Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sei stati stanno ripensando il modo in cui condurranno le primarie nel 2024

Sei stati stanno ripensando il modo in cui condurranno le primarie nel 2024

Almeno sei stati stanno valutando la possibilità di modificare i propri sistemi elettorali primari nel 2024, e quasi tutti stanno cercando modi per aprire le primarie partigiane per coinvolgere più elettori.

Le primarie partigiane sono le elezioni con la più bassa affluenza e le più importanti negli Stati Uniti, dove il gerrymandering ha ridotto significativamente il numero di gare competitive. I sostenitori sostengono che l’apertura delle primarie a tutti gli elettori ridurrebbe l’estremismo in politica e coinvolgerebbe più americani, mentre i critici sostengono che i partiti hanno il diritto di nominare i candidati che scelgono.

Otto stati sono completamente chiusi, tra cui Nevada e Pennsylvania, dove solo i membri registrati del partito possono votare, secondo la Conferenza nazionale delle legislature statali, mentre molti altri hanno poche restrizioni su chi può partecipare. Sedici stati consentono agli elettori di votare alle primarie, mentre una manciata di stati, tra cui California e Alaska, hanno un'unica primaria e consentono a più candidati di avanzare alle elezioni generali.

Ecco cosa sta succedendo in ogni stato che dovrebbe cambiare.

Arizona

Un gruppo bipartisan nella politica dell'Arizona sta lanciando uno sforzo ben finanziato chiamato “Make Elections Fair Arizona” che mira a inserire l'emendamento costituzionale nelle elezioni di novembre.

Quasi 1,5 milioni di elettori dell'Arizona Non affiliato a nessun partito. Per votare alle primarie partigiane, devono essere affiliati a un partito o richiedere il voto di un partito prima delle elezioni. L’emendamento metterebbe tutti i candidati nella stessa scheda elettorale affinché tutti gli elettori possano prenderli in considerazione.

Non è chiaro come funzionerebbero le elezioni generali con questo sistema; Questo emendamento consente al legislatore statale o al segretario per i poteri statali di determinare il processo. Gli elettori devono utilizzare il voto a scelta classificata per garantire che non più di cinque candidati possano avanzare e, se ci sono tre candidati, il vincitore ha il sostegno della maggioranza degli elettori.

READ  Gli astronomi hanno scoperto sei pianeti in orbita attorno a una vicina stella simile al Sole

Secondo il consulente politico Chuck Coughlin Nella campagna, il gruppo prevede di spendere circa 5 milioni di dollari per la raccolta delle firme e 6,5 milioni di dollari per approvare l’emendamento.

Nel tentativo di anticipare l'emendamento, i legislatori statali repubblicani hanno presentato due emendamenti al ballottaggio del prossimo anno che includerebbero gli attuali sistemi primari partigiani nella costituzione dello stato e vieterebbero il sistema primario proposto e il voto a scelta classificata. Coughlin ha detto di essere soddisfatto della scelta binaria che il voto offre agli elettori e ha sostenuto che ciò avrebbe reso il suo lavoro più semplice.

“La nostra campagna diceva: 'Ehi, se ti piace come sta andando, votali fuori. Se non ti piace come sta andando, votaci fuori'”, ha detto. “Noi siamo il cambiamento, loro sono lo status quo.”

Idaho

Gli abitanti dell'Idaho sono sulla buona strada per le primarie aperte per arrivare al ballottaggio di novembre. Secondo gli organizzatori, i volontari del gruppo hanno raccolto finora 50.000 firme. Per qualificarsi per lo scrutinio, hanno bisogno delle firme di 63.000 elettori registrati dell'Idaho e di almeno il 6% degli elettori in 18 dei 35 distretti legislativi dell'Idaho. Per raggiungere questo obiettivo, il gruppo prevede di raccogliere 100.000 firme prima della scadenza di maggio.

