione diretta.

Qui i nostri autori analizzano i principali punti di discussione del gioco (puoi riviverli tutti qui).


Un bel pareggio per il Newcastle e preoccupazione per gli infortuni del Milan

La squadra di Eddie Howe è stata certamente sulla difensiva nel primo tempo, ma ha resistito alla pressione del Milan e ha conquistato un punto inestimabile. Hanno messo in gioco i loro corpi quando necessario (sei tiri avversari bloccati) e Nick Pope ha effettuato otto parate eccellenti.

È il più competitivo dei gironi: prima del calcio d’inizio, Opta aveva previsto che ci fosse il 31% di possibilità che il Newcastle finisse primo a dicembre, il 26% di probabilità di secondo posto e il 24% di probabilità di terzo posto (e un posto nel Campionato Europeo). Fase a eliminazione diretta del campionato a febbraio) e il 19% dei difensori.

L’aspetto esteriore non è affatto un prerequisito per il successo in questa competizione.

Il Manchester City, vincitore della scorsa stagione, ha vinto solo una delle sei trasferte, e cioè al primo turno contro il Siviglia. Ha poi pareggiato 0-0 nel girone contro Dortmund e FC Copenhagen, e 1-1 nei tre incontri a eliminazione diretta contro RB Lipsia, Bayern Monaco e Real Madrid. Allo stesso modo, il Liverpool ha perso tutte e tre le partite in trasferta nella stagione 2018-19, quando ha alzato il trofeo: 1-0 contro il Napoli, 2-0 contro la Stella Rossa Belgrado e 2-1 contro il Paris Saint-Germain.

Non ci si aspetta che il Newcastle arrivi così lontano in campionato, ma essere una squadra di successo in Champions League ha molto a che fare con la solidità difensiva.

Semmai si tratta di una grandissima occasione mancata per il Milan, soprattutto dopo che la partita era iniziata così bene. Non segnare, nonostante abbia tirato 25 tiri, è uno spreco, e una vittoria avrebbe fatto molto per vendicare la sconfitta per 5-1 di sabato nel derby contro l’Inter.

Forse il colpo più grande per loro quella notte è stato l’infortunio che ha costretto il portiere Mike Maignan a rientrare tardi.

Liam Tharm


Ma l’approccio di Howe ha mostrato vera fede?

Considerato il livello del Newcastle e la difficoltà del girone, è comprensibile che sia entrato in partita con cautela. Questa è stata la squadra milanese che la scorsa stagione ha raggiunto le semifinali di questa competizione.

(Alessandro Sabatini/Getty Images)

Il Newcastle ha giocato come una squadra che ha iniziato a pensare di essere perdente. Hanno lavorato meglio in transizione, sempre attenti a trattenere due centrocampisti, e si sono lanciati a muro. Ma data la sconfitta del Milan nel fine settimana – così come l’indubbio talento offensivo del Newcastle – c’era anche una ragione per cui la squadra di Howe non poteva assumere quel ruolo.

READ  Elon Musk non acquisterà il Manchester United

Il gol nel finale di Sean Longstaff ha mostrato che il Newcastle aveva la possibilità di vincere e la loro prestazione ha dimostrato che appartengono a questo livello.

Nelle partite casalinghe, dove le vittorie sono essenziali per progredire, non dovrebbe esserci alcun complesso di inferiorità.

Giacobbe Whitehead


L’aggiustamento di Pioli supera la pressione di Howe prima dell’uscita di Calabria

La squadra di Stefano Pioli aveva bisogno di quel primo tempo, che nel fine settimana era rimasta in svantaggio contro l’Inter e da lì in poi ha faticato a controllare la partita.

Un aggiustamento tattico questa volta ha visto il terzino destro Davide Calabria mantenere l’ampiezza, avendo giocato in campo nelle precedenti tre partite di Serie A del Milan, trasformando il 4-3-3 in un 3-2-5. Questa volta il Milan è rimasto nel 4-3-3 con due terzini e ali larghe, con Rade Krunic a giocare come perno. La stampa del Newcastle è stata aggressiva, ma Eddie Howe ha messo in difficoltà le ali Anthony Gordon e Jacob Murphy, in linea con i difensori centrali del Milan.

