Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ultime notizie sulla guerra tra Israele e Hamas: gli Stati Uniti stanno costruendo un molo per far entrare gli aiuti a Gaza via mare

Ultime notizie sulla guerra tra Israele e Hamas: gli Stati Uniti stanno costruendo un molo per far entrare gli aiuti a Gaza via mare

Il Fondo monetario internazionale ha accettato di raddoppiare il pacchetto di salvataggio per l’Egitto, che sta attraversando la peggiore crisi economica degli ultimi decenni, aggravata dalla guerra nella vicina Striscia di Gaza e in Ucraina.

Il fondo prevede ora di fornire 8 miliardi di dollari all’Egitto, rispetto ai 3 miliardi iniziali annunciati nell’ottobre 2022.

Il capo della missione del Fondo monetario internazionale in Egitto, Ivana Vladkova Hollar, ha osservato in una conferenza stampa che la già sofferente economia egiziana è stata ulteriormente danneggiata dal conflitto tra Israele e Hamas, che ha tagliato il vitale commercio turistico del paese.

Nel frattempo, le entrate del Canale di Suez sono diminuite della metà dopo che i militanti Houthi, che affermano di agire in solidarietà con i palestinesi a Gaza, hanno iniziato ad attaccare le navi mercantili che utilizzavano le rotte marittime del Mar Rosso.

Il primo ministro egiziano Mostafa Madbouly ha affermato che l’accordo consentirà al governo di garantire ulteriori 1,2 miliardi di dollari, più di 8 miliardi di dollari, dal Fondo per la pertinenza ambientale del Fondo monetario internazionale, e incoraggerà i partner per lo sviluppo come la Banca mondiale e l’Unione europea a dare all’Egitto Di più. Prestiti per aiutarli a raggiungere la stabilità finanziaria.

La settimana scorsa, l’Egitto ha concluso un accordo da 35 miliardi di dollari con gli Emirati Arabi Uniti per lo sviluppo di parti della sua costa mediterranea. I funzionari egiziani lo hanno celebrato come il più grande investimento diretto estero nella storia dell'Egitto.

Alcune ore prima dell’annuncio dell’accordo con il Fondo monetario internazionale, nel tentativo di contenere l’elevata inflazione, la Banca centrale egiziana ha svalutato la valuta di oltre il 35% – si è trattato della quarta svalutazione in due anni – e ha aumentato i tassi di interesse di 600 punti base.

Negozi nel vecchio Cairo islamico a marzo. Nel tentativo di frenare l’elevata inflazione, la Banca Centrale egiziana ha svalutato la valuta di oltre il 35%.credito…Fatima Fahmy per il New York Times

Madbouly ha affermato che il suo governo e il Fondo monetario internazionale hanno raggiunto un consenso sugli obiettivi del piano di riforme strutturali dell'Egitto.

READ  L'esperto fiscale tedesco Hanno Berger è stato condannato a otto anni di carcere

Ha aggiunto che l'obiettivo è aumentare le riserve valutarie, ridurre l'onere del debito, garantire il flusso di investimenti diretti esteri e lavorare per raggiungere elevati tassi di crescita per l'economia egiziana.

Madbouly ha affermato che il governo e il Fondo monetario internazionale sono impegnati a adottare misure di protezione sociale per i gruppi vulnerabili che saranno interessati dai piani di riforma.

Negli ultimi 18 mesi, una grave carenza di valuta estera in Egitto, che dipende fortemente dalle importazioni, ha portato i prezzi – e l’ansia per il futuro – a livelli senza precedenti. Il costo di alcuni prodotti alimentari di base è quadruplicato, il peso del debito ha raggiunto il massimo storico e la valuta ha perso una parte significativa del suo valore, distruggendo il potere d’acquisto dei redditi delle persone e il valore dei loro risparmi.

Il governatore della Banca centrale Hassan Abdullah ha affermato che il piano a medio termine del governo mira a ridurre l'inflazione, che ha raggiunto il livello record di circa il 40% la scorsa estate, a una sola cifra.

In vista dell’accordo con il Fondo monetario internazionale, le crescenti pressioni economiche hanno costretto il governo a cambiare tattica, compreso il congelamento di alcuni megaprogetti costosi ordinati dal presidente Abdel Fattah al-Sisi, tra cui una nuova sontuosa capitale nel deserto.

Ulteriori pressioni sono arrivate dal Fondo monetario internazionale, che ha rifiutato di concedere una parte significativa del prestito iniziale fino a quando l’Egitto non avesse soddisfatto determinate condizioni di politica economica. Tra questi c’era quello di incoraggiare la crescita del settore privato eliminando i vantaggi competitivi di cui godono le società di proprietà militare in Egitto.

READ  Una nave carburante affonda al largo della Tunisia, minacciando una catastrofe ambientale

Negli ultimi dieci anni, l’economia egiziana ha faticato a stabilizzarsi. Molti osservatori affermano che la cattiva gestione, compresa la spesa eccessiva per megaprogetti e l’eccessiva dipendenza di lunga data dalle importazioni, ha reso l’Egitto vulnerabile ai successivi shock esterni. Oltre alla guerra a Gaza, c’è stata la pandemia di coronavirus e la guerra in Ucraina, che hanno colpito il turismo e le importazioni di grano essenziali.

Lo skyline emergente della nuova capitale amministrativa dell'Egitto, a est del Cairo, a gennaio. Molti analisti affermano che la spesa eccessiva per tali megaprogetti ha reso l’Egitto vulnerabile agli shock esterni.credito…Khaled Al-Feki/EPA, tramite Shutterstock

Sisi ha ripetutamente difeso le politiche del suo governo, affermando che la rivolta del 2011 che ha deposto il presidente Hosni Mubarak ha causato una fragilità economica permanente.

Ma nelle interazioni quotidiane per le strade del Cairo e sui social media, molti incolpano il presidente, che accusano di spendere in progetti vani e di indebolire l’economia al punto da minare l’influenza dell’Egitto nella regione.

Alcuni esperti sostengono che il Fondo monetario internazionale, che ha prestato all’Egitto miliardi di dollari dal 2016, è parte del problema.

“Non approfondiscono abbastanza ciò che accade nella macchina”, ha detto Mohamed Fouad, consulente finanziario ed ex parlamentare egiziano.

Fouad si aspetta che il creditore internazionale prenda ora decisioni più misurate.

Ha detto: “Il loro errore più grande è avvenuto tra il 2016 e il 2020, quando tutti esultavano, concentrandosi solo sull'aspetto macroeconomico. Ma le fondamenta erano fragili”.

Viviana Yee Contributo ai rapporti.