Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Marinai filippini furono uccisi nel primo attacco mortale degli Houthi contro navi commerciali

Marinai filippini furono uccisi nel primo attacco mortale degli Houthi contro navi commerciali

Dario Bonazza – Reuters – archivio

Questa foto del 2022 mostra la nave portarinfuse True Confidence a Ravenna, Italia.



CNN

Due marinai filippini sono stati tra quelli uccisi dopo che un missile balistico Houthi ha colpito una nave commerciale nel Golfo di Aden, nel primo attacco mortale da parte degli Houthi. Un gruppo armato sostenuto dall'Iran Nei suoi continui attacchi nel Mar Rosso.

Almeno tre membri dell'equipaggio sono stati uccisi e altri quattro feriti nell'attacco di mercoledì alla M/V True Confidence, una nave portarinfuse di proprietà della Liberia e battente bandiera delle Barbados, ha detto in una nota il Comando Centrale degli Stati Uniti. Due funzionari statunitensi hanno detto alla CNN che la nave è stata abbandonata e che le navi da guerra della coalizione sono ora nella zona per valutare la situazione.

Giovedì l'Amministrazione dei lavoratori migranti filippini ha annunciato in un comunicato che i suoi cittadini sono stati uccisi e che altri due membri dell'equipaggio filippino sono rimasti gravemente feriti nell'attacco.

L’attacco mortale rappresenta una grave escalation di attacchi Houthi contro le navi nel Mar Rosso, iniziati a ottobre in risposta alla guerra tra Israele e Hamas a Gaza.

Gli Houthi hanno affermato in un comunicato che l’attacco è stato “preciso” e ha causato lo scoppio di un incendio sulla nave.

Una dichiarazione degli Houthi afferma: “L'operazione di targeting è avvenuta dopo che l'equipaggio della nave ha respinto i messaggi di avvertimento delle forze navali yemenite”.

Gli Houthi, avendo preso il controllo della maggior parte dello Yemen settentrionale – compresa la capitale Sanaa – si presentano come i legittimi governanti del paese.

READ  Gli australiani sono stati avvertiti di evitare le acque infestate dai coccodrilli dopo le inondazioni record del Queensland

La dichiarazione degli Houthi rinnova il sostegno del gruppo al popolo palestinese e afferma che non fermeranno i loro attacchi nel Mar Rosso finché “l'aggressione israeliana non si fermerà e l'assedio al popolo palestinese nella Striscia di Gaza non sarà revocato”.

Guarda questo contenuto interattivo su CNN.com

Mercoledì il portavoce del Dipartimento di Stato americano Matthew Miller ha dichiarato che le morti erano “purtroppo inevitabili”.

Miller ha dichiarato in una conferenza stampa: “Gli Houthi hanno continuato a lanciare questi attacchi sconsiderati senza alcun riguardo per la sicurezza dei civili innocenti che attraversavano il Mar Rosso, e ora hanno purtroppo e tragicamente ucciso civili innocenti”.

“Gli Stati Uniti continueranno a ritenere gli Houthi responsabili dei loro attacchi, che non solo hanno interrotto il commercio internazionale, non solo hanno interrotto la libertà di navigazione e le acque internazionali, e non solo hanno messo in pericolo i marinai, ma ora ne hanno tragicamente uccisi alcuni”. Egli ha detto.

Il capo dell'agenzia marittima delle Nazioni Unite ha espresso le sue condoglianze per la morte e ha lanciato rinnovati appelli affinché i membri dell'equipaggio siano protetti in seguito alla tragedia.

“I marittimi innocenti non dovrebbero mai diventare vittime collaterali”, ha affermato il segretario generale dell’IMO Arsenio Dominguez in una nota.

Secondo funzionari statunitensi e occidentali, gli Houthi hanno lanciato più di 45 attacchi missilistici e droni contro navi commerciali, forze statunitensi e della coalizione che operano nel Mar Rosso, la maggior parte dei quali sono stati intercettati da cacciatorpediniere statunitensi o della coalizione o sono atterrati in acqua senza danni. .

Finora, nessuna nave militare è stata colpita da droni o missili Houthi, secondo il portavoce del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, il maggiore Pete Nguyen. Ma da ottobre sono state colpite più di una dozzina di navi commerciali, tra cui diverse navi americane, ha detto Nguyen.

READ  Il rapporto rileva che le verifiche fiscali dei nemici di Trump sono state indiscriminate, ma lascia delle domande

Da gennaio gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno inoltre effettuato quattro serie di attacchi contro obiettivi Houthi nello Yemen, colpendo depositi di armi e missili, sistemi di difesa aerea e senza pilota, radar ed elicotteri.

Le forze del Comando Centrale degli Stati Uniti hanno inoltre lanciato regolarmente attacchi dinamici contro i missili Houthi che si preparavano a lanciare dallo Yemen.

Era l’amministrazione Biden Lottando per fermare gli attacchiTuttavia, il gruppo ribelle ha continuato a rafforzare le sue scorte di armi nello Yemen, secondo quanto riferito in precedenza dalla CNN.

Diversi funzionari hanno detto alla CNN che gli Stati Uniti non hanno ancora un “denominatore” che consenta loro di valutare quale percentuale di equipaggiamento Houthi gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno effettivamente distrutto negli attacchi aerei, e non è chiaro se gli Stati Uniti cambieranno ulteriormente il loro approccio militare. .

“Sappiamo che gli Houthi mantengono un grande arsenale”, ha detto la settimana scorsa la vice portavoce del Pentagono Sabrina Singh, poche ore dopo che gli Houthi avevano colpito un’altra nave mercantile nel Golfo di Aden con missili balistici. “Sono molto capaci e hanno armi avanzate, perché continuano a riceverle dall’Iran”.

“Continuano a sorprenderci”, ha detto un alto funzionario della difesa, riferendosi agli Houthi. “Non abbiamo una buona idea di cosa abbiano ancora.”

Guarda questo contenuto interattivo su CNN.com

Nonostante la forte presenza delle forze statunitensi e della coalizione nel Mar Rosso, che comprende la portaerei USS Dwight D. Eisenhower e diversi cacciatorpediniere statunitensi, gli attacchi Houthi hanno causato un calo significativo del numero di navi che attraversano il Canale di Suez.

READ  Kim Jong Un viaggia su una lussuosa limousine russa regalatagli da Putin Notizie di politica

Il corridoio collega il Mar Rosso al Mediterraneo, consentendo alle navi di tagliare migliaia di miglia di rotte marittime invece di navigare intorno all’Africa. Secondo le Nazioni Unite, nella prima metà di febbraio, il Canale di Suez ha registrato un calo del 42% nel transito mensile e un calo dell’82% nel tonnellaggio dei container rispetto al suo picco nel 2023.

Jennifer Hansler, Mustafa Salem e Sharon Braithwaite della CNN, Kathleen Magramo e Manveena Suri Contributo ai rapporti.