Maggio 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Peter Higgs: il fisico britannico vincitore del premio Nobel muore a 94 anni

Peter Higgs: il fisico britannico vincitore del premio Nobel muore a 94 anni

Peter MacDiarmid/Getty Images

Il defunto fisico Peter Higgs si trova di fronte a un'immagine del Large Hadron Collider nella mostra “Collider” al Science Museum nel novembre 2013, a Londra.



Londra

Il fisico Peter Higgs, la cui teoria di una particella sconosciuta nell'universo ha cambiato la scienza e la cui scoperta vincitrice del Premio Nobel è stata confermata mezzo secolo dopo, è morto all'età di 94 anni, ha detto martedì l'Università di Edimburgo.

La scoperta del bosone di Higgs nel 2012 presso un centro di ricerca del CERN vicino a Ginevra è stata ampiamente acclamata come il più grande progresso nella conoscenza dell’universo da oltre 30 anni, spostando la fisica verso idee che in precedenza erano fantascienza.

“Per me personalmente, questa è solo la conferma di qualcosa che ho fatto 48 anni fa, e mi fa grande piacere che in qualche modo mi sia dimostrato che avevo ragione”, disse all'epoca lo scienziato britannico a Reuters.

“All'inizio non mi aspettavo che sarei stato ancora vivo quando fosse successo.”

L'Università di Edimburgo, dove Higgs ha ricoperto la cattedra per molti anni, ha dichiarato che è morto serenamente lunedì nella sua casa dopo una breve malattia.

Il professor Sir Peter Matheson, rettore e vicerettore dell'Università, ha dichiarato: “Peter Higgs era una persona straordinaria, uno scienziato davvero dotato, la cui visione e immaginazione hanno arricchito la nostra conoscenza del mondo che ci circonda”.

Higgs si descriveva come un “disadattato” nel laboratorio di fisica della scuola e inizialmente preferiva matematica e chimica. Ma ispirato dal fisico quantistico Paul Dirac, che frequentò la stessa scuola, si specializzò in fisica teorica.

READ  Una sorprendente medusa scopre che mette alla prova ciò che è noto sull'apprendimento e sulla memoria

Quello che divenne noto come bosone di Higgs risolverebbe il mistero da dove molte particelle fondamentali traggono la loro massa: interagendo con l'invisibile “campo di Higgs” che si propaga nello spazio.

Questa interazione, nota come meccanismo Brot-Englert-Higgs, ha portato l'Higgs e il belga François Englert a vincere il Premio Nobel per la fisica nel 2013. Robert Brot, che era assistente di Englert, è morto nel 2011.

Nel 1964, il primo articolo di Higgs sul modello fu rifiutato da una rivista accademica di fisica del CERN in quanto “non aveva alcuna relazione con la fisica”. Il suo articolo rivisto, sebbene pubblicato settimane dopo la ricerca di Englert e Brot, fu il primo a predire esplicitamente l'esistenza di una nuova particella.

“Durante il fine settimana… mi sono reso conto gradualmente che sapevo che due cose dovevano essere combinate”, ha detto. “Sono dovuto tornare nel mio ufficio lunedì e assicurarmi di non aver fatto nulla di sbagliato in questo.”

Questa allettante intuizione prometteva di colmare una lacuna nel Modello Standard – la struttura teorica di base della fisica – se solo fosse stata dimostrata l’esistenza della particella.

Per quasi tre decenni, i fisici del CERN e del Fermilab di Chicago hanno replicato il “Big Bang” facendo schiantare insieme le particelle, sperando di intravedere il bosone di Higgs nei mini-esplosioni risultanti.

Il Large Hadron Collider del CERN Alla fine è stato dimostrato che si trattava del martello necessario per rompere una noce e, nel 2012, due esperimenti indipendenti hanno trovato il bosone di Higgs.

Englert e Higgs erano nella sala gremita del CERN per ascoltare l'annuncio della scoperta, mentre centinaia di migliaia di persone guardavano online.

READ  La NASA annulla un satellite per il cambiamento climatico per monitorare i gas serra

“Abbiamo raggiunto un punto di svolta nella nostra comprensione della natura”, ha detto Rolf Heuer, direttore generale dell'Organizzazione europea per la ricerca nucleare, tra un fragoroso applauso.

“È incredibile che questo possa accadere durante la mia vita”, ha detto Higgs, confuso e con gli occhi spalancati, ai suoi colleghi ricercatori.

Il bosone di Higgs completa il Modello Standard, ma la sua piena comprensione è ancora in fase di elaborazione. La sua scoperta ha permesso ai teorici di rivolgere la loro attenzione alla gran parte dell'universo che rimaneva inspiegata, così come a idee esoteriche come la possibilità di universi paralleli.

L'Higgs era ateo e odiava il soprannome di “particella di Dio”, spesso dato dagli scrittori al bosone che porta il suo nome.

Aveva opinioni forti su ciò che era buono e cattivo nella scienza e si dimise dal Movimento per il disarmo nucleare quando iniziò una campagna contro lo sfruttamento dell'energia nucleare.

Nel 1962, Higgs sposò Jody Williamson, una linguista americana e attivista per il disarmo nucleare, morta nel 2008. Ebbero due figli.

Higgs era modesto riguardo ai suoi successi e timido nei confronti dei media. In un'intervista sul sito web del Premio Nobel, ha raccontato come la mattina in cui sarebbe stato annunciato il Premio Nobel 2013, aveva anticipato l'attenzione dei media e ha preso provvedimenti per evitarla.

Lasciò la sua casa di Edimburgo, dove era professore onorario all'università, e andò a fare una passeggiata intorno al porto, seguita da un pranzo e da una mostra d'arte.

Mentre tornava a casa, uno dei suoi ex vicini si è congratulato con lui per il premio.

READ  Gli scienziati hanno scoperto una nuova fisica nella ricerca della materia oscura

“Ho detto: 'Quale premio?'”, ricorda ridendo.

(Segnalazione di Robert Evans e Tom Miles) – Segnalazione aggiuntiva di Farouk Suleiman – Preparato da Muhammad per l'Arab Bulletin – Preparato da Muhammad per l'Arab Bulletin Redazione di Praveen Char e Mark Heinrich