Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nvidia scatena le chiacchiere sulla possibile quotazione nel Dow Jones dopo il frazionamento azionario

Nvidia scatena le chiacchiere sulla possibile quotazione nel Dow Jones dopo il frazionamento azionario

(Reuters) – Il frazionamento azionario 10 per 1 di Nvidia, volto ad attrarre investitori al dettaglio, è entrato in vigore, scatenando speculazioni sulle possibilità del pioniere dell’intelligenza artificiale di essere incluso nell’indice blue-chip Dow Jones.

Questa divisione mira a ridurre il valore delle azioni per renderle più accessibili ai dipendenti e agli investitori, con conseguente aumento delle azioni in circolazione della società senza modificarne la valutazione di mercato.

“Un effetto collaterale del frazionamento azionario di Nvidia è che la metterà in competizione per seguire Amazon e Apple nel Dow Jones, il che potrebbe spingere le azioni della società Intel che attualmente hanno il peso più basso”, ha affermato Ben Laidler, stratega dei mercati globali presso Digitale. Intermediazione eToro.

Lunedì il titolo è sceso dello 0,2%, dopo essere salito di quasi il 27% da quando la società ha annunciato un frazionamento azionario e prospettive forti il ​​mese scorso. La scorsa settimana, il produttore dominante di chip di intelligenza artificiale ha raggiunto un valore di mercato di 3mila miliardi di dollari e ha superato Apple diventando la seconda azienda più preziosa al mondo, dietro solo a Microsoft.

“Storicamente, quando vediamo una tale tendenza verso una scissione, spesso c’è un effetto postumi di una sbornia e mi aspetto un po’ di stanchezza da parte degli acquirenti questa settimana”, ha detto delle azioni Nvidia Dennis Dick, un analista della struttura del mercato presso Triple D Trading.

Gli analisti di mercato affermano che i frazionamenti azionari tendono ad attrarre investitori al dettaglio che scambiano importi minori e hanno meno capitale da distribuire rispetto agli investitori istituzionali.

READ  Ex dirigente di Amazon condannato a 16 anni di carcere per un piano di rapina da 9 milioni di dollari

Tuttavia, i frazionamenti azionari più recenti non hanno generato un aumento significativo dell’attività di trading al dettaglio, ma ci sono state alcune eccezioni degne di nota come il frazionamento di Amazon nel 2022 e quello di Nvidia nel 2021, hanno affermato in una nota gli strateghi di Goldman Sachs guidati da David Kostin.

Inoltre, “gli investitori in genere assegnano valutazioni più elevate ai titoli liquidi a causa dei minori costi di negoziazione e della flessibilità in una varietà di ambienti di mercato”, hanno affermato gli strateghi.

Negli ultimi anni, i volumi degli scambi sono aumentati brevemente in seguito agli annunci di frazionamento azionario, ma hanno registrato pochi cambiamenti durante e dopo l’entrata in vigore dei frazionamenti, secondo un’analisi Goldman di 45 titoli Russell 1000 dal 2019.

Le azioni di Nvidia sono state scambiate l’ultima volta a 120 dollari per azione dopo il frazionamento, rispetto ai 1.200 dollari di venerdì, rendendole un potenziale contendente per l’indice Dow Jones ponderato in base al prezzo a 30 membri.

Una portavoce dell’S&P Dow Jones Indices ha dichiarato alla fine di maggio di non commentare né speculare su aggiunte o eliminazioni dall’indice.

(Segnalazione di Medha Singh a Bangalore; Segnalazione aggiuntiva di Pranav Kashyap e Arshia Bajwa; Montaggio di Devika Simnath)