Aprile 16, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Bank of Korea detiene i tassi di interesse per la terza volta consecutiva; I mercati asiatici sono misti

La Bank of Korea detiene i tassi di interesse per la terza volta consecutiva;  I mercati asiatici sono misti

3 minuti fa

La Bank of Korea prevede di iniziare a tagliare i tassi di interesse all’inizio del prossimo anno, secondo Deutsche Bank

La Bank of Korea dovrebbe iniziare a tagliare il suo tasso di interesse di riferimento all’inizio del prossimo anno, ha dichiarato Juliana Lee, responsabile della ricerca economica presso Deutsche Bank.

Lee ha aggiunto che si aspetta che sia al centro della politica della banca centrale insieme alla Federal Reserve statunitense.

“Ci sono alcuni segnali che (le esportazioni) hanno toccato il fondo in termini di contrazione, ma in termini di ripresa, non ci aspettiamo fino al quarto trimestre, ed è per questo che abbiamo una visione più ribassista” della crescita rispetto alla crescita centrale, Lee ha detto a Squawk Box Asia su: canale CNBC.

Lee ha aggiunto che si aspetta che il won sudcoreano rimanga sostanzialmente invariato fino a quando la banca centrale non inizierà a tagliare i tassi di interesse.

– Jihe Lee

17 minuti fa

La Bank of Korea mantiene il tasso di interesse per la terza volta consecutiva

Giovedì, la Bank of Korea ha mantenuto il suo tasso di interesse di riferimento per la terza volta consecutiva al 3,50%.

La decisione è stata in linea con le aspettative unanimi degli economisti intervistati da Reuters, che si aspettavano lo stop della banca centrale.

Il governatore della banca centrale all’inizio di questo mese ha dichiarato alla CNBC che era “prematuro” discutere di un taglio dei tassi, citando i tassi di inflazione nel paese che rimangono al di sopra dell’obiettivo del 2% della Banca di Corea.

La Corea del Sud pubblicherà venerdì il suo indice dei prezzi al consumo per maggio.

READ  Powerball sale a 535 milioni di dollari. Ecco un'opzione per richiedere il premio

18 minuti fa

L’Indonesia dovrebbe mantenere i tassi di interesse per la terza volta

Secondo gli economisti intervistati da Reuters, la banca centrale indonesiana dovrebbe mantenere il tasso repo inverso a 7 giorni al 5,75%.

Gli economisti si aspettavano inoltre che la banca centrale mantenesse il tasso di deposito al 5,00% e anche il tasso di prestito al 6,50%.

La mossa segnerebbe la terza battuta d’arresto consecutiva per Bank Indonesia, poiché il paese ha registrato un tasso di inflazione superiore al 4% ad aprile. La nazione rilascia il suo tasso di inflazione per maggio del mese prossimo.

57 minuti fa

L’indice dei prezzi alla produzione della Corea del Sud è aumentato dell’1,6% ad aprile

L’indice dei prezzi alla produzione della Corea del Sud è aumentato dell’1,6% su base annua ad aprile, in calo rispetto all’aumento del 3,3% del mese precedente.

I dati del governo hanno mostrato Quel mese, l’indice dei prezzi alla produzione del paese è sceso dello 0,1% dopo aver visto una crescita dello 0,1% a marzo.

L’indice dei prezzi alla produzione è una misura della variazione dei prezzi che i produttori nazionali ricevono per i loro beni e servizi.

Il won sudcoreano si è indebolito dello 0,11% giovedì mattina a 1319,66 contro il dollaro statunitense.

– Jihe Lee

7 ore fa

I verbali della riunione mostrano che i funzionari della Fed non sono sicuri se siano necessari ulteriori aumenti dei tassi

I verbali della riunione della Fed hanno mostrato “incertezza” da parte dei partecipanti sul fatto che alzerà i tassi di interesse per l’undicesima volta nella riunione di giugno.

