Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tornano le turbolenze sul mercato obbligazionario del Regno Unito

Tornano le turbolenze sul mercato obbligazionario del Regno Unito

Per proteggersi – o coprirsi – dalle variazioni dei tassi di interesse, i fondi pensione utilizzano complessi contratti finanziari chiamati derivati. Il valore di questi derivati ​​è legato all’oro. L’iniziale svendita dei Treasury a settembre, in risposta al piano di taglio delle tasse del governo, è stata così rapida e brusca che il valore della copertura è crollato. A causa del modo in cui i derivati ​​sono regolamentati, il calo del loro valore ha portato a richieste da parte dei partecipanti al mercato dall’altra parte di tali accordi di ulteriori garanzie per coprire le perdite.

Sorpresi dalla velocità di questa mossa, i gestori dei fondi pensione hanno iniziato a vendere altre attività, comprese le obbligazioni auree, per raccogliere il denaro necessario per coprire le richieste di garanzie. Queste vendite hanno solo esacerbato la situazione, a seguito della quale i prezzi dell’oro sono diminuiti.

Il sell-off ha costretto la Banca d’Inghilterra a intervenire per ripristinare la stabilità del mercato obbligazionario e ad avviare un programma di acquisto di obbligazioni in oro a breve termine il 28 settembre. All’epoca, la banca centrale aveva dichiarato che avrebbe interrotto i suoi acquisti venerdì, sperando di dare ai fondi pensione il tempo sufficiente per consolidare le garanzie e stabilizzarsi.

Tuttavia, il settore dei fondi pensione è generalmente lento e la vendita di attività, nonché il trasferimento di contanti per la garanzia, possono richiedere del tempo. Alcuni gestori patrimoniali hanno affermato che fino alla scorsa settimana i clienti dei fondi pensione ritiravano ancora i loro fondi mentre cercavano di raccogliere più liquidità.

Rendendosi conto che gli investitori rimangono preoccupati per la scadenza di venerdì, la Banca d’Inghilterra lunedì ha annunciato ulteriori misure di sostegno, inclusi l’acquisto di obbligazioni indicizzate all’inflazione e una struttura temporanea che fornirebbe prestiti a breve termine alle banche in cambio di titoli di stato.

READ  ESCLUSIVO: Mosca stabilisce nuovi severi controlli sul commercio estero delle attività russe

Fino a martedì, la banca centrale aveva speso quasi 7 miliardi di sterline per l’acquisto di obbligazioni, ben al di sotto dei potenziali 65 miliardi di sterline che aveva messo a disposizione nel corso del programma. La banca centrale ha anche speso quasi 2 miliardi di sterline in acquisti di obbligazioni legate all’inflazione, parte dell’allocazione ampliata di lunedì in quanto ha affermato che avrebbe acquistato fino a 5 miliardi di sterline al giorno per il resto della settimana.

Convinto che questo dovrebbe essere sufficiente, il capo della banca centrale Andrew Bailey ha dichiarato martedì che la scadenza di venerdì era ancora in vigore, dicendo direttamente ai fondi pensione che avevano “tre giorni rimasti”.