Dicembre 5, 2021

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Shi non c’è? La COP26 spera che il leader cinese non ci sia

  • La Cina “esce al massimo” dopo 3 importanti impegni sul clima – Consulente
  • Ulteriori concessioni sul carbone sono improbabili nel bel mezzo della crisi dell’offerta interna

Shanghai, 26 ottobre (Reuters) – I leader delle più grandi aziende del mondo Emettitori di gas serra Riunito a Glasgow da domenica, mira a scatenare piani e finanziamenti per spingere il pianeta verso l’energia pulita. Ma l’uomo che gestisce il più grande di loro non sarà lì.

La mancata partecipazione del presidente cinese Xi Jinping ai colloqui potrebbe indicare che il più grande produttore mondiale di CO2 ha già deciso che non ci saranno concessioni al vertice sul clima COP26 delle Nazioni Unite in Scozia. Impegni chiave Dallo scorso anno, hanno detto gli osservatori climatici.

Invece, il vice ministro dell’Ambiente Zhao Yingmin, che rappresenta la Cina, e il giocatore senior Xie Zhenhua sono stati riconfermati come miglior ambasciatore per il clima del paese all’inizio di quest’anno dopo una pausa di tre anni.

Li Shuo, consulente per il clima di Greenpeace a Pechino, ha dichiarato: “Una cosa è chiara”. Supporto di alto livello Dalla Cina e da altri emettitori”.

Il primo ministro indiano Narendra Modi è il leader della terza fonte mondiale di emissioni di cambiamenti climatici Assicurati di partecipare Summit COP26, dal 31 ottobre al 12 novembre. Come altri leader, sotto la pressione degli organizzatori del summit, ridurrà rapidamente le emissioni e fisserà una data obiettivo per raggiungere la neutralità del carbonio, l’obiettivo di Xi fissato nel 2060. Con una mossa sorprendente l’anno scorso.

Ma secondo un consulente ambientale, la Cina non vuole vedersi soccombere alle pressioni internazionali per obiettivi più ambiziosi. Una crisi paralizzante dell’alimentazione elettrica A casa. Il consigliere ha detto che Pechino ha “già fatto” e ha parlato in forma anonima, citando la delicatezza della questione.

READ  Aggiornamenti di notizie recenti: il presidente di Hong Kong difende l'ingresso isolato di Jamie Timon

Sebbene non ci sia stato alcun annuncio ufficiale, analisti e circoli diplomatici si aspettavano che alcuni partecipassero di persona alla COP26. Ha già perso diversi vertici globali di alto livello dall’inizio dell’eruzione del COVID-19 alla fine del 2019 e non ha partecipato fisicamente alla Conferenza sulla biodiversità globale a Kunming, in Cina, all’inizio di questo mese.

È improbabile che Xi dia la sua presenza fisica a una folla che non ha fatto progressi significativi, specialmente dopo che la Cina ha ostacolato gli sforzi degli Stati Uniti per trattare il clima come un problema “solitario”: è possibile un’apparizione virtuale in video. Dovrebbe essere separato dai più ampi conflitti diplomatici tra le due parti.

Invece di offrire più concessioni, la priorità assoluta di Cina e India è raggiungere un solido accordo finanziario che consentirà ai paesi ricchi di rispettare l’impegno dell’Accordo di Parigi di fornire 100 miliardi di dollari all’anno per aiutare il cambiamento climatico e la tecnologia pulita nei paesi in via di sviluppo. Shi ha partecipato di persona al Vertice di Parigi 2015.

preoccupazioni domestiche

Sebbene Xi non abbia viaggiato fuori dalla Cina da prima dell’epidemia, ha fatto tre importanti annunci sul clima nell’arena internazionale.

Il suo inaspettato impegno netto zero è arrivato in un discorso video all’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA) nel settembre 2020. Quell’annuncio ha incoraggiato le aziende, l’industria e altri paesi a rispondere con i propri piani d’azione net zero.

Xi ha affermato in un messaggio inviato a un vertice sul clima dai leader guidati dagli Stati Uniti ad aprile che la Cina inizierà a ridurre l’uso di carbone entro il 2026. Ha anche annunciato quest’anno l’utilizzo dell’UNGA. Decisione immediata di finanziare carbone estero, L’osso principale della controversia.

READ  Meadow, figlia di Paul Walker, sposa Louise Thornton-Allen

Come l’India, la Cina è sotto pressione per aggiungere ulteriore ambizione ai suoi rinnovati “Contributi determinati a livello nazionale” (NDC) sui cambiamenti climatici, che devono essere annunciati prima dell’inizio dei colloqui di Glasgow.

Tuttavia, le revisioni dovrebbero concentrarsi sull’attuazione degli obiettivi già annunciati piuttosto che renderli più ambiziosi.

La Cina ha ripetutamente sottolineato che le sue politiche climatiche sono progettate per servire le proprie priorità interne e non saranno perseguite a spese della sicurezza nazionale e dell’interesse pubblico.

Ma Jun, direttore dell’Istituto per gli affari pubblici e ambientali, una ONG con sede a Pechino che monitora l’inquinamento aziendale e le emissioni di gas serra, ha affermato che la Cina ha già abbastanza sfide climatiche da affrontare e che c’è poco da fare per andare oltre a Glasgow.

“Dati tutti gli interventi e tutti gli impegni, è importante tenerne conto e coordinarsi”, ha detto.

“Non è sufficiente mettere questi (impegni) sulla carta”, ha aggiunto. “Dobbiamo tradurli in azioni concrete”.

Relazione di David Stanway; Rapporto aggiuntivo di Neha Aurora a Nuova Delhi; Montaggio di Kenneth Maxwell

I nostri standard: Politiche della Fondazione Thomson Reuters.