Novembre 30, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tesla abbandonerà gli impianti più e meno produttivi questo mese

Tesla abbandonerà gli impianti più e meno produttivi questo mese

La foto dell'articolo intitolato Tesla abbandonerà gli impianti più produttivi e meno produttivi questo mese

immagine: Patrick Ball / AFP / Paul (Getty Images)

Tesla è gonfia ma non abbastanza, la Volkswagen rinuncia a uno dei suoi stabilimenti russi e alcune case automobilistiche vogliono andare avanti, purché l’assemblaggio vada fino in fondo. Tutto questo e altro ancora turno del mattino per mercoledì 6 luglio 2022.

Prima marcia: ostacoli alla produzione

Tesla ha costruito più auto il mese scorso rispetto a qualsiasi mese precedente, il che dovrebbe essere motivo di festa per i fan di Tesla.. Tuttavia, non è affatto vicino a dove l’azienda vuole essere dal punto di vista della produzione, non attraverso”Fornace di denaro gigante“A Berlino sta lottando per aumentare, e anche i problemi a Shanghai. Il produttore di veicoli elettrici sospenderà la produzione di tutti loro per un lungo periodo di tempo: due settimane in Germania e più di un mese in tutto il mondo. 3. modello e le linee Y in Cina.

L’obiettivo a Berlino è di abbattere le cose e migliorare con l’obiettivo di riprendere l’attività prima della fine di luglio, in modo che Tesla possa avvicinarsi al suo obiettivo di circa 10.000 auto a settimana lì. Al momento, viene implementato a un ritmo 1.000 auto, ma la fabbrica è nuova e la condensazione richiede tempo. Da Notizie sull’auto:

Lunedì, TeslaMag ha dichiarato che la casa automobilistica tedesca si prenderà una pausa di due settimane dall’11 luglio. Il sito web tedesco ha riferito che Tesla mira a quasi raddoppiare il suo tasso di produzione da agosto, citando una fonte non identificata.

Il Tesla Mag ha affermato che l’arresto è stato pianificato per un periodo più lungo. In precedenza, diversi media avevano riferito dei piani.

La RBB tedesca ha riferito lunedì che i tempi di fermo, che dureranno fino al 22 luglio, consentiranno di migliorare e modificare i processi di produzione dell’impianto automobilistico.

Bild ha citato un rapporto TeslaMag in cui afferma che parte della riparazione presso lo stabilimento si concentrerà sull’assicurarsi che le carrozzerie trascorrano solo 30 secondi in ogni stabilimento di produzione, piuttosto che spendere fino a tre minuti in ogni fase.

Tesla ha dichiarato di voler produrre 500.000 auto all’anno a Grünheide. Ma finora, l’impianto produce solo 1.000 auto a settimana – circa un decimo del piano, ha detto Bild, aggiungendo che non è chiaro quanti dei 4.500 dipendenti sarebbero stati mandati in congedo e quanti tecnici sarebbero rimasti per riorganizzare la produzione. .

I problemi sono diversi a Shanghai. Questo impianto è in realtà il più produttivo dell’azienda, ma è stato recentemente ostacolato dalle chiusure dovute al COVID. Tesla ha scelto di affrontare questo problema in modo prevedibile, il modo in cui le aziende tendono a fare quando devono scegliere tra la salute dei propri dipendenti e fare meno soldi:

Il colpo più grande per le prestazioni di Tesla nell’ultimo trimestre è arrivato dalla chiusura di Shanghai per settimane in risposta all’epidemia di COVID. L’azienda ha compiuto sforzi straordinari per riaprire la sua fabbrica e mantenerla in funzione, con migliaia di lavoratori che dormono in loco per mantenere la produzione parziale.

Non è stata l’unica azienda, per non parlare della casa automobilistica, che ha introdotto Sistema a circuito chiuso Girato in Cina, così com’è Merita. In questo momento, qualcuno da qualche parte sta leggendo questo e loda Elon Musk per aver adottato un modo nuovo e innovativo per consentire ai lavoratori di mantenere il proprio lavoro durante la pandemia.

Seconda marcia: BYD

Nel frattempo, il più grande produttore cinese di veicoli elettrici ha raggiunto una pietra miliare, a seconda di chi chiedi, comunque. Con 641.000 auto vendute nella prima metà del 2022, la sua produzione ha superato quella di Tesla nel mondo, che ha prodotto 564.000 auto. C’è una distinzione importante, però, che lascerò alla gente Financial Times Spiegare:

Molti modelli BYD sono veicoli ibridi plug-in, che utilizzano una batteria di grandi dimensioni più un motore tradizionale per lunghi viaggi, ma sono considerati veicoli a “emissioni zero” secondo le regole di vendita cinesi.

