Aprile 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un decennio e 1,2 miliardi di dollari dopo, la NASA rivela il suo bottino di Bennu: 121 grammi

Un decennio e 1,2 miliardi di dollari dopo, la NASA rivela il suo bottino di Bennu: 121 grammi
Ingrandire / Una vista di otto campioni contenenti il ​​materiale finale dell'asteroide Bennu.

NASA/Erika Blumenfeld e Joseph Aebersold

Dopo anni di speculazioni, la NASA Finalmente rivelato Giovedì, il totale del campione di asteroide tornato da Bennu sulla Terra lo scorso autunno era di 4,29 once (121,6 grammi).

Per mettere questo numero in prospettiva, la massa totale è poco più di mezza tazza di zucchero o una scatola di 100 graffette. Ha più o meno la stessa massa di un piccolo avocado e non puoi nemmeno spalmarlo sul pane tostato.

Quindi, in un certo senso, è un campione molto piccolo. Soprattutto se si considera quanto lontano si sono spinti la NASA e i suoi partner per recuperarlo. Il Goddard Space Flight Center dell'agenzia spaziale ha collaborato con l'Università dell'Arizona e Lockheed Martin per costruire la navicella spaziale OSIRIS-REx per 800 milioni di dollari. È stato lanciato nel settembre 2016 su un razzo Atlas V, con un costo aggiuntivo di 183,5 milioni di dollari. Mentre attraversava il sistema solare interno e tornava, la NASA ha speso altri 200 milioni di dollari in operazioni di missione.

Una scatoletta di tonno

Mettendo tutto insieme, la NASA ha investito 1,2 miliardi di dollari, e quasi un decennio, per recuperare una quantità di polvere di asteroidi che potrebbe stare – comodamente – all’interno di una piccola scatola di tonno.

Ma, come si suol dire, le cose buone stanno nella botte piccola. Sebbene il campione sia piccolo, è 20 volte più grande della quantità di materiale asteroidale precedentemente riportato sulla Terra da due missioni giapponesi di ritorno del campione. Andrà un po' a lungo Mentre gli scienziati studiano le sostanze organiche e altri materiali trovati nella polvere di questo asteroide per trovare indizi divini sull'origine della vita e sulle condizioni che esistevano agli albori del nostro sistema solare. Non sono necessari molti materiali per ottenere un risultato utile da un microscopio elettronico.

READ  Gli astronauti daranno una spinta alla stazione spaziale durante la passeggiata spaziale di sabato

Inoltre, il recupero del campione è stato pari al doppio del minimo richiesto per la missione, ovvero 60 grammi. Pertanto, OSIRIS-REx può ora essere classificato categoricamente come un successo assoluto.

aspettando il loro tempo

La comunità scientifica ha dovuto attendere più del previsto per scoprire quanto materiale OSIRIS-REx è tornato sulla Terra. Lo scorso ottobre, mentre ingegneri e tecnici del Johnson Space Center di Houston stavano lavorando per aprire il contenitore dei campioni, si sono imbattuti in un intoppo a causa di due dispositivi di fissaggio ostinati. Solo dopo l’invenzione di nuovi strumenti, a gennaio il contenitore del campione è stato finalmente aperto per rivelare il piccolo tesoro.

Nelle prossime settimane, parte del materiale di Bennu verrà confezionato e distribuito ai ricercatori per lo studio. Nell’ambito della missione OSIRIS-REx, un gruppo di oltre 200 scienziati da tutto il mondo esplorerà le proprietà della regolite, tra cui ricercatori di diverse istituzioni statunitensi, della Japan Aerospace Exploration Agency e dell’Agenzia spaziale canadese.

Tuttavia, la NASA intende riservare circa il 70% del materiale per studi futuri.