Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

SpaceX ha lanciato un cosmonauta russo nella missione spaziale Crew-5

SpaceX ha lanciato un cosmonauta russo nella missione spaziale Crew-5

Un razzo SpaceX con a bordo quattro astronauti è stato lanciato mercoledì verso la Stazione Spaziale Internazionale.

Il razzo è decollato dal Kennedy Space Center della NASA in Florida mercoledì pomeriggio. L’arrivo alla stazione spaziale è previsto poco prima delle 17:00 di giovedì.

Uno dei passeggeri della missione, l’Equipaggio-5, è la cosmonauta russa Anna Kekina. La sua presenza a bordo della navicella mostra che la cooperazione tra Stati Uniti e Russia continua sulla Stazione Spaziale Internazionale di fronte all’invasione russa dell’Ucraina.

Altri membri dell’equipaggio del volo di mercoledì sono Nicole Mann e Josh Cassada della NASA e Koichi Wakata dell’agenzia spaziale giapponese JAXA. I quattro trascorreranno sei mesi in orbita presso la stazione spaziale.

A luglio, la NASA e Roscosmos, la compagnia statale che sovrintende all’industria spaziale russa, hanno concluso un accordo per il trasporto di cosmonauti russi su razzi americani e astronauti della NASA su razzi russi Soyuz. Come parte dell’accordo, l’astronauta della NASA Frank Rubio è stato lanciato a bordo della nave Soyuz il mese scorso. La signora Kekina è la prima donna russa a guidare un razzo SpaceX.

Negli ultimi anni, anche prima della guerra in Ucraina, funzionari russi e americani hanno pensato al futuro della Stazione Spaziale Internazionale. L’avamposto in orbita è stato occupato ininterrottamente dal 2000 ed è amministrato congiuntamente da entrambi i paesi.

L’attuale accordo per la gestione della stazione scade nel 2024. Durante l’amministrazione Trump, funzionari della NASA Suggerisci di ritirare la Stazione Spaziale Internazionale E si rivolgono a Alternative commerciali. Tuttavia, non sembra probabile che nessuna stazione spaziale privata verrà lanciata così rapidamente e la NASA ora afferma di voler estendere le operazioni sulla Stazione Spaziale Internazionale fino al 2030.

READ  Il James Webb Space Telescope rivela l'atmosfera di un esopianeta come mai prima d'ora

La Russia ha detto che costruirà la propria stazione spaziale, ma ha anche indicato che non lascerà la Stazione Spaziale Internazionale finché non sarà pronta. Mentre Dmitry Rogozin, l’ex direttore generale di Roscosmos, ha minacciato in modo roboante che la Russia avrebbe lasciato il progetto, la Russia non ha mai comunicato ufficialmente che se ne sarebbe andata prima della fine dell’accordo nel 2024.

La Russia, come altre nazioni che partecipano alla stazione spaziale, sta attualmente parlando con la NASA di una proposta di estensione fino al 2030. La Russia ha suggerito che la sua partecipazione potrebbe non durare a lungo, ma ha anche affermato che non se ne andrà fino a quando la sua futura stazione spaziale non sarà operativa .

Mentre il futuro della stazione spaziale è ancora lontano all’orizzonte, la NASA e la Russia hanno dovuto affrontare la questione del trasporto degli equipaggi da e verso l’avamposto in orbita per il momento. Nei primi anni della stazione spaziale, prima della perdita dello Shuttle Columbia nel 2003, i due paesi si scambiarono i posti sulla navetta spaziale statunitense e sulla navicella spaziale russa Soyuz. Dopo che le navette spaziali sono state ritirate nel 2011, la NASA ha acquistato posti dalla Russia per trasportare i suoi astronauti da e verso l’orbita. Ciò è diventato superfluo quando la capsula Crew Dragon di SpaceX è diventata operativa nel 2020.