Questo ha lasciato spazio al portiere Mike Maignan per passare la palla ai suoi terzini, e il Milan è uscito così. Nel primo tempo ha completato più passaggi ai suoi terzini (otto) che ai difensori centrali (cinque). Maignane ha anche passato un pallone lungo all’attaccante Olivier Giroud e all’esterno Rafael Leao, che si sono spostati dentro e hanno portato con sé Kieran Trippier, creando spazio per la sovrapposizione del terzino sinistro Theo Hernandez.

L’effetto a catena è stato che il centrocampista del Newcastle ha dovuto pressare il terzino del Milan, che a sua volta ha aperto lo spazio centrale. Insieme, il centrocampo del Newcastle è stato allungato in modo che il Milan potesse raggiungere i suoi attaccanti da aree ampie, e la squadra di casa li ha anche messi fuori posizione per raccogliere le seconde palle.

Il passaggio di Pioli da Tommaso Pobega nel fine settimana a Tijani Reynders ha fornito la fisicità necessaria per affrontare il Newcastle a centrocampo centrale.

Il Milan ha effettuato 15 tiri nel primo tempo, più di quanti ne abbia realizzati nei primi 45 minuti di qualsiasi partita di Champions League della scorsa stagione, quando raggiunse le semifinali. Sette di loro hanno segnato, compreso uno che ha respinto la palla sulla linea di porta, anche meglio di tutti i primi sei mesi europei di un anno fa.

La sostituzione di Calabria nel primo tempo, conseguenza di un cartellino giallo per un fallo su Gordon, ha fatto deragliare il piano offensivo del Milan per gran parte del secondo tempo.

Liam Tharm


Il Milan non è riuscito a concludere

Il Milan veniva da un’umiliante sconfitta per 5-1 nel derby contro l’Inter sabato sera e ha bisogno di un risultato positivo qui per prendere piede nel presunto “Gruppo della Morte” per la Champions League 2023-24. Quello che è successo è stato uno spettacolo divertente, anche se un po’ esasperante.

READ  Joey Lucchesi sopravvive ai Giants con un ritorno stellare ai Majors

I 15 tiri nel primo tempo sono stati il ​​massimo realizzato in Champions League dall’incontro del 2011-12 contro il BATE Borisov della Bielorussia.

La statistica perde un po’ di lustro se si considera che solo sette di quei tiri erano in porta, con un’altra sezione mirata direttamente al portiere Nick Pope nelle zone centrali, ma parla dello strano accumulo della squadra di Stefano Pioli. Il Milan ha una schiera impressionante di portatori di palla, ma per gran parte della serata è mancata la manovra decisiva nel terzo finale.

Contro un Newcastle solido, anche se un po’ traballante sotto le luci della Champions League, gli uomini di Pioli avrebbero dovuto scomparire dopo l’ora.

L’inserimento di Christian Pulisic e Tijani Reynders in quella fase ha dato più ritmo e pressione offensiva alle cose, ma il gol al 64′ del primo ha riassunto il tutto: un dribbling abbastanza intelligente da guadagnare un po’ di spazio in un gol pericoloso. zona, poi sparato abbastanza sordo da lasciare indisturbato il papa.

La sostituzione di Ruben Loftus-Cheek al 72′ da parte di Younes Musa, causata da un infortunio, ha dato uno strato di smalto alla macchina offensiva del Milan. “Hanno bisogno di trovare i calci d’angolo con più intensità”, ha detto l’ex allenatore dell’Inghilterra Glenn Hoddle riferendosi al tiro dei padroni di casa.

Questo gruppo è stato chiamato il Gruppo della Morte perché tutte le squadre che lo compongono sono buone, ma tutte e quattro sono soggette a problemi individuali.

Il punteggio finale è stato 0-0, ma le cifre dei gol attesi (xG) di 2,08 per il Milan e 0,19 per il Newcastle hanno dipinto un quadro più completo degli sprechi dei padroni di casa.

