Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Proteste degli agricoltori: l'Unione Europea impone restrizioni su alcune importazioni ucraine esenti da dazi

Proteste degli agricoltori: l'Unione Europea impone restrizioni su alcune importazioni ucraine esenti da dazi

Commenta la foto,

Si prevede che mercoledì più di 70.000 agricoltori protesteranno contro le politiche dell’UE in Polonia

La Commissione europea ha proposto di imporre un tetto alle importazioni esenti da dazi di alcuni prodotti ucraini dopo mesi di proteste da parte degli agricoltori europei.

Secondo la proposta, avena, uova, pollame e zucchero potrebbero essere soggetti a restrizioni per evitare che le importazioni a basso costo colpiscano gli agricoltori dell’UE.

Tutte le altre importazioni ucraine nell’UE rimarranno esenti da dazi almeno fino a giugno 2025.

Questi includono grano e orzo, nonostante le obiezioni degli agricoltori.

La proposta della Commissione dovrà ora essere approvata dagli Stati membri dell'UE e dal Parlamento europeo.

Le importazioni esenti da dazi furono introdotte per sostenere l’agricoltura ucraina in seguito all’invasione russa su larga scala.

Ciò ha portato a diffuse proteste da parte degli agricoltori dell’Europa orientale, che si sono lamentati di essere danneggiati dai prodotti agricoli ucraini a buon mercato che non rispettavano gli standard dell’UE.

In risposta, l’Unione Europea ha dichiarato a gennaio che avrebbe introdotto un “meccanismo di salvaguardia” che le consentirebbe di reimporre tariffe di emergenza sull’Ucraina se l’aumento delle importazioni minacciasse di destabilizzare il mercato.

La decisione di limitare le importazioni esenti da dazi ucraini “allevierà la pressione sugli agricoltori dell’UE nel caso in cui siano esposti a un improvviso aumento delle importazioni ucraine”, ha affermato l’UE presentando la sua ultima serie di misure.

Ma molti sindacati degli agricoltori non sono convinti.

“Questa proposta non risponde alle preoccupazioni dei produttori e pertanto rimane inaccettabile”, ha affermato Christiane Lambert della potente Associazione europea degli agricoltori di Cuba-Cogeca.

Il capo dell’Unione francese dei giovani agricoltori ha dichiarato ai media francesi che, sebbene l’accordo sia “nella giusta direzione… non è abbastanza lontano”.

Marc Visnot, ministro francese dell'Agricoltura, ha affermato che l'accordo avrebbe dovuto includere più cereali, compreso il grano, e che la proposta finale “non era ciò che voleva”.

Mercoledì migliaia di agricoltori polacchi hanno nuovamente bloccato le strade e i valichi di frontiera con i loro trattori. La polizia ha detto che si stima che parteciperanno 70.000 persone.

Dall’inizio delle proteste all’inizio di quest’anno, l’Unione Europea si è mossa per dissipare alcune delle preoccupazioni degli agricoltori, soprattutto per quanto riguarda gli obiettivi di sostenibilità del blocco.

L’Unione Europea ha affermato che ridurrà i requisiti imposti al settore agricolo per ridurre le emissioni nette di gas serra e rinuncerà alla proposta di dimezzare i pesticidi. Ha inoltre concesso una deroga parziale alla regola di lasciare i terreni a riposo.

READ  La Spagna chiede ai "turisti del fuoco" di stare alla larga dagli incendi