Aprile 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le madri simili a serpenti e vermi producono il latte per i loro bambini

Le madri simili a serpenti e vermi producono il latte per i loro bambini

La maternità assume molte forme. La maggior parte dei vertebrati, come uccelli, rettili, anfibi e pesci, si riproducono deponendo uova piene di un tuorlo nutriente che la loro prole utilizza come fonte primaria di nutrimento prima della schiusa. I mammiferi cambiano le regole del gioco dando alla luce i loro piccoli e nutrendoli con latte grasso e zuccherato quando si rimettono in piedi.

Ma la natura infrange continuamente le regole e gli ultimi animali a confondere il due tuorli con il latte sono i ceciliani, anfibi senza gambe che depongono uova che sembrano vermi. Ricerca pubblicata Nutrono anche i loro piccoli con una sostanza simile al latte, ma dalle loro natiche, suggerisce giovedì sulla rivista Science. Questo comportamento è sconosciuto negli anfibi.

Ciò accresce la curiosità dei ceciliani, che già erano noti per nutrire la loro giovane pelle strappata dalla schiena della madre come spuntino nutriente dopo la nascita.

“È come se venissero da un altro pianeta”, ha detto. Carlos Jared, ricercatore di serpenti presso l'Istituto Butantan di San Paolo, in Brasile, e autore dello studio. “Per me sono come i marziani.”

I ceciliani sono “uno dei vertebrati meno compresi”, ha detto il dottor Jared. Poiché trascorrono gran parte della loro vita sottoterra, sono difficili da trovare e ancora più difficili da studiare.

Dal 1987, la sua squadra riflette se i ceciliani producono latte. Dopo diversi viaggi nelle piantagioni di cacao nella Foresta Atlantica del Brasile, la sua squadra ha raccolto 16 madri ceciliane, Siphonops annulatus, e i loro numerosi piccoli. Ogni madre ha da quattro a 13 figli. Tornati in laboratorio, hanno fotografato ogni famiglia durante i due mesi tra la schiusa delle uova e l'indipendenza degli anfibi del verme.

READ  Un satellite iraniano lanciato dalla Russia potrebbe essere utilizzato per monitorare l'Ucraina | Russia

Ciascuna madre non lasciava mai i propri escrementi, nemmeno per dar loro da mangiare, e i piccoli si contorcevano sulla sua schiena, respirando affannosamente fino alle estremità del corpo. È qui che i piccoli gareggiano con entusiasmo per masticare il liquido bianco e appiccicoso della cloaca materna, quasi infilandovi la testa.

I cuccioli succhiano questo latte più volte al giorno e nella prima settimana crescono fino a raddoppiare le loro dimensioni. Quando i farmacologi hanno esaminato la sostanza, che viene prodotta in ghiandole speciali nell'ovidotto della madre ceciliana, hanno scoperto che è grassa e ricca di carboidrati, proprio come il latte dei mammiferi.

Ancora più importante, i video mostrano i piccoli ceciliani che scivolano con forza sopra la madre, quindi emettono suoni acuti mentre sembrano richiedere la sostanza simile al latte.

“Piangono, fanno rumori, fanno clic clic clic clic, è come un comportamento di accattonaggio”, ha detto. Pedro L. Mailho Fontana Anche dal Butantan Institute, che ha analizzato ore di video.

L'allattamento al seno e questo tipo di comunicazione tra genitori e piccoli non si riscontrano in altri anfibi.

“È davvero unico”, ha detto il dottor Milo Fontana. L’alimentazione con latte può stimolare il microbioma e il sistema immunitario dei piccoli, come avviene negli esseri umani. Poiché non tutte le centinaia di specie di cecilie depongono uova, alcune danno alla luce piccoli vivi che hanno già raschiato la pelle della madre con i loro minuscoli denti ad uncino dall'interno dell'utero, la sua impressione è che questa strana combinazione di deposizione delle uova e anche di latte la produzione è un passo evolutivo nel passaggio da una modalità di nascita a un’altra.

READ  Crollo dell'uscita dalla BBC Premier League a causa della sospensione di Gary Lineker - Scadenza

“L’evoluzione avviene in modi diversi e non lineari”, ha affermato il dottor Milo Fontana.

Oppure le madri serpente potrebbero semplicemente essere genitori affettuosi che usano diverse tecniche di alimentazione, secondo Settimana Marvaliprofessore di biologia integrativa presso l'Università della California, Berkeley, che non è stato coinvolto nello studio.

Ma questi risultati sono solo un punto di partenza: non è ancora chiaro se altre specie di cecilie facciano questo, e come, perché, quando e da dove provenga questo latte di anfibio in termini evolutivi, ha detto il dottor Wick.

Ha detto che ci sono una varietà di tecniche riproduttive e storie di vita che sono “completamente estranee” nel mondo degli anfibi. David Blackburn, curatore del dipartimento di erpetologia presso il Museo di Storia Naturale della Florida, che non è stato coinvolto nello studio. A volte sono molto strani, anche se la scienza impiega molto tempo per metterli insieme completamente. Ha aggiunto che questa specie è stata identificata per la prima volta nel 1822. “Ci sono voluti solo 200 anni, non è vero? Più di 200 anni per scoprirla”, ha detto il dottor Blackburn. “Le cecilie continuano a sorprendere”.

Si chiede quali altre 200 specie di cecilie ci siano là fuori.

“Bene, ora abbiamo la nutrizione della pelle e il latte incorporato”, ha detto il dottor Blackburn. “Cosa altro c'è?”