Giugno 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Riforme giudiziarie israeliane: la Knesset ha approvato una legge che protegge Netanyahu dall’espulsione, tra le proteste per i cambiamenti giudiziari

Riforme giudiziarie israeliane: la Knesset ha approvato una legge che protegge Netanyahu dall’espulsione, tra le proteste per i cambiamenti giudiziari

(CNN) Benjamin Netanyahu Ha resistito agli appelli per far cadere la controversa riforma della magistratura israeliana in un focoso discorso televisivo giovedì, ore dopo che il suo governo ha approvato una legge che i critici hanno condannato come tentativo di proteggere la sua posizione.

I politici dell’opposizione israeliana hanno precedentemente denunciato la nuova legge, che limiterebbe le modalità con cui il primo ministro in carica può essere dichiarato non idoneo alla carica, descrivendola come un mezzo di protezione. Netanyahuche sta affrontando un processo per corruzione in corso.

Con un voto di 61 contro 47 voti finali, la Knesset ha approvato il disegno di legge in cui si afferma che solo il primo ministro stesso o il gabinetto, con una maggioranza di due terzi, possono dichiarare il leader non idoneo. Successivamente, il voto del Gabinetto deve essere approvato da una maggioranza assoluta in Parlamento.

L’ex primo ministro Yair Lapid ha definito la mossa una “legge personale vergognosa e corrotta” e ha affermato che Netanyahu “stava solo badando a se stesso”.

Successivamente, Netanyahu ha raddoppiato i suoi piani controversi per indebolire la magistratura israeliana, nonostante le proteste di lunga data e gli interventi dei leader internazionali, nonché le preoccupazioni della sicurezza e dell’establishment militare di Israele.

“Sto lavorando a una soluzione e sono attento alle preoccupazioni dell’altra parte. Abbiamo già apportato modifiche”, ha detto, indicando un annacquamento del disegno di legge che darebbe al governo il potere di nominare i giudici – un parziale l’inversione ha annunciato lunedì che i critici respingono come insufficiente.

I media israeliani hanno riferito giovedì scorso che il ministro della Difesa Yoav Gallant, un membro del partito Likud di Netanyahu, annuncerà che ritiene che la riforma giudiziaria debba essere interrotta a causa del danno che sta arrecando all’esercito israeliano. Centinaia di riservisti israeliani, incluso personale dell’aeronautica appositamente addestrato, hanno dichiarato che rifiuteranno le chiamate al servizio se la revisione passerà, perché non si sentiranno più come se servissero un governo democratico.

Ma Gallant è stato convocato nell’ufficio di Netanyahu per un incontro e ha annunciato che avrebbe ritardato la sua dichiarazione.

READ  Israele bombarda una moschea in un campo profughi nella Cisgiordania occupata | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

“Invece di fermare la legislazione e calmare la situazione, Netanyahu ha svolto ancora una volta il ruolo della vittima e ha continuato a diffondere bugie oltraggiose contro il sistema giudiziario che sono prive di fondamento”, ha dichiarato Lapid in una dichiarazione giovedì sera.

“Invece di incolpare tutti e incolpare i patrioti israeliani che stanno combattendo per il futuro dei propri figli, assumetevi la responsabilità per una volta”, ha detto a Netanyahu.

La legge rafforza la posizione di Netanyahu

Una dichiarazione della Knesset giovedì ha affermato che la legge approvata giovedì afferma che “il potere di dichiarare un primo ministro incapace apparterrà esclusivamente al governo o alla Knesset e avverrà solo a causa di incapacità fisica o mentale”.

Il disegno di legge impedisce anche alla Corte Suprema di prendere in considerazione la “richiesta di dichiarare inabile il presidente del Consiglio”.

“Poiché l’attuale primo ministro deriva il suo potere e la sua autorità dal popolo attraverso i suoi rappresentanti, questa proposta riflette l’attuale concezione secondo la quale la rimozione del leader contro la sua volontà è decisa dai soli rappresentanti del popolo senza la partecipazione di un braccio non eletto ”, afferma la dichiarazione.

Le donne ballano durante le proteste contro le controverse riforme giudiziarie di Netanyahu a Tel Aviv il 22 marzo 2023.

Ciò è avvenuto un giorno dopo che l’ambasciatore israeliano negli Stati Uniti è stato convocato martedì alla Knesset per votare l’abrogazione della legislazione del 2005 che in precedenza ordinava l’evacuazione di quattro insediamenti israeliani costruiti nel nord della Cisgiordania.

L’ufficio del primo ministro israeliano ha successivamente confermato che non sarebbero stati stabiliti nuovi insediamenti nelle aree precedentemente lasciate libere ai sensi della legge sul disimpegno del 2005, nonostante le cancellazioni.

