Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un potente effetto di rimbalzo ha amplificato l’esperimento di deflessione degli asteroidi della NASA

Un potente effetto di rimbalzo ha amplificato l'esperimento di deflessione degli asteroidi della NASA

Un'immagine composita del sistema Didymos-Dimorphos scattata il 30 novembre, che mostra la coda del nuovo proiettile.

Un’immagine composita del sistema Didymos-Dimorphos scattata il 30 novembre, che mostra la coda del nuovo proiettile.
immagine: Osservatorio Magdalena Ridge / NM Tech

Gli scienziati continuano a esaminare i risultati del test DART incredibilmente riuscito della NASA per deviare un asteroide innocuo. Come indicano gli ultimi risultati, il rinculo dell’esplosione dei detriti emessi da Dimorphos dopo l’impatto è stato significativo, aggiungendosi all’impatto della navicella sull’asteroide.

Una navicella spaziale della NASA delle dimensioni di un frigorifero distruggere Al Dimorphus di 535 piedi (163 metri) il 26 settembre, Accorciando la sua orbita attorno al suo partner più grandeDidymus, con un tempo impressionante di 33 minuti. Ciò equivale a dozzine di piedi, il che indica la fattibilità utilizzando i collisori cinetici come mezzo per deviare gli asteroidi minacciosi.

Uno straordinario effetto collaterale del test è stato… Colonne giganti e complesse emanato dall’asteroide dopo la collisione. Il sistema Didymus-Dimorphos, situato a 7 milioni di miglia (11 milioni di km) dalla Terra, ha persino fatto germogliare una lunga coda sulla scia dell’esperimento. DART, abbreviazione di Double Asteroid Redirection Test, ha avuto un profondo effetto su Dimorphos, rilasciando una quantità sorprendente di detriti, o “proiettili” nel linguaggio degli scienziati planetari.

Animazione che mostra i cambiamenti nel sistema Didymos-Dimorphos nel primo mese dopo l’effetto DART.
GIF: Università di Canterbury Ōtehīwai Mount John Observatory/UCNZ

Dimorphos, come abbiamo appreso, è un asteroide con cumuli di macerie, al contrario di un corpo roccioso denso e compatto. Ciò ha indubbiamente contribuito all’aumento della quantità di detriti espulsi, ma gli scienziati non erano del tutto sicuri di quanti detriti l’asteroide avesse sollevato a seguito dell’impatto. preliminare le scoperte Una presentazione giovedì all’incontro autunnale dell’American Geophysical Union a Chicago getta nuova luce su questo e altri aspetti della missione DART.

Non solo DART ha sparato tonnellate di proiettili, ma ha anche creato un effetto di rimbalzo che ha spinto l’asteroide nella direzione desiderata, ha spiegato Andy Rifkin, capo del team investigativo di DART, durante l’incontro. “Otteniamo un sacco di soldi per il dollaro”, ha detto Raccontare Notizie della BBC.

Infatti, se Dimorphos avesse avuto un corpo più compatto, probabilmente non si sarebbe verificato lo stesso livello di rinculo. “Se bombardi materiale fuori bersaglio, hai una forza di contraccolpo”, ha spiegato lo scienziato della missione DART Andy Cheng del Laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University, che ha anche parlato all’incontro. Il rimbalzo risultante è simile al rilascio di un palloncino. Mentre l’aria fuoriesce, spinge il pallone nella direzione opposta. Nel caso di Dimorphos, il flusso di materiale espulso era l’aria che lasciava il pallone, che allo stesso modo spingeva l’asteroide nella direzione opposta.

Gli scienziati planetari stanno iniziando a farsi un’idea di quanti detriti sono stati spostati. DART, che viaggiava a 14.000 mph (22.500 km/h), colpì abbastanza forte da rovesciare nel vuoto oltre due milioni di libbre di materiale. La NASA ha detto che è sufficiente per riempire circa sei o sette vagoni ferroviari dichiarazione. Quella stima potrebbe in effetti essere bassa, ha detto Rifkin durante la riunione, con il numero reale forse dieci volte superiore.

Gli scienziati hanno impostato il fattore di slancio del DART, noto come “beta”, a un valore di 3,6, il che significa che lo slancio impartito a Dimorphos era 3,6 volte maggiore di un evento di collisione che non ha provocato l’espulsione di un pennacchio. “Il risultato di quella forza di rinculo è che dai più slancio al bersaglio e finisci con una deviazione maggiore”, ha detto Cheng ai giornalisti. “Se stai cercando di salvare la Terra, fa un’enorme differenza.”

Questo è un buon punto, perché quei valori stabilirebbero i criteri per una vera missione per deviare legittimamente un pericoloso asteroide. Cheng e i suoi colleghi useranno ora questi risultati per dedurre valori beta per altri asteroidi, un compito che richiederà una comprensione più profonda della densità, della composizione, della porosità e di altri parametri dell’oggetto. Gli scienziati sperano anche di scoprire fino a che punto il primo colpo di DART ha spostato l’asteroide e quanto si è spostato a causa del rimbalzo.

Gli amplificatori hanno anche prodotto un altro carattere: una lunga coda, o albero di uscita, che si è formato in seguito all’impatto. Secondo Rifkin, Dimorphos ha fatto germogliare una coda lunga 18.600 miglia (30.000 km).

“L’impatto con l’asteroide è stato solo l’inizio”, ha affermato nella dichiarazione Tom Statler, scienziato del programma DART e presentatore all’incontro. “Ora stiamo usando le osservazioni per studiare di cosa sono fatti questi oggetti e come si sono formati, oltre a come difendere il nostro pianeta nel caso in cui un asteroide si diriga verso di noi”.

READ  L'allarme antincendio a terra ritarda il lancio del carico Northrop Grumman verso la stazione spaziale