Dicembre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Padres elimina i Dodgers e avanza all’NLCS

Padres elimina i Dodgers e avanza all'NLCS

San Diego – Centundici vittorie, svanite in cinque brevi notti. I Los Angeles Dodgers stavano andando, andando, fedeli uno alla volta verso il settimo inning mentre i San Diego Padres legavano insieme il corso delle loro vite.

I Dodgers non sapevano cosa li ha colpiti nel fulmine color senape dei Padres di sabato sera, e potrebbe volerci tutto l’inverno per scoprirlo.

Con cinque round a sorpresa in fondo al settimo, Padres ha consegnato un pugno ad eliminazione diretta 5-3. I Dodgers tornano a casa e i Padres avanzano all’inaspettata National League Championship Series contro i Philadelphia Phillies, che Sbarazzati del campione del mondo in carica Atlanta Braves In un’altra serie della divisione NL all’inizio di sabato. Martedì Al Feliz e Padres inizieranno la NLCS a San Diego.

“Il fattore shock, è molto alto”, ha detto Dave Roberts, direttore di Dodgers. “Delusione, molto alta.

“È travolgente.”

I Dodgers sono stati eliminati nella Division Series è uno sviluppo molto sorprendente. Solo tre squadre nella storia hanno vinto più partite di quante ne abbiano vinte i 111 Dodgers in questa stagione: i Chicago Cubs del 1906 (116-36), i Seattle Mariners del 2001 (116-46) e i New York Yankees del 1998 (114-48).

Molte delle loro serate quest’estate si sono concluse con una serie di strette di mano e un’anticipazione di ciò che sarebbe successo.

Quattro partite nella post-stagione, stavano improvvisamente parlando della loro estate al passato.

È dura”, ha detto Freddy Freeman, il primo uomo della squadra All Star. “Questa era davvero una buona squadra. Una squadra davvero buona. Il baseball di ottobre può essere brutale. “

Quando la famiglia Padres si precipitò allegramente fuori dal loro nascondiglio per iniziare una festa rauca dopo che Josh Hader si era avvicinato di lato nel nono inning, l’intero prefisso 619 sembrava essere esploso in orbita. I Dodgers, che hanno iniziato la serata fiduciosi che avrebbero riportato la serie a Los Angeles per la quinta partita di domenica sera, invece non sono riusciti a sfondare il muro del suono di Petco Park durante due serate e 18 round del ruggito assordante di “Beat LA ! Sconfiggi Los Angeles! “

Quando tutto finì, i Dodgers si svuotarono lentamente dalla loro tana nella quiete del loro club e nel discorso franco di Roberts. La loro freccia, Clayton Kershaw, fu una delle ultime a partire. Il secondo giocatore sulla base di Max Muncie ero Quest’ultimo, in piedi da solo per diversi minuti nel bunker vuoto e fissando la vista dei tuoni in campo.

READ  Finn Brailles si rifiuta di andarsene

Manny Machado era in piedi vicino alla collina del giocatore di bocce urlando e agitando selvaggiamente le braccia, esortando il pubblico ad alzare il livello dei decibel ancora più in alto. Il lanciatore Blake Snell ha corso intorno al campo tenendo alta un’oca di plastica a grandezza naturale, un cenno agli uccelli che sono atterrati sul campo a Los Angeles nella seconda partita. Sebbene quell’oca sia stata catturata dall’equipaggio di terra e, secondo i Dodgers, rilasciata in natura, Padres l’ha adottata in spirito come un portafortuna.

Non erano i Campionati del Mondo, ma i Padres tendono un’imboscata ai loro accaniti rivali in autostrada come uno dei più grandi sconvolgimenti post-stagione nella storia del baseball. Durante la stagione regolare, i Dodgers erano 22 partite migliori dei Padres in classifica, da 111 a 89. L’unica volta che una squadra ha battuto un avversario con più di 22 vittorie è stato ai Campionati del Mondo del 1906, quando ne hanno segnati 93. I Chicago White Sox hanno eliminato i Chicago Cubs con 116 vittorie. Questa differenza era di 23 partite.

“Quando non vinci il campionato del mondo, non importa se vinci 80 o 120 partite”, ha detto Freeman. “È solo una delusione”.

Kershaw ha fatto eco alla delusione, affermando: “Questo è ciò che rende grandi le vittorie e le sconfitte così brutte. Parte dell’essere in postseason è che è sorprendente. Finisce quando meno te lo aspetti”.

I Dodgers hanno un record di franchigia per percentuale di vittorie e vittorie. Hanno concluso con la migliore differenza di corsa nelle major: il numero di punti segnati da una squadra meno il numero di giri consentiti. La loro squadra di 334 ha superato gli Yankees (più 240) nella MLS e Atlanta (più 180) nella National League.

Ma in quattro partite contro San Diego, i colpi alla frizione raramente cadono e la giostra per tutta la stagione ha esaurito la benzina. Quando Freeman ha raddoppiato due punti nel terzo inning di sabato sera, ha tagliato la striscia di 0 su 20 dei Dodgers con i corridori al centro delle marcature in questa serie di divisioni. Tante opportunità, tante occasioni perse. Tutti, da Roberts a Freeman e oltre, al Dodgers Club hanno convenuto che i pipistrelli devono svegliarsi. E non l’hanno fatto.

