Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una nuova razza di vermi mangia un coccodrillo in un esperimento straordinario

Una nuova razza di vermi mangia un coccodrillo in un esperimento straordinario

Avvertimento per i lettori che non hanno paura delle profondità oceaniche: questa storia potrebbe presto cambiare la situazione.

Nel 2019, un gruppo di ricercatori che voleva suscitare entusiasmo nei misteriosi recessi del mare ha condotto un esperimento unico.

Il team, del Louisiana Universities Marine Consortium (LUMCON), ha gettato tre alligatori morti a 2.000 metri (6.560 piedi) nel Golfo del Messico per vedere come le creature degli abissi avrebbero reagito a una fonte di cibo sconosciuta.

Inizialmente, gli scienziati pensavano che la pelle dura dei rettili avrebbe respinto i predatori, perché avrebbe reso loro difficile l'accesso alla desiderabile carne morbida.

Tuttavia, è stato subito dimostrato che non era così.

In un giorno, nove grandi isopodi (Pathinomus gigante) Sono stati osservati nutrirsi della prima carcassa, perforandone infine la pelle e mangiando il pasto dall'interno verso l'esterno: immagina un equipaggio di onischi rosa lunghi un piede che strisciano sopra un alligatore e otterrai l'immagine.

Un certo numero di pesci Bathynomus giganteus sono stati visti divorare la carcassa di 30 kgMcLean et al.

Il secondo coccodrillo, caduto a circa 100 chilometri di distanza, è stato quasi completamente divorato in soli 51 giorni, lasciando dietro di sé solo il cranio, la colonna vertebrale, la corda e il peso utilizzato per inchiodarlo al fondo del mare.

I minuscoli avanzi di cibo sono diventati fonte di grande entusiasmo per i ricercatori quando hanno notato che erano presi di mira da una specie completamente nuova di vermi mangiatori di ossa.

Conclusero che sembrava essere un membro della famiglia Osedax – conosciuti come “vermi zombi” perché succhiano le ossa dei morti e vivono su di loro – che non era mai stato visto prima in tutto il Messico.

READ  La galassia più debole dell'universo primordiale

I test hanno rivelato che i suoi parenti più stretti identificabili sono originari dell’Antartide e della California, rendendola una “specie non descritta”.

I ricercatori hanno scritto in un articolo sulla loro scoperta, che è stato pubblicato sulla rivista PiùChe la creatura “sarà nominata a tempo debito”.

Da in alto a sinistra: il secondo coccodrillo il giorno in cui fu abbattuto, poi i suoi resti 51 giorni dopo, tinti di un colore ruggine che indica la presenza del verme Osedax. McLean et al.

Allora, cosa è successo al terzo coccodrillo?

Ebbene, quella parte è un mistero, perché entro otto giorni dall'atterraggio presso il punto di vedetta a 1.996 metri di profondità, non c'era più.

I ricercatori hanno notato che, sebbene il corpo fosse scomparso, l'ancora da 20,4 kg, il ceppo e la corda utilizzati per pesare l'animale sono stati trovati a 8,3 metri di distanza, indicando che erano stati “trascinati” lì.

Gli esperti hanno concluso che probabilmente un “grande spazzino” aveva catturato il rettile. Data la profondità alla quale è stato lasciato e “la dimensione corporea implicita necessaria per consumare un coccodrillo di medie dimensioni e spostare una quantità significativa di peso”, era probabilmente un grande squalo.

Chiaramente, qualunque mostro fosse, non aveva voglia di condividere la cena con un branco di vermi golosi.

sottoscrizione Per la nostra newsletter settimanale gratuita Indy100

Condividi la tua opinione nelle nostre notizie democratiche. Fai clic sull'icona del voto positivo nella parte superiore della pagina per contribuire a far salire questo articolo nella classifica Indy100.