Maggio 24, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nessuno dovrebbe essere sorpreso dal fatto che Virgin Orbit abbia fallito – avevano un terribile piano aziendale – Ars Technica

Nessuno dovrebbe essere sorpreso dal fatto che Virgin Orbit abbia fallito – avevano un terribile piano aziendale – Ars Technica

Branson ha perforato un 747 acquisito da Virgin Orbit.

Eric Berger

Ora è ufficiale: il lanciatore Virgin Orbit viene venduto per parti. In Nuovo file Nell’ambito del processo fallimentare, Rocket Lab ha acquistato il principale impianto di produzione dell’azienda a Long Beach, in California, per supportare il suo razzo a neutroni. Stratolaunch ha acquistato un Virgin Orbit Boeing 747 e le relative apparecchiature. E Launcher si è assicurato l’affitto dell’azienda su un sito di test a Mojave.

Questo è tutto. Sei anni dopo, Virgin Orbit è finito e LauncherOne non volerà più. Lo scopo di questo articolo non è criticare la tecnologia dell’azienda oi suoi dipendenti. In effetti, i team di ingegneri hanno fatto un ottimo lavoro facendo cadere un razzo a propellente liquido da un 747, accendendo il suo motore e volando nello spazio.

No, il problema era il management di Virgin Orbit, incluso il CEO Dan Hart e il fondatore Sir Richard Branson. A causa della loro leadership, l’azienda aveva un piano aziendale terribile e insostenibile e ha esacerbato questi problemi assumendo una forza lavoro insostenibile di 700 persone.

risorse

Virgin Orbit è nata più di un decennio fa come propaggine di Virgin Galactic, che utilizzava un aereo come primo stadio per lanciare uno spazioplano suborbitale per i turisti. Nei suoi primi anni, la società ha assunto diversi ingegneri di SpaceX per iniziare a progettare un razzo che potesse essere lanciato da un aereo.

Quell’attività era piuttosto languida fino a quando Virgin Orbit non è stata scorporata dalla sua società madre nel 2017 e ha assunto Branson Hart, che aveva trascorso decenni come ingegnere di sistema nella divisione aerospaziale di Boeing, come suo presidente. Hart ha istituito un approccio più cauto e ha iniziato ad assumere dipendenti per l’azienda. Il primo lancio, previsto per il 2018, è stato ritardato di oltre due anni.

READ  Gli azionisti di Spirit hanno esortato a votare per l'offerta nazionale di Frontier

Quando LauncherOne ha finalmente preso il volo per la prima volta nel maggio 2020, la società ha speso una cifra incredibile, quasi 1 miliardo di dollari, per sviluppare il missile e il sistema di lancio aereo. All’epoca era chiaro che Virgin Orbit non avrebbe mai guadagnato quei soldi addebitando da $ 12 milioni a $ 15 milioni per lanciare poche centinaia di chilogrammi per missione.

Sembrava anche abbastanza chiaro che con la grande forza lavoro che Hart aveva assunto, Virgin Orbit non sarebbe andata in pareggio. È probabile che il solo conto delle risorse umane dell’azienda sia di circa $ 150 milioni all’anno e ciò non include i costi di utenze, locazioni, attrezzature e hardware. Supponendo un profitto di $ 10 milioni per lancio – un numero molto generoso – Virgin Orbit dovrebbe lanciare qualcosa come 30 volte l’anno per raggiungere il pareggio.

Ovviamente non c’era mercato per questo, e anche arrivare a un ritmo del genere avrebbe richiesto diversi anni. Rocket Lab, che ha un rover di dimensioni simili in Electron, vede la domanda di circa una dozzina di voli all’anno verso orbite dedicate. SpaceX, con le sue missioni shuttle, ha anche alimentato il mercato Virgin Orbit. In poche parole, lo studio di fattibilità non è stato chiuso.

Altre piccole società di lancio hanno risolto questo dilemma passando a un razzo molto più grande, come SpaceX con il suo Falcon 9 nel 2009, Rocket Lab con Neutron e Relativity Space con il suo Terran R più recentemente. Ma Virgin Orbit era limitata dalle dimensioni del razzo che poteva trasportare il suo 747. Anche durante l’eccesso di compagnie spaziali che diventavano pubbliche tramite società di acquisizione per scopi speciali, o SPAC, i mercati pubblici sembravano capire.

READ  12 migliori offerte Amazon di inizio ottobre

Nel 2021, Virgin Orbit ha cercato di soddisfare le sue esigenze di cassa a breve termine quotandosi in borsa tramite SPAC. Tuttavia, il denaro raccolto da questa fusione è stato molto inferiore al previsto. Nell’annunciare la sua intenzione di diventare pubblica, Virgin Orbit ha dichiarato di aspettarsi di raccogliere 383 milioni di dollari di proventi dalla transazione SPAC, ma di aver raccolto solo 68 milioni di dollari nel processo e invece ha dovuto ricorrere a investimenti privati ​​di ulteriori 160 milioni di dollari per mantenere l’attività. andando. Anche con finanze sempre più difficili, dicono le fonti, Hart ha fatto poco per ridurre le spese.

finisce

Rimane solo un’ancora di salvezza per Virgin Orbit. Il governo del Regno Unito o degli Stati Uniti doveva intervenire e decidere che l’azienda stava fornendo un servizio essenziale. Le speranze di intervento del governo britannico sono svanite a gennaio dopo che un lancio dalla Cornovaglia, in Inghilterra, si è concluso con un fallimento.

Ciò ha lasciato il governo degli Stati Uniti. Secondo fonti, questo mese ci sono state serie discussioni nella US Space Force sulla promessa di contratti e altre forme di sostegno finanziario per gli offerenti in caso di fallimento di Virgin Orbit se il vincitore tiene insieme la compagnia e continua a volare. Ma alla fine, quel supporto non è riuscito a superare il terribile modello di business.

E perché il governo degli Stati Uniti dovrebbe essere così interessato comunque? L’esercito sta certamente cercando urgentemente la capacità di lanciare una “risposta rapida”, il che significa che se perde alcuni satelliti durante un conflitto, sarebbe bello avere la possibilità di lanciare nuovi satelliti su richiesta. Con l’aereo come primo stadio, Virgin Orbit ha affermato che potrebbe raggiungere qualsiasi orbita, in qualsiasi momento, decollando da diverse piste in tutto il mondo.

READ  Gli utenti di Robinhood acquistano aziende che "conoscono, comprendono e in cui credono a lungo termine". Questi sono i loro titoli preferiti.

Potrebbe essere stato, ma Orbital Sciences ha sviluppato questa capacità più di tre decenni fa utilizzando il razzo Pegasus, che ora è gestito da Northrop Grumman. Come LauncherOne, Pegasus viene lanciato da un aereo e può decollare da località in tutto il mondo. Come booster a combustibile solido, è probabilmente più reattivo.

Ma non c’era quasi nessuna richiesta per il razzo. Pegasus è stato lanciato solo quattro volte nell’ultimo decennio, con una di quelle missioni in volo per l’esercito americano.