Ma la NASA voleva riprendere a scambiare i posti. Per il programma di scambio di posti non viene pagato denaro tra la NASA e Roscosmos. Invece, la disposizione ha lo scopo di aiutare a garantire il buon funzionamento della stazione spaziale, che è composta da un segmento guidato dalla Russia e da un segmento guidato dalla NASA.

READ  Guarda un serpente solare scivolare sulla superficie del sole - a 380.000 miglia orarie

“Forniscono la propulsione”, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson durante la copertura del lancio della NASA Television. “Noi, gli Stati Uniti, forniamo l’elettricità. Quindi per la sicurezza di tutto l’equipaggio, così come per il funzionamento della stazione, abbiamo bisogno che i due siano lì ora, soprattutto in termini di sicurezza”.

La preoccupazione è che una sorta di emergenza, ad esempio un grave problema di salute con un membro dell’equipaggio, potrebbe portare a un ritorno anticipato sulla Terra. Anche tutti i membri dell’equipaggio a bordo della navicella spaziale dovranno tornare sulla Terra. (Altrimenti, non ci saranno abbastanza posti sul veicolo spaziale rimanente.) Se tutti i russi arrivassero a bordo di una Soyuz, ciò lascerebbe la parte russa della stazione spaziale senza un equipaggio che la gestisca.

“Gli equipaggi di volo integrati assicurano che ci siano membri dell’equipaggio adeguatamente addestrati a bordo della stazione per la manutenzione essenziale e le passeggiate nello spazio”, ha affermato la NASA in una dichiarazione a luglio quando la signora Kekina è stata annunciata come membro dell’equipaggio 5.

Nonostante le tensioni sul terreno dall’invasione russa dell’Ucraina, le operazioni sulla Stazione Spaziale Internazionale non sono state molto influenzate. Ma c’erano tensioni sul terreno. Quando Rogozin era ancora alla guida di Roscosmos, ha chiesto la revoca delle sanzioni economiche contro le compagnie aeree russe mentre minacciava di lasciare la stazione spaziale russa. E a luglio, in una rara ondata di disapprovazione, la NASA ha criticato aspramente l’agenzia spaziale russa Roscosmos per aver distribuito le foto di tre cosmonauti russi sulla stazione spaziale che trasportava la nave. Bandiere dei separatisti sostenuti dalla Russia In due province dell’Ucraina.

READ  L'ultimo test pre-lancio del nuovo razzo lunare Artemis presenta problemi sulla rampa di lancio

Poco dopo, il signor Rogozin è stato sostituito e il suo successore, Yuri Borisov, era ancora più depresso.

Subito dopo la sua nomina, il signor Borisov lo suggerì Il coinvolgimento della Russia nella stazione spaziale dopo il 2024 Era incerto durante un incontro con il presidente russo Vladimir Putin a luglio. Ma Borisov e altri funzionari russi sono stati più cauti riguardo ai piani del loro paese, notando che la stazione orbitale indipendente della Russia non sarà costruita prima della fine di questo decennio.

“Non abbiamo intenzione di interrompere il nostro programma con equipaggio nemmeno per un minuto, quindi i nostri piani futuri saranno legati alla costruzione della stazione orbitale russa”. Il signor Borisov ha detto questa settimana all’Accademia delle scienze russa, secondo un rapporto di Roscosmos.

Durante una conferenza stampa della NASA dopo il lancio, a Sergei Krikalev, direttore esecutivo dei programmi di volo spaziale umano di Roscosmos, è stato chiesto se i russi stessero facendo uno sforzo coordinato per allentare le tensioni sollevate da Rogozin.

“La risposta è sì”, ha detto il signor Krikalev.

Lo scambio di seggi proseguirà il prossimo anno.

Andrey Fedyaev, un altro cosmonauta russo, sarà un membro di Crew-6, la prossima missione di SpaceX, prevista per febbraio.

La prossima missione Soyuz, il cui lancio è previsto in primavera, vedrà a bordo anche l’astronauta della NASA Laurel O’Hara.