Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un dilemma su vasta scala per il Sudafrica

Un dilemma su vasta scala per il Sudafrica

I presidenti Cyril Ramaphosa e Vladimir Putin al primo vertice Russia-Africa a Sochi, in Russia, nel 2019. Foto: GCIS

Corte Penale Internazionale Ha emesso un mandato di arresto internazionale del presidente russo Vladimir Putin per crimini di guerra legati alla deportazione illegale di bambini dall’Ucraina alla Russia. Tali azioni sono considerate crimini di guerra ai sensi di due articoli della legge Statuto di Romache ha istituito il tribunale.

Mandati di arresto della Corte penale internazionale v È raro che i capi di stato si siedano.

Putin rischia l’arresto se mette piede in uno dei due 123 firmatari per il sistema di base. Di questi, 33 sono paesi africani. La questione potrebbe giungere al culmine ad agosto, quando il Sudafrica si prepara a ospitare il 15° vertice del blocco Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica (BRICS) in Durban.

Come capo di uno stato membro, Putin è stato invitato a partecipare. Ma come membro della Corte, il Sudafrica è vincolato dall’articolo 86 dello Statuto della CPI e Diritto locale Per la piena collaborazione arrestando il presidente russo.

Non è la prima volta che il Paese si trova di fronte a un simile dilemma.

2015 Presidente sudanese Omar al-Bashir ha visitato il paese partecipare a un vertice Capi di Stato dell’Unione Africana. In termini di obblighi del Sudafrica nei confronti della CPI, è stato costretto ad arrestare Al-Bashir, che era Accusato Per aver commesso violazioni del diritto umanitario internazionale e del diritto dei diritti umani nella regione del Darfur in Sudan. Il governo guidato da Jacob Zuma ha rifiutato di arrestarlo. Invocazione dell’immunità dall’azione penale per i capi di stato in carica ai sensi del diritto internazionale.

Il mandato d’arresto contro Putin ha messo il governo del presidente Cyril Ramaphosa tra l’incudine e il martello. Il rispetto dei suoi obblighi nazionali e internazionali mediante l’esecuzione del mandato d’arresto alienerebbe la Russia. Ciò avrebbe una duplice conseguenza – il Paese è ancora considerato un amico dall’African National Congress al governo sulla base del sostegno dell’Unione Sovietica durante la lotta contro l’apartheid – nonché ripercussioni all’interno dei BRICS, dato I forti legami di Mosca con Pechino.

READ  Marcos: accesso Usa alle basi filippine non inteso come 'offensivo'

Non è irragionevole affermare che il governo di Ramaphosa vuole procedere con cautela per evitare tali tensioni.

Per saperne di più: Cinque letture essenziali sulle relazioni russo-africane

D’altra parte, accogliere Putin così Enfasi sulla politica estera indipendente del Sud Africavedrà il paese perdere la sua credibilità internazionale.

Un possibile effetto è che il Sudafrica potrebbe perdere i suoi termini commerciali preferenziali. Ad esempio, potrebbe mettere a repentaglio il suo trattamento delle esportazioni verso gli Stati Uniti sotto Legge sulla crescita e le opportunità in Africa (AGOA). Recentemente AGOA è stato utilizzato come strumento per punire Etiopia, Gambia e Mali per “cambio di governo incostituzionale” e Gravi violazioni dei diritti umani riconosciuti a livello internazionale“.

Più importante , Il commercio del Sudafrica con gli Stati Uniti supera di gran lunga quello con la Russia.

dilemma

Quando l’amministrazione Zuma ha rifiutato di arrestare al-Bashir, ha fatto precipitare il governo in un limbo giudiziario. Corte Suprema d’Appello del Sudafrica è stato trovato Ha violato il diritto internazionale e nazionale.

Dopo la decisione della Corte Suprema d’Appello, il governo di Zuma ha notificato la sua intenzione al Segretario Generale delle Nazioni Unite recedere dallo Statuto di Roma. Questa mossa poco saggia è stata impugnata presso l’Alta Corte di Pretoria. Lui lei governare Che la dichiarazione di recesso era incostituzionale in assenza di previa approvazione parlamentare. Quindi, il governo “ritiro da ritiro”.

nel 2017, Fondata la Corte Penale Internazionale Che il Sudafrica è venuto meno ai suoi obblighi previsti dallo Statuto di Roma nei confronti della Corte di non arrestare ed estradare Al-Bashir. Tuttavia, il tribunale ha deciso di non portare avanti questo caso Motivi pratici. Lo ha inoltre giustificato deferindo il Sudafrica al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per non conformità “Non sarà un modo efficace per promuovere la cooperazione in futuro”.

