Giugno 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

PacWest guida le perdite nei titoli delle banche regionali

PacWest guida le perdite nei titoli delle banche regionali

(Reuters) – Le azioni di Baquest Bancorp (PACW.O) hanno guidato i cali dei prestatori regionali statunitensi martedì poiché gli investitori temevano che l’attuale crisi bancaria potesse peggiorare.

Le azioni di PacWest sono scese del 5%, un giorno dopo che la decisione della banca con sede a Los Angeles di tagliare i suoi profitti trimestrali non è riuscita a dissipare le preoccupazioni sulla sua stabilità finanziaria.

Il KBW Banking Regional Index (.KRX) è sceso dell’1,5% e si aggirava vicino al minimo di 30 mesi toccato la scorsa settimana dopo il crollo della First Republic Bank e la decisione di PacWest di esplorare opzioni strategiche.

PacWest e Western Alliance, che sono state al centro delle vendite di banche regionali, hanno registrato il calo maggiore dei depositi nel primo trimestre dopo First Republic, secondo i dati di S&P Global Market Intelligence.

“Il percorso di deposito è una priorità assoluta per gli investitori, poiché il crollo di Silicon Valley, Signature Bank e First Republic ha coinciso con il percorso di deposito di massa”, ha affermato Alexander Yocum, analista azionario presso CFRA Research.

La sua opinione sulle banche regionali è neutrale in quanto le valutazioni deflazionistiche, i livelli di capitale relativamente solidi e la qualità del credito resiliente compensano le preoccupazioni per gli afflussi di depositi, il rallentamento della crescita dei prestiti e la forte esposizione a immobili per uffici in difficoltà.

In aggiunta ai problemi bancari, le società statunitensi di tutte le dimensioni hanno mostrato una minore domanda di credito nel primo trimestre rispetto a tre mesi fa, secondo un sondaggio della Federal Reserve, tra le prime misure di fiducia in tutto il settore dalla recente serie di banche fallimenti.

READ  Apple ha avuto sei mesi per portare l'iPad sotto la legislazione europea

Tuttavia, l’inasprimento delle condizioni di credito per le imprese e le famiglie americane nei primi mesi dell’anno è stato probabilmente dovuto all’effetto dell’aumento dei tassi di interesse dovuto al declino simile a un precipizio del credito che alcuni temevano dopo il crollo di marzo della banca della Silicon Valley, la Federal Riserva. Mostra sondaggio trimestrale.

“Prevediamo una certa erosione del credito nel corso dell’anno, ma crediamo anche che le banche abbiano visibilità sulle prospettive e possano gestire qualsiasi stress creditizio che emerge”, ha dichiarato in una nota John Arvstrom, analista di RBC Capital Markets.

Western Alliance (WAL.N) è sceso del 2,6%, mentre Clients Bancorp (CUBI.N) e First Horizon Corp (FHN.N) sono scesi rispettivamente del 4,7% e del 3,4%, con Arfstrom che ha notato il calo complessivo dei titoli bancari. . Le loro recensioni sono attraenti.

I dirigenti di Wall Street e gli analisti bancari la scorsa settimana hanno invitato le autorità di regolamentazione a fornire rapidamente una maggiore protezione per i depositi bancari e considerare altri punti di supporto, sostenendo che solo un intervento potrebbe fermare la crisi.

Dall’inizio degli utili del primo trimestre, i titoli mid-bank hanno perso il 9% e sono scesi in media del 29% dall’8 marzo, quando la banca della Silicon Valley ha rivelato una fuga di depositi, secondo l’analista di Morgan Stanley Manan Gosalia.

Ha affermato che il mercato ha reagito in modo eccessivo in quanto non vi è stato alcun segno di ulteriori deflussi di depositi, sebbene il costo dei fondi, la crescita dei prestiti e la regolamentazione potrebbero gravare sugli istituti di credito regionali.

(Segnalazione di Medha Singh a Bengaluru), Segnalazione aggiuntiva di Bansari Mayur Kamdar; Montaggio di Aaron Kuyor

READ  Mark Zuckerberg ha appena accennato a un sistema operativo per Meta e ha detto che si aspetta che il metaverso genererà centinaia di miliardi di entrate entro la fine del decennio

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.