In altre parole, BYD potrebbe proiettare la sua sconfitta a Tesla in Cina, perché la Cina considera i veicoli elettrici come veicoli a emissioni zero, allo stesso modo in cui conta le auto a gas zero. Quindi è davvero troppo presto per dire che un’altra azienda ha superato il modello di Tesla la batteria base elettrica.

Allo stesso tempo, I PHEV sono fantasticise è troppo pesante È probabilmente la forma più pratica di un’auto ibrida o elettrica ai tempi in cui viviamo – e probabilmente dovrebbe ricevere un po’ più di attenzione di quella che ricevono.

Terza marcia: Volkswagen e Russia

La Volkswagen sta uscendo da una fabbrica in Russia, ma non sta abbandonando completamente la produzione nel Paese. Da Reuters:

Un sindacato ha affermato che il gruppo Volkswagen interromperà la produzione a Nizhny Novgorod, in Russia, dove le auto Volkswagen e Skoda vengono assemblate in base a un contratto con il gruppo GAZ, citando la lettera dell’azienda ai dipendenti dello stabilimento.

La Volkswagen ha annunciato a marzo che la produzione nei suoi siti di Kaluga e Nizhny Novgorod sarebbe stata sospesa fino a nuovo avviso a causa delle sanzioni occidentali e le esportazioni di automobili verso la Russia sarebbero state sospese con effetto immediato.

Il sindacato ha detto a Reuters, citando l’annuncio della Volkswagen ai dipendenti fatto martedì, che la società tedesca avrebbe terminato le operazioni a Nizhny Novgorod, 430 km a nord-est di Mosca.

Il motivo della mossa era “la carenza di parti prodotte dall’Unione Europea, componenti molto importanti dall’Ucraina, la mancanza di equivalenti fatti in casa, l’interruzione delle catene logistiche e l’imprevedibilità dei termini e delle condizioni per la ripresa del lavoro”, il presidente del sindacato Dmitry Trudovoy ha detto, citando una dichiarazione Volkswagen ai suoi dipendenti. .

Secondo Trudovoy, le attrezzature di assemblaggio e altre macchine saranno trasferite allo stabilimento di Kaluga della Volkswagen, che è di proprietà diretta della casa automobilistica. Volkswagen impiega circa 4.200 dipendenti a Kaluga.

GAZ cercherà di sostituire la produzione Volkswagen a Nizhny Novgorod con altri modelli. Questo è più o meno quello che è successo quando la Renault si è ritirata dalla Russia, ed ecco come è successo, per gentile concessione di National Public Radio, Radio Pubblica:

Ad esempio, la casa automobilistica francese Renault aveva precedentemente costruito auto Lada in fabbriche in tutto il paese attraverso una partnership con un produttore statale russo. Quando la Renault si ritirò dalla Russia, il governo russo decise di nazionalizzare le fabbriche e produrre auto in proprio. Dal momento che non poteva più importare componenti esteri, il produttore russo è stato costretto a produrre auto sprovviste di cambio automatico, freni antibloccaggio e nemmeno airbag.

Conosco molte persone che rischierebbero gravi lesioni in un incidente d’auto rispetto a un cambio manuale.

Quarta marcia: attira un po’ di attenzione

Si dice che tre marchi – Alpine, Skoda e presumibilmente uno dei 20 appartenenti a Stellantis – siano interessati a unirsi a Hyundai, Toyota e Ford (più o meno) nel Campionato del mondo di rally. L’unico problema è che il loro supporto sembra essere subordinato al fatto che il WRC diventi completamente elettrico, il che non è possibile al momento perché la serie è diventata un ibrido solo per il 2022. Motorsport.com:

Motorsport.com riconosce che i marchi Alpine, Skoda e Stellantis Group, proprietari di Abarth, Alfa Romeo, Chrysler, Citroen, Dodge, DS, Fiat, Jeep, Lancia, Maserati, Opel, Peugeot e Vauxhall, hanno annunciato il loro interesse ad entrare a far parte del WRC , se cambiassero i regolamenti, con due marchesi desiderosi di un futuro più dipendente dall’elettricità.

