Giugno 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un astronauta della NASA stabilirà un nuovo record negli Stati Uniti per il tempo più lungo nello spazio

Un astronauta della NASA stabilirà un nuovo record negli Stati Uniti per il tempo più lungo nello spazio

(CNN) L’astronauta Frank Rubio è volato alla Stazione Spaziale Internazionale il 21 settembre 2022 per quella che pensava sarebbe stata una missione di sei mesi. Ma sarebbe rimasto nello spazio per più di un anno, battendo il record per la missione più lunga di un astronauta americano.

I funzionari della NASA hanno detto mercoledì che Rubio tornerà sulla Terra a bordo della navicella spaziale russa Soyuz entro il 27 settembre, il che significa che avrà registrato almeno 371 giorni in orbita. Quel giro di lavoro ti batterà record precedente I 355 giorni fissati dall’astronauta statunitense Mark Vandy sono nel 2022.

Il viaggio di ritorno di Rubio era previsto per questa primavera. Ma l’astronave che trasportava Rubio e due dei suoi colleghi russi, i cosmonauti Sergey Prokopyev e Dmitry Petlin, La perdita di refrigerante è saltata in dicembre. I funzionari dell’agenzia spaziale russa Roscosmos in seguito ritennero che la navicella spaziale non fosse abbastanza sicura per portare a casa i cosmonauti.

Invece, la capsula Soyuz MS-22 è tornata sulla Terra senza equipaggio il 28 marzo. Roscosmos ha lanciato un veicolo spaziale alternativo, l’MS-23, che ancorato con la stazione spaziale il 23 febbraio.

record nello spazio

Se tutto va come previsto e Rubio parte il 27 settembre, la sua permanenza di 371 giorni non sarà un record mondiale. Il defunto cosmonauta russo Valery Polyakov, che tra il 1994 e il 1995 ha trascorso 437 giorni consecutivi in ​​orbita a bordo della stazione spaziale russa Mir, detiene ancora quel titolo.

L’astronauta della NASA Frank Rubio è visto all’interno della cupola della Stazione Spaziale Internazionale mentre vola per 263 miglia sopra l’Inghilterra sudorientale.

Vandy ha stabilito l’attuale record negli Stati Uniti lo scorso anno dopo che la NASA e Roscosmos hanno deciso di prolungare il suo soggiorno perché la Russia ha scelto di inviare una troupe televisiva di due uomini alla stazione spaziale per girare un film. Tuttavia, il ritorno di Vande Hei è stato ritardato per consentire traffico aggiuntivo al laboratorio orbitante Egli ha detto All’epoca sapeva che la sua missione avrebbe potuto essere estesa prima del suo arrivo.

READ  Gli esopianeti simili alla Terra potrebbero essere più comuni di quanto si pensasse in precedenza

Prima di Vandy He, l’astronauta americano Scott Kelly ha rivendicato il titolo del volo spaziale più lungo di un americano nella sua missione di 340 giorni. Quel turno di servizio era una missione ampliata pianificata, progettata dalla NASA per Studia gli effetti a lungo termine Dal volo spaziale al corpo umano.

Tuttavia, il soggiorno prolungato di Rubio non era stato previsto in anticipo rispetto a una perdita di refrigerante nella capsula Soyuz MS-22 lo scorso dicembre.

Vai nello spazio

Rubio si è recato alla stazione spaziale su un veicolo spaziale russo come parte del Contratto di scambio di equipaggio tra la NASA e Roscosmos che è stato cancellato nell’estate del 2022.

I funzionari della NASA hanno incaricato Rubio di salire a bordo della navicella spaziale Soyuz MS-22, mentre l’agenzia spaziale russa Roscosmos ha inserito la cosmonauta Anna Kikina Missione SpaceX Crew Dragon che ha effettuato un volo nell’ottobre 2022 e È tornato a casa 11 marzo.

Nonostante le tensioni geopolitiche tra Stati Uniti e Russia mentre la guerra in Ucraina si intensifica, la NASA ha ripetutamente affermato che la sua partnership con Roscosmos, l’agenzia spaziale russa, è vitale per il proseguimento delle operazioni della stazione spaziale e per la preziosa ricerca scientifica condotta a bordo.

Al momento dell’annuncio dell’accordo di ride sharing, la NASA ha dichiarato in una dichiarazione che un tale accordo con la Russia è fondamentale per garantire “operazioni continue e sicure” per la stazione spaziale. Se la navicella spaziale russa Soyuz o la capsula Crew Dragon di SpaceX dovessero riscontrare problemi e venissero messe fuori servizio, l’accordo sullo scambio di posti garantirebbe ai cosmonauti americani e russi la possibilità di accedere alla stazione spaziale.

READ  Gli scienziati coltivano per la prima volta piante nel suolo lunare

Roscosmos non aveva bisogno di fare affidamento sulla capsula SpaceX per sostituire la nave dell’equipaggio Soyuz MS-22, poiché la navicella spaziale MS-23 era pronta a volare e una perdita di refrigerante sull’MS-22 non indicava necessariamente potenziali problemi con altri veicoli Soyuz.