Luglio 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'ULA conclude sessant'anni di voli con i razzi Delta con la missione finale Delta Heavy 4: Spaceflight Now

L'ULA conclude sessant'anni di voli con i razzi Delta con la missione finale Delta Heavy 4: Spaceflight Now
Un razzo ULA Delta 4 Heavy decolla dallo Space Launch Complex 37 martedì 9 aprile 2024. Questo è stato il sedicesimo e ultimo lancio del razzo Delta 4 Heavy. Immagine: Adam Bernstein/Space Flight Now

La seconda volta è stata il fascino del finale della famiglia Delta Rocket. Dopo che un problema con una tubazione di azoto gassoso al di fuori del controllo della United Launch Alliance (ULA) ha causato un guasto il 28 marzo, un secondo tentativo di lancio il 9 aprile ha avuto successo.

Un razzo Delta IV Heavy è stato lanciato dallo Space Launch Complex 37 (SLC-37) presso la stazione spaziale delle forze armate di Cape Canaveral alle 12:53 EDT (1653 UTC). “Il razzo più metallico di sempre”, come lo ha descritto il presidente e amministratore delegato dell'ULA Torey Bruno, è partito dalla piattaforma all'inizio della finestra di lancio, trasportando un carico utile per il National Reconnaissance Office (NRO).

Negli ultimi quattro minuti prima del decollo finale, secondo Bruno, sono sorti due problemi. La prima è stata la violazione dei limiti del vento al suolo, che ha portato allo stop iniziale. A ciò si aggiungeva un problema sorto con la pompa del gas azoto.

Il sistema di condutture che serve le piattaforme di lancio attive sia al Kennedy Space Center che al CCSFS è di proprietà della NASA e gestito dall'appaltatore principale, Air Liquide.

In risposta alle domande di Spaceflight Now sull'entità del problema e sulle misure adottate per risolverlo, Air Liquide ha fornito la seguente dichiarazione:

Air Liquide è impegnata a fornire una fornitura sicura e affidabile di gas industriali all'industria spaziale statunitense, come fa con successo da oltre 60 anni. Air Liquide conferma che il 28 marzo si è verificato un guasto alla pompa del suo impianto di azoto che fornisce lo Space Launch System (SLS) della NASA. Air Liquide ha collaborato diligentemente con la NASA per comprendere le circostanze e risolvere la situazione, ed è pronta sul posto a supportare il lancio programmato del razzo Delta IV Heavy.

READ  SpaceX rinvia il lancio del Crew-8 della NASA al 2 marzo a causa del maltempo

In un follow-up con la NASA in merito alle misure adottate, l’agenzia ha affermato di essere “a conoscenza del fatto che Air Liquide ha adottato misure per risolvere i problemi delle pompe nel suo impianto di azoto”, aggiungendo: “Apprezziamo i loro sforzi in questa materia”.

“Come sempre, la NASA Kennedy continua a monitorare il gasdotto e le altre infrastrutture per i principali beni di lancio sulla proprietà Kennedy e adotterà tutte le ulteriori misure necessarie per garantire la consegna di queste importanti risorse”, ha affermato la NASA in una nota.

Anche il 45th Weather Squadron si aspettava condizioni di lancio molto migliori per questa seconda corsa. Le previsioni del giorno del lancio mostravano una probabilità del 90% di condizioni meteorologiche favorevoli durante la finestra di lancio, con possibili cumulonembi come unica osservazione.

Missile NRO

La missione NROL-70 porterà in orbita un veicolo spaziale del National Reconnaissance Office (NRO). Poiché si tratta di un carico utile segreto, si sa poco del satellite e delle sue capacità.

Durante una conferenza stampa pre-lancio alla fine di marzo, il dottor Chris Scoles, direttore dell'NRO, ha osservato che il carico utile NROL-70 aiuterebbe a rafforzare le capacità necessarie sul campo senza entrare nei dettagli.

“Fornirà una capacità fantastica di cui molte persone e organizzazioni hanno bisogno, ovviamente decisori, combattenti e altri, per essere in grado di vedere cosa sta succedendo sul campo”, ha detto Scoles.

Delle 16 missioni effettuate dal missile Delta IV Heavy, 12 erano a sostegno delle missioni NRO. Bruno ha scherzato durante la conferenza stampa dicendo che era “il tuo missile”, riferendosi a Scalise.

READ  Gli scienziati hanno rivelato un genoma umano più diversificato

“Questo sarà il nostro sedicesimo volo. Tutti tranne quattro sono stati designati per NRO a causa delle loro capacità uniche”, ha detto Bruno. “Quindi, non vediamo l'ora che la missione abbia successo e che questo straordinario veicolo venga ritirato in grande stile”.

Il veicolo a tre nuclei sarà sostituito nelle capacità dal razzo Vulcan dell'ULA. Ha effettuato la sua prima missione di certificazione con il lancio del lander lunare Peregrine di Astrobotic a gennaio e si sta preparando a effettuare una seconda missione di certificazione a bordo dello spazioplano Dream Chaser di Sierra Space.

In Risposta In risposta alle segnalazioni secondo cui avrebbero potuto seguire un percorso diverso verso la certificazione, con un carico utile diverso o con una sola missione, Bruno ha criticato la cosa, sottolineando che l'ULA “non ha richiesto che il nostro piano di certificazione fosse modificato da due voli a uno” e che loro “non hanno intenzione di farlo.” “Con quello.”

Nel corso di cinque anni di richieste di National Security Space Launch (NSSL) come parte della seconda fase di premi, 26 delle 48 missioni totali sono state assegnate all'ULA, di cui 25 destinate ai voli con Vulcan. La prima missione del nuovo veicolo di lancio sarà l'USSF-106. Delle nove missioni NRO premiate, sette verranno lanciate utilizzando Vulcan.

La fase finale della famiglia di razzi Delta arriva anche mentre l'ULA si prepara a lanciare il suo primo equipaggio di astronauti nell'orbita terrestre bassa con l'imminente test di volo del Boeing Starliner Crew. Questa navicella spaziale si sta preparando a decollare verso l'altra piattaforma di lancio dell'ULA presso lo Space Launch Complex 41 (SLC-41) la prossima settimana.