L’Ufficio del Primo Ministro ha affermato in un comunicato che la decisione della Camera dei Rappresentanti “di annullare parti della legge sulla separazione pone fine a una legge discriminatoria e umiliante che vieta agli ebrei di vivere nelle aree a nord della Samaria, che fa parte della nostra patria storica ,” usando un nome biblico per una parte della Cisgiordania.

READ  Biden conclude frettolosamente la sua conferenza stampa mentre i giornalisti gridano alle domande "Sono qui fuori".

Ma il governo non intende stabilire nuovi insediamenti in queste aree”.

L’IDF, che tratta l’area come una zona militare chiusa che vieta l’ingresso ai civili israeliani, ha detto che sta ancora “imparando il significato del disegno di legge e agirà secondo la legge”. Nessuna modifica sarà attuata nell’area senza l’approvazione dell’IDF.

Secondo il diritto internazionale, è considerata la Cisgiordania terre occupate Gli insediamenti lì sono illegali, a cui Israele si oppone.

In un’intervista con Becky Anderson della CNN mercoledì, il leader laburista Michaeli ha dichiarato: “Penso che le proteste dovrebbero essere un segnale di avvertimento e i segnali provenienti da Washington dovrebbero essere un semaforo rosso per Benjamin Netanyahu e per lui per fermare ciò che è”. Per salvare non solo la democrazia israeliana e lo Stato di Israele, ma anche i rapporti con gli Stati Uniti.

“Posso solo sperare che il mio primo ministro Benjamin Netanyahu lavorerà insieme il prima possibile e non permetterà alle relazioni USA-Israele di raggiungere un punto che è pericoloso per Israele e che non va bene per la regione”, ha detto. Ho continuato.

Michaeli ha detto di essersi opposta alla legislazione, definendola una “decisione molto dannosa e pericolosa”. “Uno dei motori di questo colpo di stato giudiziario che ora stanno cercando di aggirare sono i coloni che da molti anni vogliono rovesciare la Corte Suprema di Israele perché vogliono poter fare qualsiasi cosa in Cisgiordania che vogliono fare .”

La leader dell’opposizione israeliana ha affermato il sostegno storico del suo partito per una soluzione pacifica al conflitto israelo-palestinese, riferendosi al defunto primo ministro Yitzhak Rabin, che ha firmato gli accordi di Oslo con l’allora leader palestinese Yasser Arafat. Ha affermato che il partito laburista sa quanto il conflitto in Cisgiordania sia strettamente legato alla riforma giudiziaria.

L’opposizione condanna la legislazione

Figure dell’opposizione hanno annunciato l’intenzione di impugnare la legge che limita le modalità con cui un primo ministro in carica può essere dichiarato non idoneo alla Corte Suprema.

READ  Si ritiene che la Corea del Nord abbia lanciato missili balistici, ha riferito NHK

“Come ladri nella notte, la coalizione ha appena approvato una legge personale vergognosa e corrotta in risposta a una voce infondata sulle dimissioni. Ogni cittadino di Israele dovrebbe saperlo – giorni prima della Pasqua ebraica, mentre il costo della vita aumenta, Netanyahu è di nuovo alzando gli occhi”, ha detto Lapid. Giovedì.

Michaeli ha affermato che la legge approvata è una “legge vergognosa e vergognosa il cui unico scopo è impedire a Netanyahu di andare in prigione”.

“Questo è tutto ciò che la coalizione e questo governo fanno con la legislazione personale e un colpo di stato del regime”, ha detto, “Sacrificano lo Stato di Israele per stabilirsi sotto un governo corrotto”.

Il nuovo governo di estrema destra di Netanyahu ha intrapreso piani controversi per riformare il sistema giudiziario del paese minando la Corte Suprema e indebolendo il controllo giudiziario sulle decisioni politiche.

Netanyahu, il primo primo ministro israeliano in carica a comparire in tribunale come imputato, è stato processato con l’accusa di frode, abuso di fiducia e corruzione. Nega ogni addebito.

I manifestanti sono scesi in piazza nelle ultime settimane per la controversa riforma giudiziaria del governo.

Nell’ambito di un accordo con la corte per servire come primo ministro nonostante il suo processo in corso, Netanyahu ha accettato di dichiarare un conflitto di interessi. Il procuratore generale ha quindi deciso che l’annuncio significava che Netanyahu non poteva partecipare alla definizione delle politiche di riforma giudiziaria. Una petizione è attualmente all’esame della Corte Suprema israeliana per dichiarare Netanyahu non idoneo alla carica sulla base del fatto che ha violato questa dichiarazione sul conflitto di interessi.

Per mesi, centinaia di migliaia di israeliani sono regolarmente scesi in piazza per protestare contro la radicale riforma, affermando che danneggerà la democrazia israeliana. A loro si sono uniti personaggi di spicco nei settori della sicurezza, dell’alta tecnologia, della finanza e del mondo accademico in Israele.