Luglio 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuove misurazioni indicano che ci sbagliamo fondamentalmente sull’universo

Nuove misurazioni indicano che ci sbagliamo fondamentalmente sull’universo

Un nuovo studio rileva che potremmo sbagliarci fondamentalmente su alcune delle parti più profonde dell’universo.

Per anni, gli scienziati si sono interrogati sulla “tensione di Hubble”. Ciò indica la difficoltà nel misurare la velocità con cui l’universo si sta espandendo: misurazioni diverse mostrano velocità diverse e gli scienziati non sono stati in grado di dire perché.

Questa differenza può essere il risultato di problemi con la misurazione della velocità, o può essere il risultato di un problema più profondo con la fisica alla base di tali misurazioni. Da allora gli scienziati sono rimasti perplessi sulle difficoltà e hanno faticato a capire perché.

Una nuova ricerca fornisce la misurazione più accurata di un particolare tipo di stella. Amplifica anche la tensione, indicando che le nostre misurazioni sono corrette e che qualcosa di più profondo sta accadendo mentre l’universo si espande.

“Questa discrepanza è di grande importanza”, ha detto in una nota Richard Anderson della Scuola politecnica federale di Losanna, che ha guidato il lavoro. Supponiamo di voler costruire un tunnel scavando in due lati opposti di una montagna.

Se ho capito bene il tipo di roccia e se i tuoi calcoli sono corretti, i due fori che fai si incontreranno al centro.

“Ma se non lo fanno, allora hai commesso un errore: o i tuoi calcoli sono sbagliati o ti sbagli sul tipo di roccia. Questo è ciò che accade con la costante di Hubble.

READ  Svelare i misteri delle malattie del cervello: quando le proteine ​​rimangono bloccate nei solidi

Più conferme otteniamo sull’accuratezza dei nostri calcoli, più concludiamo che la discrepanza significa che la nostra comprensione dell’universo è sbagliata e che l’universo non è esattamente quello che pensavamo fosse”.

Oltre a mettere in discussione la nostra comprensione dell’espansione dell’universo, ha anche conseguenze per altre fisiche, come l’energia oscura e la gravità.

“Questo significa che dobbiamo ripensare i concetti fondamentali che costituiscono la base della nostra comprensione generale della fisica”, ha detto Anderson.

Un documento che descrive i risultati, “A 0.9% Calibration of the Cepheid Galactic Luminometer Based on Gaia DR3 Data for Open Clusters and Occurs”, è stato pubblicato questa settimana su Astronomia e astrofisica.