Un incontro tra un gruppo di costruttori e la FIA si è svolto al Rally del Portogallo a maggio per discutere del futuro corso del WRC. Il Gruppo Renault, che prende la forma delle Alpi, era presente in loco con il Direttore dei Progetti di Espansione Racing David Preview. Il marchio francese sembra essere impegnato nell’adozione di auto completamente elettriche da parte del WRC, come rivelato dal CEO Luca De Meo a febbraio.

“Mi interessa esplorare e resta da vedere se riusciremo a trovare le condizioni giuste per prendere parte al Campionato del Mondo di rally, ma voglio farlo con un’auto elettrica, cosa che al momento non è possibile”, ha detto De ha detto Meo.

Qualcosa di simile è successo in Formula 1, dove Audi e Porsche stanno aggrappandosi alla loro partecipazione come una carota su un bastone nella FIA, in cambio di una classe che adotti regolamenti che soddisfino le loro missioni di marca. Finché la formula proposta è valida dal punto di vista tecnico e competitivo, va tutto bene e l’obiettivo della F1 è ridurre i costi dei propulsori adottando anche carburanti sintetici. L’obiettivo non è ancora del tutto elettrico, perché semplicemente non è possibile; Almeno Audi e Porsche sembrano capirlo. Questo è più di quanto si possa dire per i marchi interessati al WRC, a quanto pare.

5a marcia: EV Training Center for University of Michigan Plans

Si chiama Michigan Electric Vehicle Center e sarà costruito nel campus di Ann Arbor della scuola. Da Crane Corporation presso Detroit Business, via Notizie sull’auto:

Il Michigan Center for Electric Vehicles dovrebbe essere costruito in collaborazione con lo stato e l’università, secondo il portavoce di UM Rick Fitzgerald.

“La creazione del Michigan Electric Vehicle Center consentirà allo stato di sfruttare le risorse esistenti presso la messaggistica unificata e altre istituzioni educative statali per concentrarsi sul futuro della tecnologia dei veicoli elettrici e sullo sviluppo della forza lavoro”, ha affermato Fitzgerald in un’e-mail a Detroit Business di Crain. Una filiale di Automotive News. “Sarà progettato per sfruttare le strutture esistenti all’interno o vicino al College of Engineering nel North Campus”.

L’esistenza del progetto è stata rivelata venerdì dopo che i legislatori del Michigan hanno approvato un budget di 77 miliardi di dollari che include 1 miliardo di dollari di stanziamenti. L’importo maggiore – 130 milioni di dollari – è stato destinato al nuovo centro di formazione per i veicoli elettrici.

L’accreditamento finanzierà la “costruzione e programmazione” del centro, che sarà gestito dall’università, secondo copia della fattura.

“Questo investimento statale è essenziale per consolidare la posizione di leadership del nostro stato – e della nostra nazione – nel settore dei veicoli elettrici”, ha affermato Fitzgerald.

Fitzgerald ha affermato che il nuovo centro EV è in linea con il Battery Laboratory, Mcity, UM Transportation Research Institute e il programma di robotica dell’università, mettendo il College of Engineering dell’università “in una posizione unica per guidare questo sforzo in tutto lo stato”.

Il programma di produzione non è ancora chiaro, ma è probabile che sarebbe dovuto succedere anni fa.

Rovescio: quando ne riceviamo un altro

Sega Rally Online Arcade Gara classica

Secondo la mia breve ricerca, oggi non è stato un giorno particolarmente speciale nella storia dell’auto, ma lo è stato. Arcade online di Sega Rally ero È stato rilasciato per PlayStation 3 nel Regno Unito nel 2011, per MobyGames. Sega Rally è stato il migliore, Sega dovrebbe fare qualcos’altro. L’azienda sembra non avere alcun interesse a farlo, ma fortunatamente Uno sviluppatore indipendente che cerca di farlo.

Neutrale: guardiamo MotorWeek

1996 Dodge Viper GTS | recensione retrò

oggi Grazie Andy Calmowitz per avermelo ricordato Che tutti gli archivi di MotorWeek siano su YouTube. È un fatto che dimentico regolarmente, ma quando qualcosa me lo fa ricordare, mi vengono le vertigini. Dovrebbe essere così che si sente il pesce rosso. Comunque, ecco una recensione di Dodge Viper Coupé di prima generazione.

READ  I timori di recessione non possono frenare il boom delle materie prime