READ  Rhys Hoskins sbatte il formidabile Homer per impostare Phillies contro Braves, le guardie superano gli Yankees di 10 partite

“Sono sicuro che ci sono state tre partite durante la stagione regolare in cui non siamo andati bene”, ha detto Freeman. “È un peccato che quello che è successo a noi in ottobre”.

È stata una notte di grandi sorprese. Le squadre hanno aspettato un timeout di 31 minuti prima dell’inizio della pioggia, un evento estremamente raro a San Diego. Quindi, dopo l’esplosione di cinque round dei Padres il settimo, i cieli si sono aperti di nuovo e i Dodgers hanno tuonato sotto una pioggia costante l’ottavo. A quel punto, la più grande folla post-stagione nella storia di Petco Park, 45139, era di nuovo in fiamme. All’inizio erano turbolenti, ma il vantaggio di 3-0 dei Dodgers li ha cullati in un’estasi cauta per la maggior parte della partita prima che il Padres Rally del settimo portasse canti più assordanti di “Beat LA! Beat LA” che salutava ogni battitore di risone come è salito nel box di battuta.

Come ha detto l’allenatore di San Diego Bob Melvin dopo la terza partita, era come se i fan affamati di titolo in questa città fossero pronti per il successo e per gestirsi da soli.

La settima corsa inning di Padres è arrivata all’improvviso e senza preavviso. I Dodgers hanno preso un vantaggio di 3-0 ei Padres, nei primi sei round, hanno segnato solo quattro colpi e sono avanzati solo due volte in seconda base. Il terzino sinistro di Los Angeles Tyler Anderson ha fatto solo il suo secondo inizio post-stagione nella sua carriera, negando loro due colpi in cinque inning. Chris Martin è entrato nell’equipaggio di Roberts durante il sesto posto.

Ma poi Tommy Kanley ha rilasciato una corsa preliminare per iniziare il settimo round, seguito da Trent Grisham, Austin Nola, Ha Seung Kim e Juan Soto con quattro canzoni di seguito e improvvisamente la direzione del gioco è cambiata drasticamente. Padres ha masticato tre antidolorifici nel settimo – Kahnle, Yency Almonte e Alex Vesia – mandando al piatto 10 battitori.

“Uno degli inning di baseball più pazzi che abbia mai visto”, ha detto il giocatore dei Padres Joe Musgrove, che ha concesso due run e sei run su sei inning. “Una volta che abbiamo eliminato Anderson dal gioco, sapevamo di avere buone possibilità di battere i loro giochi. Questi ragazzi sono stati abituati negli ultimi due giorni. Li abbiamo visti alcune volte”.

READ  Gli Yankees hanno inserito Giancarlo Stanton nella lista degli infortunati

Eseguito due volte, il singolo di Kronworth ha dimostrato la differenza nel gioco. Ciò è avvenuto dopo che Vecia sinistro ha sostituito la mano destra con Almonte 1 e 0. Roberts ha detto che Almonte avrebbe dovuto rinunciare alla pole position per dare a Vesya più tempo per riscaldarsi. Kronworth, che ha detto di non aver mai affrontato un cambio di campo nel mezzo di un combattimento, si è preso il tempo per tornare in panchina e assorbire l’intelligenza di Physia. Ha funzionato.

Il fedele Robert Suarez ha poi continuato il suo dominio sui Dodgers con l’ottavo inning 1-2-3. La folla ha sentito l’omicidio diventare più forte.

E quando Hader terminò la partita alle nove, i Padres ottennero il biglietto per il loro primo NLCS dal 1998, quando batterono Atlanta per avanzare solo al secondo campionato del mondo nella loro storia. Lì, sono stati spazzati via dagli Yankees, una delle tre squadre nella storia ad aver vinto più partite dei Dodgers quest’anno.

Al Padres non voleva alcun ruolo nel ritorno a Los Angeles domenica. Tanto per cominciare, sapevano che Julio Urillas, l’asso dei Dodgers, avrebbe aspettato. Per lo più, però, volevano organizzare una festa per i loro fan al Petco Park.

“Per quanto sappiamo che c’è molto baseball davanti a noi e più partite da giocare, è qualcosa da festeggiare”, ha detto Musgrove. “Perché per molto tempo questi ragazzi del nord ci hanno picchiato e cacciato via dalla partita dei playoff e ci hanno tolto il campionato ogni anno.

“Quindi questi fan meritano di festeggiare stasera come un momento per cambiare le sorti, speriamo”.

Dall’altro lato, le volte erano vuote e la stagione che era stata per secoli era quasi finita. Mentre il lanciatore Dustin May si stava dirigendo verso la porta, si fermò abbastanza a lungo da dare a Kershaw un colpo d’addio sulla sua spalla.

Kershaw alzò lo sguardo e sorrise di cuore e disse: “Guarda, fratello”.

Dopo stasera, non ci sarà più baseball per i Dodgers. Ci sarà solo inverno.