Se approvata al ballottaggio, la misura creerebbe primarie apartitiche per gli elettori nello stato e istituirebbe il voto a scelta classificata. Elezioni generali.

Jim Jones, ex procuratore generale dello stato ed ex giudice della Corte Suprema dello stato, ha affermato di essersi offerto volontario con il movimento perché ritiene che le primarie consentano a troppo pochi elettori di estrema destra di eleggere la maggior parte dei legislatori nello stato a forte maggioranza repubblicana. .

READ  Luis Rubiales: la federazione calcistica spagnola minaccia un'azione legale contro la vincitrice della Coppa del Mondo femminile Jennifer Hermoso.

“Questo è l'unico modo in cui posso vedere che possiamo raddrizzare la politica dell'Idaho”, ha detto. “Le primarie repubblicane si sono chiuse nel 2012 e da allora la legislatura si è spostata sempre più a destra”.

Jones si è detto “positivo” che il provvedimento elettorale passerà.

“Segnerà davvero un cambiamento epocale nella politica dell'Idaho”, ha detto.

Pennsylvania

Nel 2023, i legislatori della Pennsylvania hanno introdotto due progetti di legge che consentirebbero agli elettori indipendenti di votare alle primarie partigiane nello stato, dove quasi 1 milione di elettori non sono affiliati ad alcun partito politico e attualmente non possono votare alle primarie di nessun partito.

David Thornburgh, presidente di Ballot PA, un gruppo che sostiene il cambiamento, ha affermato che il sostegno alla misura abbraccia l’intero spettro politico, dai repubblicani che sostengono Donald Trump ai democratici progressisti.

“Più la guerra partigiana diventa brutta, più i disabili diventano”, ha detto.

Oregon

I sostenitori dell’Oregon stanno raccogliendo firme per inserire un emendamento costituzionale nella votazione del 2024. Se approvato, l’emendamento richiederebbe allo Stato di utilizzare primarie apartitiche in quasi tutte le elezioni. Le primarie presidenziali manterranno il loro processo di nomina partigiana. Attualmente, gli elettori non affiliati non possono votare nelle primarie partigiane in Oregon.

Finora un gruppo di volontari chiamato All Oregon Votes ha raccolto alcune migliaia di firme. Hanno bisogno di 160.000 firme per qualificarsi per il ballottaggio di novembre.

Michael Calcagno, presidente del comitato All Oregon Votes, ha detto che il gruppo spera di attrarre donatori e investimenti che gli consentiranno di assumere raccoglitori di firme pagati, senza i quali teme non raccoglierà abbastanza firme in modo tempestivo.

READ  Biden ha definito Xi un dittatore dopo il vertice attentamente pianificato

“Non credo che costruiremo un futuro migliore e realizzeremo il potenziale del nostro Stato se non includeremo pienamente tutti gli elettori aventi diritto nelle elezioni”, ha detto Calcagno.

Nevada

Nel 2022 gli elettori del Nevada hanno votato per la prima volta per approvare un emendamento costituzionale che apre le primarie dello stato. Attualmente, solo gli elettori affiliati a un partito politico possono votare alle primarie, il che esclude gli oltre 627.000 elettori attivi apartitici dello stato.

Se gli elettori autorizzeranno nuovamente la misura delle primarie aperte nel 2024, la costituzione dello stato richiederebbe primarie aperte con voto a scelta classificata per tutti i candidati alle cariche federali, statali e legislative ed elezioni generali per determinare il vincitore.

Ohio

Nel frattempo, i legislatori dell’Ohio stanno valutando due proposte che renderebbero le loro primarie più restrittive, costringendo gli elettori a registrarsi presso un partito già un anno prima delle elezioni.

I sostenitori del disegno di legge hanno sostenuto in un'udienza in commissione a dicembre che le primarie ravvicinate sono migliori perché sono elettori. Interveniamo Nel processo di nomina di un altro partito, come da Giornale capitale dell'Ohio.