Secondo i verbali, ora sembrano esserci due fazioni nella Fed. Un gruppo, che comprendeva “alcuni” membri, ha affermato che i progressi nella riduzione dell’inflazione sono stati “inaccettabilmente lenti” e richiederebbero ulteriori aumenti. L’altro, sostenuto da “molti” membri del FOMC, ha visto un rallentamento della crescita economica poiché “potrebbe non essere necessaria una maggiore fermezza politica dopo questo incontro”.

READ  I chip rendono difficile per gli Stati Uniti lasciare la Cina

I verbali non identificano i singoli membri né definiscono “alcuni” o “diversi” con numeri specifici. Tuttavia, nel gergo della Fed, “alcuni” è considerato più che “diversi”.

Per riassumere, i verbali hanno mostrato che la Fed monitorerà attentamente i dati in arrivo per decidere se alzare nuovamente i tassi di interesse il 14 giugno.

– Jeff Cox, John Milloy

Correzione: nel gergo della Fed, “alcuni” è considerato più di “diversi”. Una versione precedente interpretava male la differenza.

9 ore fa

Il presidente della Fed Waller sottolinea la “flessibilità” nella decisione sui tassi di giugno

Il governatore della Federal Reserve Christopher Waller, rispondendo a una triplice domanda che i banchieri centrali statunitensi devono affrontare, ha affermato che è troppo presto per fare la scelta giusta. Ha detto che i dati nelle prossime settimane prima della riunione del 13-14 giugno determineranno il corso corretto.

Mentre Waller ha insistito sul fatto che la Fed dovrebbe “rimanere flessibile” sull’opportunità di aumentare i tassi di interesse, metterli in pausa o saltare giugno con una tendenza ad aumentare i tassi a luglio, ha espresso scetticismo sul fatto che la Fed se ne sia andata. la lotta all’inflazione. .

“Non mi aspetto che i dati in arrivo nei prossimi due mesi dimostrino che abbiamo raggiunto il tasso finale”, ha detto Waller nelle osservazioni preparate per un discorso a Santa Barbara, in California.

“E non sono favorevole a fermare i rialzi dei tassi di interesse a meno che non otteniamo prove evidenti che l’inflazione stia scendendo verso il nostro obiettivo del 2%. Ma se alziamo o saltiamo la riunione di giugno dipenderà da come arriveranno i dati nelle prossime tre settimane ,” Ha aggiunto.

READ  Cambiare il modo in cui il bestiame pascola e riducendo le emissioni

-Jeff Cox

9 ore fa

Il presidente della Camera McCarthy ribadisce la fiducia nell’evitare il default

Il presidente della Camera Kevin McCarthy ha ribadito che i negoziatori devono raggiungere una decisione sul tetto del debito anche se i legislatori faticano a concordare la spesa essenziale.

“Non andremo in default”, ha detto mercoledì durante una conferenza stampa. “Risolveremo questo problema. Rimarrò con lei finché non riusciremo a farlo. Ma siamo onesti su questo. Avremmo dovuto spendere meno di quanto abbiamo fatto l’anno scorso. Non è colpa mia se i Democratici possono non tenere il passo con le loro spese.”

Samantha Sobin, Sarah Maine

14 ore fa

I negoziatori si incontrano mercoledì mattina

Reuters ha citato una fonte informata che ha affermato che i negoziatori di entrambe le parti dovrebbero incontrarsi di nuovo mercoledì mattina.

Le azioni sono scese martedì dopo che i negoziatori per il presidente Joe Biden e il presidente della Camera Kevin McCarthy sembravano non aver fatto molti progressi nei colloqui quel giorno.

Potrebbe volerci una settimana prima che qualsiasi accordo venga scritto e approvato dal Congresso, afferma il rapporto Reuters, aumentando la posta in gioco per un accordo nei prossimi due giorni prima della scadenza del 1 giugno per un default del Dipartimento del Tesoro.

– John Milley