Dicembre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

SpaceX ha completamente immagazzinato un razzo Starship per la prima volta in sei mesi

SpaceX ha completamente immagazzinato un razzo Starship per la prima volta in sei mesi

Per la prima volta in oltre sei mesi, SpaceX ha impilato due stadi di razzi Starship di nuova generazione, creando il veicolo di lancio completamente assemblato più grande e potente di sempre.

Non è la prima volta. SpaceX ha condotto altre tre demo di Starship: una ad agosto 2021 e di nuovo a febbraio e marzo 2022. Ma all’inizio di quest’anno, SpaceX (o almeno il CEO Elon Musk) ha deciso di abbandonare lo stadio superiore dei prototipi di booster Starship e Super Heavy che supportavano tutti e tre i test precedenti e, a un certo punto, sono stati considerati candidati per il primo tentativo di lancio orbitale del razzo. Booster 4 e Ship 20 vengono inviati al cantiere di pensionamento entro giugno 2022.

A quel punto, SpaceX aveva già iniziato a testare per la prima volta i nuovi favoriti per il lancio orbitale dell’astronave: il Super Heavy Booster 7 (B7) e l’astronave 24 (S24). Quasi sei mesi dopo quell’intenso periodo di test, entrambi i modelli hanno recentemente raggiunto il punto in cui SpaceX era abbastanza fiducioso nei propri progressi da combinare i due nella fase più impegnativa dei test dei veicoli spaziali fino ad oggi.

Dopo un tentativo fallito all’alba l’11 ottobre, i tecnici di SpaceX hanno scoperto alcuni misteriosi nodi nell’infrastruttura critica sulla (quasi) prima piattaforma di lancio orbitale di Starship a Boca Chica, in Texas. Come parte di una scommessa da carro a cavallo del CEO Elon Musk che ha visto SpaceX rimuovere completamente tutti i moderni modelli superpesanti e di veicoli spaziali in pieno di speranza Affinché un giorno sarà in grado di raccogliere stadi missilistici delle dimensioni di un edificio dall’aria, la società ha costruito una torre di lancio di 145 metri (~475 piedi) e l’ha dotata di tre giganteschi bracci robotici. Due di queste braccia sono identiche e attaccate l’una all’altra, formando una specie di artiglio che un giorno potrebbe avvicinarsi a razzi volanti per evitare la necessità di atterrare con le gambe. Un terzo braccio più semplice oscilla dentro e fuori per collegare lo stadio superiore dell’astronave per l’alimentazione della piattaforma di lancio, carburante e rifornimenti di gas.

Le “bacchette”, come sono conosciute, hanno un altro obiettivo più importante: assemblare i razzi del veicolo spaziale sulla rampa di lancio. Grazie al loro forte collegamento a una torre con una fondazione affondata nelle profondità delle zone umide di Boca Chica e un design che ignora un gancio sospeso o una maschera per bracci giganti, sono meno sensibili al vento rispetto alla massiccia gru altrimenti necessaria per impilare l’astronave su parte superiore del super pesante. Seduto a un tiro di schioppo dal Golfo del Messico, tempeste e forti venti non sono del tutto rari.

Verso il tramonto dell’11 ottobre, SpaceX ha avuto più fortuna al suo terzo tentativo ed è stato in grado di far scivolare i bracci in posizione sotto il 24. Pesa 100 tonnellate o più (circa 220.000 libbre) ed è largo nove metri (circa 30 piedi) e ~ Lunga 50 m (~165 piedi), la navicella è stata sollevata lentamente a circa 80 m (~250 piedi) da terra, traslata in Booster 7 e abbassata in cima al primo stadio alto 69 m (~225 piedi). Dopo circa altre due ore di modifica automatizzata delle loro posizioni, i due stadi del veicolo spaziale sono stati finalmente assicurati insieme. Con i bracci ancora attaccati alla Nave 24, i lavoratori di SpaceX sono stati in grado di avvicinarsi al razzo e prepararsi ad attaccare il cordone ombelicale del braccio oscillante all’astronave.

La nave 24 e il Booster 7 hanno completato finora diversi test importanti. (SpazioX)

Da quando hanno iniziato i test di qualificazione nell’aprile e maggio 2022, il Booster 7 e la Ship 24 hanno entrambi completato diversi test di prova del liquido di raffreddamento, otto “primi giri” per alcuni o tutti i loro motori Raptor e diversi incendi statici per quegli stessi motori. Gli ultimi sviluppi, La nave 24 ha acceso tutti e sei i velivoli da predaMa il test apparentemente riuscito dell’8 settembre è stato seguito da più di un mese di apparenti correzioni. Booster 7 ha finalmente completato un fuoco fisso acceso Ha segnato sette dei 33 motori Raptor Fornire un’idea di quanto SpaceX deve ancora impiegare per completare il test Super Heavy.

Secondo il CEO Elon Musk, Booster 7 e Ship 24 tenteranno la prima prova generale bagnata (WDR) di Starship una volta che tutto andrà bene. I prototipi verranno caricati simultaneamente con circa 5.000 tonnellate (~11 milioni di libbre) di ossigeno liquido e carburante metano e quindi alimentati attraverso un conto alla rovescia per il lancio. Spaziando appena prima dell’accensione e del decollo, WDR dovrebbe essere più o meno identico al tentativo di lancio.

Se l’esperimento di addestramento della muta va come previsto, SpaceX tenterà contemporaneamente di accendere tutti i 33 motori Raptor installati sul Super Heavy B7, rendendolo il più potente razzo liquido mai testato. Anche se tutti e 33 i motori non raggiungessero più del 60% della loro spinta massima di 230 tonnellate (~ 510.000 lbf), probabilmente batterebbero il record del missile sovietico N-1 di 4.500 tonnellate di spinta (~ 10 M lbf) alla superficie di il mare. Sarà anche il motore a razzo più acceso contemporaneamente in un singolo veicolo. SpaceX spingerà la busta attraverso diverse azioni e il successo è tutt’altro che garantito.

Non è chiaro se SpaceX tenterà immediatamente una prova completa o una sparatoria statica con 33 motori. Sulla base della cronologia dei test di Ship 24 e Booster 7, sarebbe un allontanamento dalla norma se l’azienda non progredisse lentamente verso entrambi i traguardi principali con test più piccoli nel frattempo. Almeno, supponendo che il test WDR venga completato senza troppi problemi, è possibile che SpaceX tenti almeno uno o più incendi statici temporanei utilizzando meno di 33 motori prima di tentare il primo test completo.

Se entrambe le fasi (avvio WDR completo e 33 unità statiche) vengono completate senza troppi problemi, è possibile che SpaceX passi direttamente ai preparativi per Il primo tentativo di lancio orbitale di Starship senza smontare il missile. Nello scenario più probabile che alcuni I problemi sorgono e alcuni Riparazioni necessarie, la pista sarà più tortuosa ma dovrebbe comunque terminare con un tentativo di lancio orbitale alla fine di quest’anno o all’inizio del prossimo.

Motore 33 Raptor V2 di Booster 7. (SpazioX)
Terzo stack stellare di successo per Mechazilla. (SpazioX)

SpaceX ha completamente immagazzinato un razzo Starship per la prima volta in sei mesi






READ  Lo studio dei teschi antichi fa luce sull'incrocio tra umani e Neanderthal