Carlo Anka


Sandro Tonali torna a San Siro in silenzio

Sandro Tonali ha detto prima della partita che ci è voluto del tempo per adattarsi alla vita al Newcastle dopo il suo trasferimento estivo dal Milan, e sicuramente è stato così anche in questo caso.

Dopo l’ora, ha tentato 10 passaggi, rispetto ai 30 passaggi individuali dei suoi compagni di centrocampo Sean Longstaff e Bruno Guimaraes, e solo 20 tocchi.

Dopo aver lasciato San Siro per il St James’ Park a giugno per circa 70 milioni di euro (60 milioni di sterline; 75 milioni di dollari), il giorno del ritorno sembrava destino, ancor prima che la palla del Newcastle venisse sorteggiata per inserirli nel Gruppo F. , ora in bianco e nero.

Questa è stata la prima partita da titolare per Tonali come numero 8 di sinistra nel 4-3-3 di Eddie Howe, dopo aver iniziato le prime quattro partite di campionato del Newcastle da destra, giocando dietro Miguel Almiron. Dopo essere stato a riposo nella vittoria contro il Brentford di sabato, l’italiano ha visto per l’ultima volta il suo attaccante con la maglia numero 8 contro il Brighton il 2 settembre, lasciando un vuoto dietro di sé mentre il Newcastle veniva battuto 3-1 fuori casa.

READ  Come i Warriors hanno abilmente battuto e sconvolto i Grizzlies il giorno di Natale

Nel complesso, la prestazione del Newcastle è stata cauta, una squadra diffidente nei confronti della minaccia del Milan in transizione. Tonali ha riassunto questo approccio – ovviamente conosce i punti di forza del Milan meglio di molti altri – e questo era un giocatore preoccupato di impegnarsi troppo, nonostante la tentazione di tornare a segnare gol.

L’intero stadio lo ha applaudito quando è stato sostituito al 71′ da Elliot Anderson, non solo per un sentimento di gratitudine per le sue ultime tre stagioni al club, ma anche perché stasera non aveva fatto loro nulla di male.

Giacobbe Whitehead


Pulisic impressiona mentre Musa fa il suo debutto in Champions League

Dopo aver giocato da titolare tutte e quattro le partite di Serie A del Milan in questa stagione, Christian Pulisic si è ritrovato in panchina per la prima partita di Champions League. I tifosi del nazionale americano devono temere che si ripeta la sorte del Chelsea in Italia, dove ha subito un duro colpo nella sconfitta per 5-1 contro l’Inter sabato.

Tuttavia, l’esterno sembrava vivace quando Samuel Chukwueze è stato sostituito dopo 61 minuti. Anche se entrambi i suoi tiri sono andati fuori bersaglio, da quando è entrato ha guidato tutti i giocatori del Milan con cinque tocchi all’interno dell’area di rigore del Newcastle.

Il Milan ha anche regalato al connazionale Younes Musah la sua prima apparizione in Champions League dopo tre stagioni con gli spagnoli del Valencia, segnando al 70′. Il 20enne è stato chiamato per prolungare la partita contro la difesa relativamente statica del Newcastle, attiva nell’intervallo. Giusto con Pulisic per turbare Dan Byrne e allestire un negozio molto più vicino all’area di rigore.

Sfortunatamente per la loro squadra, il loro ingresso non ha portato alla vittoria del Milan. Tuttavia, il loro rapporto naturale dovuto al tempo trascorso con la Nazionale ha dato a Musa la possibilità di lasciare il segno mentre lavorava sotto la guida dell’allenatore Stefano Pioli.

Jeff Reuter


Aidan Harris, 16 anni, sedeva sulla panchina del Newcastle

Un nome che i tifosi del Newcastle forse non conoscono è il portiere di riserva, 16 anni, Aidan Harris.

Da Washington, a breve distanza a sud della città, ha approfittato dell’ampliamento dei posti in Champions League per essere nominato insieme a Loris Karius tra i sostituti qui.

Con gli Under 19 del Newcastle che oggi affrontano le loro controparti dell’AC Milan nella Champions League Youth League, significa che hanno superato Max Thompson e Judd Smith sulla panchina della nazionale maggiore. Qual è l’esperienza?

Giacobbe Whitehead