READ  Blinken cerca una sospensione temporanea della guerra a Gaza, con le forze israeliane che annunciano la loro avanzata

Nel caso in cui Putin partecipasse al prossimo vertice BRICS e il governo Ramaphosa non lo arrestasse, significherebbe che il Sudafrica sta violando la legislazione locale e la sua costituzione. Articolo 165 (5) del paese costituzione Mostra che il governo è vincolato da ordinanze e decisioni del tribunale.

Per saperne di più: Al-Bashir: Cosa dice la legge sui doveri del Sudafrica?

Come dovrebbe rispondere il Sudafrica a questo dilemma?

Al momento non è chiara la risposta del governo. Da una parte il portavoce di Ramaphosa Egli ha detto Che lo stato fosse consapevole dei suoi obblighi di arrestare Putin e consegnarlo alla Corte penale internazionale.

Ha invece confermato il ministro delle Relazioni Esterne Naledi Pandor Invita Putin a partecipare alla riunione dei BRICS. Ha osservato che il Consiglio dei ministri dovrà decidere come rispondere alla luce del memorandum della Corte penale internazionale.

Il governo potrebbe desiderare di bilanciare attentamente i suoi obblighi nei confronti della CPI con le responsabilità interne e le sue relazioni storicamente amichevoli con la Russia. A meno che non sia seriamente intenzionato a contestare le decisioni dei tribunali e le proprie leggi, ci sono opzioni disponibili per evitare un altro ciclo di condanne internazionali, e questo dovrebbe aiutarlo a evitare potenziali battaglie giudiziarie da parte della società civile per il mancato rispetto delle leggi e delle decisioni dei tribunali del paese.

Opzioni

In primo luogo, il Sudafrica dovrebbe continuare a invitare la Russia al vertice. Tuttavia, attraverso i canali diplomatici, hanno chiesto che la delegazione russa fosse guidata dal suo ministro degli Esteri, Sergey Lavrov. Lavrov, in sostanza, divenne il volto della Russia teatro internazionale Dall’inizio della guerra in Ucraina.

In secondo luogo, durante la pandemia di COVID, è diventato chiaro che la partecipazione fisica alle riunioni internazionali dei capi di stato può essere sostituita da una partecipazione virtuale. L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha fissato un buon standard per questo per i capi di stato Dati video forniti a causa delle restrizioni dovute alla pandemia. Putin potrebbe partecipare virtualmente al vertice BRICS.

READ  Israele sta segretamente prendendo di mira i legislatori statunitensi con una campagna di influenza sulla guerra di Gaza

La necessità che i documenti del vertice siano firmati dai capi di Stato non è un impedimento alla partecipazione fisica. Putin può firmare i documenti elettronicamente o dopo il vertice, se è richiesta una firma non elettronica.

La palla è ora nel campo del governo sudafricano. La speranza è che tu prenda la decisione giusta, che sia nel migliore interesse del paese e della sua gente – non la Russia o simili degli Stati Uniti, soprattutto perché nessuna delle due maggiori potenze ha firmato lo Statuto della Corte penale internazionale. Nessuno dei due dovrebbe dire al Sudafrica cosa decidere.

E, cosa più importante, il governo non dovrebbe calpestare le proprie leggi e decisioni giudiziarie. La priorità dovrebbe essere l’adesione alla costituzione. Prendere una decisione nel migliore interesse del Sudafrica e del suo popolo fornirà anche una guida per gli altri 32 firmatari africani della Corte penale internazionale, qualora dovessero affrontare un simile dilemma in futuro.

Questo articolo è stato co-autore di Sacha Lee Stephanie Afrika (LLD), un avvocato dell’Alta corte sudafricana ed ex docente presso l’Università di Stellenbosch e l’Università di Johannesburg.

Questo articolo è stato ripubblicato da Conversazione, un sito di notizie senza scopo di lucro dedicato alla condivisione di idee di esperti accademici. Se lo trovi interessante, puoi farlo Iscriviti alle nostre newsletter settimanali.

scritto da: Sasha Dominic (Colomba) BachmannE Università di Canberra.

Per saperne di più:

Sascha-Dominik (Dov) Bachmann non lavora, non riceve finanziamenti, consulta o possiede alcuna società o organizzazione e non ha rivelato affiliazioni rilevanti dopo la sua nomina accademica.