Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

‘No alla legge russa’: i georgiani protestano contro la legge sugli ‘agenti stranieri’ | Notizia

‘No alla legge russa’: i georgiani protestano contro la legge sugli ‘agenti stranieri’ |  Notizia

La polizia usa cannoni ad acqua e gas lacrimogeni mentre migliaia di persone si radunano a Tbilisi per protestare contro una proposta di legge sugli agenti stranieri.

La polizia della capitale georgiana, Tbilisi, ha sparato cannoni ad acqua e gas lacrimogeni per disperdere la folla che protestava contro una proposta di legge sugli “agenti stranieri” che ricorda la misura russa utilizzata per mettere a tacere i critici.

Centinaia di poliziotti si sono radunati nelle strade intorno all’edificio del parlamento georgiano nella tarda notte di mercoledì nel tentativo di disperdere le proteste. Migliaia di persone si sono radunate lì per un secondo giorno, portando bandiere georgiane e dell’Unione Europea e cantando “No alla legge russa”.

Gas lacrimogeni sono stati lanciati su Rustaveli Street nel centro di Tbilisi, dove si trova il Parlamento, costringendo almeno alcuni dei manifestanti ad allontanarsi.

I manifestanti chiedono alle autorità di abbandonare il disegno di legge “Foreign Funding Transparency”, che richiederebbe a qualsiasi organizzazione che riceve più del 20% dei suoi finanziamenti dall’estero di registrarsi come “agenti stranieri” o di dover affrontare pesanti multe.

Il partito al governo Georgian Dream afferma di essere modellato sulla legislazione degli Stati Uniti risalente agli anni ’30. I critici, tra cui il presidente Salome Zurabishvili, affermano che è simile a una legge approvata dalla Russia nel 2012 che è stata utilizzata per chiudere o screditare le organizzazioni critiche nei confronti del governo e potrebbe danneggiare le possibilità della Georgia di aderire all’Unione europea.

I manifestanti sventolano cartelli e la bandiera dell’Unione europea durante una manifestazione davanti al parlamento georgiano, a Tbilisi, il 7 marzo 2023. [Stringer/ AFP]

La Georgia ha presentato domanda di adesione all’UE insieme a Ucraina e Moldavia pochi giorni dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina nel febbraio dello scorso anno.

READ  L'Ucraina esclude il cessate il fuoco mentre infuria la lotta nel Donbass

A giugno, i leader dell’UE hanno concesso lo status di candidato ufficiale a Kiev e Chisinau, ma hanno detto a Tbilisi che doveva attuare diverse riforme prima che potessero essere prese in considerazione.

Migliaia di persone stanno manifestando da giorni a Tbilisi per protestare contro la legge e Scoppiarono gli scontri martedì dopo che i legislatori hanno approvato la misura in prima lettura. La polizia ha usato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua contro i manifestanti e ha detto che più di 70 persone sono state arrestate. Hanno aggiunto che anche circa 50 poliziotti sono rimasti feriti.

Le proteste sono riprese mercoledì pomeriggio con una marcia lungo Rustaveli Avenue in occasione della Giornata internazionale della donna, che è un giorno festivo.

“Non possiamo permettere che il nostro paese diventi filo-russo o filo-russo, o antidemocratico”, ha detto Vakhtang Berekashvili, un ingegnere informatico di 33 anni.

Un’altra manifestante, Ellen Ksofreli, 16 anni, ha affermato che il popolo georgiano “non permetterà loro di far sì che la Russia determini il nostro futuro”.

“Noi, i giovani, siamo qui per proteggere tutto”, ha detto ad AFP.

Azza Akhvlediani, 72 anni, ha definito “stupido” il governo georgiano.

“So cosa sta succedendo a Mosca. Fermano ogni passante e fanno quello che vogliono. Penso che il governo georgiano voglia la stessa cosa”, ha detto.

Anche i politici dell’Unione Europea hanno espresso preoccupazione.

Una dichiarazione di Maria Kaljurand e Sven Mixer afferma che il disegno di legge “è in diretta contraddizione con l’aspirazione dichiarata delle autorità georgiane di ottenere lo status di candidato all’adesione all’UE”. La dichiarazione aggiungeva: “Lo scopo della nuova legge, con il pretesto di aumentare la trasparenza, è stigmatizzare il lavoro delle organizzazioni della società civile e dei media”.

READ  L'esercito ucraino attacca le forze russe nella regione meridionale di Zaporizhia
La polizia antisommossa blocca una strada per fermare i manifestanti di fronte all’edificio del Parlamento georgiano a Tbilisi, Georgia, all’inizio di giovedì 9 marzo 2023. [Zurab Tsertsvadze/ AP]

In risposta alla situazione, gli Stati Uniti hanno esortato il governo georgiano a mostrare “moderazione” e consentire proteste pacifiche, mentre il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto “successo democratico” nella “Georgia amica”.

Il disegno di legge ha approfondito la frattura tra Georgian Dream, che ha la maggioranza parlamentare, e Zurabishvili, il presidente filoeuropeo che si è allontanato dal partito dalla sua elezione con il sostegno del partito nel 2018.

Ha promesso di porre il veto al disegno di legge se raggiunge la sua scrivania, anche se il parlamento può annullarlo.

Zurabishvili, parlando alla CNN, ha esortato le autorità ad astenersi dall’uso della forza e ha dipinto la Georgia come vittima dell’aggressione della Russia, che ha detto essere determinata a mantenere la sua influenza nella regione del Caucaso.

“È chiaro che la Russia non lascerà che le cose vadano facilmente, ma la Russia sta perdendo la sua guerra in Ucraina”, ha detto.

La Georgia e l’Ucraina un tempo facevano parte dell’ex Unione Sovietica dominata dalla Russia.

I critici affermano che il sogno georgiano è troppo vicino alla Russia e ha portato il paese in una direzione ancora più repressiva.

La società georgiana è fermamente contraria a Mosca dopo anni di conflitto sullo status di due regioni separatiste sostenute dalla Russia, scoppiata in guerra nel 2008.

Irakli Kobakhidze, capo dell’organizzazione Georgian Dream, ha affermato mercoledì che la legge aiuterà a sradicare coloro che lavorano contro gli interessi del Paese e della potente Chiesa ortodossa georgiana.

Ha criticato “l’opposizione radicale della Georgia” per aver fomentato i manifestanti.