Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Secondo il Fondo monetario internazionale, quest’anno gli Stati Uniti cresceranno al doppio del tasso dei paesi del G7

Secondo il Fondo monetario internazionale, quest’anno gli Stati Uniti cresceranno al doppio del tasso dei paesi del G7

Gli Stati Uniti sono sulla buona strada per crescere quest’anno a un ritmo doppio rispetto al resto del G7, secondo le previsioni del FMI, mentre la forza della più grande economia mondiale scuote i mercati internazionali.

Secondo l’ultimo rapporto del fondo, il rafforzamento della spesa e degli investimenti delle famiglie aiuterà la crescita degli Stati Uniti a salire al 2,7% quest’anno. Prospettive economiche mondiali.

Questa cifra è superiore al 2,5% stimato per il 2023 e rappresenta un miglioramento di 0,6 punti percentuali rispetto alla previsione precedente.

Le proiezioni evidenziano il ruolo dell’economia statunitense come motore della crescita globale mentre gli investitori di tutto il mondo ricalibrano le aspettative per un taglio dei tassi di interesse della Federal Reserve.

Il Fondo monetario internazionale ha affermato che il prossimo miglior risultato nel G7 quest'anno sarebbe il Canada con l'1,2%.

L'espansione della Germania sarebbe la più debole tra quelle del G7, pari allo 0,2%. Si prevede che il Giappone registrerà una crescita dello 0,9%, mentre il Regno Unito si espanderà solo dello 0,5% dopo la stagnazione nel 2023.

Martedì i mercati azionari globali sono scesi e le valute asiatiche si sono apprezzate rispetto al dollaro, a seguito di una svendita a Wall Street che ha suggerito che la banca centrale potrebbe tagliare i tassi quest’anno meno di quanto si pensasse in precedenza, stimolata dai forti dati sulle vendite al dettaglio negli Stati Uniti.

Il capo economista del Fondo monetario internazionale, Pierre-Olivier Gourinchas, ha dichiarato al Financial Times che, mentre la “linea di base” prevedeva ancora tagli di tre quarti quest’anno, la ripresa dell’economia statunitense potrebbe mandare fuori rotta la banca centrale.

“Se le pressioni inflazionistiche persistessero oltre quelle attuali, in particolare negli Stati Uniti, ci aspettiamo che avranno tagli successivi e meno tagli”, ha affermato.

L'indice Stoxx Europe 600 ha chiuso in ribasso dell'1,5%, la giornata peggiore da luglio. L'indice S&P 500 statunitense è rimasto poco cambiato dopo le perdite del giorno precedente. Il cambiamento delle aspettative sui tassi statunitensi ha colpito anche i mercati valutari, spingendo la rupia indiana ai minimi storici e mandando la rupia indonesiana al livello più debole degli ultimi quattro anni rispetto al dollaro.

Gourinchas ha aggiunto che i tagli dei tassi della Fed potrebbero essere ritardati da quest'estate fino al quarto trimestre – dopo le elezioni presidenziali di novembre – se l'inflazione dovesse superare le aspettative del FMI.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden spera che la forza economica degli Stati Uniti lo aiuterà a superare il suo deficit elettorale contro il presunto repubblicano Donald Trump.

Un sondaggio FT-Michigan Ross di questa settimana ha rilevato che il numero di elettori registrati che approvano la gestione dell'economia da parte di Biden è in crescita, ma rimane una minoranza e quattro su cinque hanno espresso profonda preoccupazione per l'inflazione. Qualsiasi ritardo nei tagli dei tassi di interesse da parte della banca centrale potrebbe anche danneggiare le speranze di rielezione del presidente.

Attualmente, gli investitori si aspettano che la banca centrale tagli i tassi entro settembre e forse più di una volta prima della fine dell’anno.

La recente crescita sostenuta degli Stati Uniti ha aiutato l’economia globale a evitare il duro atterraggio a lungo temuto a seguito degli aumenti dei tassi di interesse.

Ma la forte domanda ha aumentato la pressione sui prezzi, a differenza del Regno Unito e dell’Eurozona.

Il FMI ha affermato che l’inflazione negli Stati Uniti continuerà a diminuire, ma ha alzato le sue previsioni per quest’anno al 2,9%, rispetto al 2,4% previsto per l’Eurozona e al 2,5% nel Regno Unito.

Gourinchas ha affermato che la Banca Centrale Europea e la Banca d'Inghilterra potrebbero tagliare i tassi perché non si trovano ad affrontare “elementi di inflazione così forti guidati dalla domanda”.

Ha pubblicato le sue previsioni mentre i governatori delle banche centrali e i ministri delle finanze presenti alle riunioni primaverili congiunte del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington hanno affermato che l’attività economica globale si è dimostrata “sorprendentemente resiliente” anche dopo che le banche centrali hanno alzato i tassi per frenare l’inflazione.

Ma ha anche messo in guardia sui rischi per la ripresa globale, in particolare sulla possibilità di un nuovo aumento dei prezzi delle materie prime a seguito del conflitto in Medio Oriente.

Con una crescita globale prevista al 3,2% quest’anno e il prossimo, stimata entro il 2023, il quadro più ampio è ancora un’espansione modesta rispetto agli standard storici.

Il Fondo monetario internazionale ha affermato che gli effetti persistenti della pandemia di coronavirus, l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, la debole crescita della produttività e la crescente “frammentazione geoeconomica” stanno ostacolando l’espansione.

La causa dell’inflazione nelle economie avanzate è stata aiutata da un aumento dell’occupazione più forte del previsto, in parte dovuto all’afflusso di migranti, ha affermato il FMI. È emerso che la forza lavoro nata all’estero crescerà più rapidamente della forza lavoro nazionale a partire dal 2021 in economie tra cui Canada, Eurozona, Regno Unito e Stati Uniti.

Tra le altre principali economie, il FMI prevede che la crescita della Cina rallenterà dal 5,2% al 4,6% nel 2023, mentre le previsioni per l’India, una delle economie in più rapida crescita al mondo, sono state riviste al rialzo al 6,8% quest’anno.

La Russia ha ricevuto uno dei maggiori miglioramenti, con una crescita prevista al 3,2% quest’anno, 0,6 punti percentuali in più rispetto a quanto previsto in precedenza, seguita da una crescita dell’1,8% nel 2025. A gennaio il Fondo monetario internazionale ha raddoppiato le sue previsioni sulla crescita russa. Le prospettive hanno alimentato le preoccupazioni tra le nazioni del G7 secondo cui le sanzioni non sono riuscite a danneggiare l’economia di guerra di Vladimir Putin.

Gourinjas ha affermato che l’espansione russa è guidata in parte dai forti ricavi delle esportazioni di petrolio combinati con robusti investimenti privati.

“La domanda interna è molto forte”, ha detto. “Le sanzioni sono ancora in fase di erosione e hanno un impatto graduale sull'economia russa, ma l'economia rimane molto resiliente”.

READ  I giovani elettori hanno aiutato i Democratici. Ma gli esperti differiscono su quanto.