Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Una vista di Marte da 250 miglia di altezza getta uno sguardo su un mistero in agguato in orbita sopra il pianeta rosso (foto)

Una vista di Marte da 250 miglia di altezza getta uno sguardo su un mistero in agguato in orbita sopra il pianeta rosso (foto)

Una visione insolita dell’orizzonte marziano è stata recentemente ottenuta con l’aiuto dell’orbiter Odyssey della NASA, in nuove immagini che hanno catturato i cieli polverosi del pianeta rosso, oltre a uno scorcio di uno degli oggetti più misteriosi intrappolati nella sua orbita.

Le nuove immagini sono state catturate dalla telecamera THEMIS dell’orbiter, fornendo una vista da circa la stessa altezza sopra Marte della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) in orbita attorno alla Terra.

Le immagini sono il risultato di mesi di pianificazione da parte degli ingegneri del Jet Propulsion Laboratory della NASA e dei suoi partner della Lockheed Martin Space, che hanno dimostrato la capacità della telecamera a infrarossi di rilevare qualsiasi cosa, dalle caratteristiche rocciose su Marte al ghiaccio e alla polvere nella sua atmosfera, così come minuscoli frammenti. Temperature planetarie.

Una scena marziana visibile da un’altitudine di 250 miglia, grazie alla telecamera a infrarossi THEMIS dell’orbiter Odyssey (Credito: NASA/JPL-Caltech/ASU).

Normalmente, il design della telecamera THEMIS è rivolto verso il basso, il che significa che l’intera navicella spaziale deve essere inclinata per ottenere la vista dell’atmosfera marziana rivelata dalle nuove immagini, un angolo problematico per Odyssey perché significa anche che la sua antenna è puntata lontano dalla Terra. . , bloccando temporaneamente le comunicazioni wireless.

Tuttavia, mentre era di stanza per fotografare l’atmosfera marziana, l’operazione Odyssey, riuscita con successo, è riuscita anche a ottenere immagini di uno dei grandi misteri del Pianeta Rosso: la sua luna irregolare, Phobos.

Phobos è la più grande delle lune di Marte e ha una forma che spesso ricorda una patata, presenta un enorme cratere su un’estremità e orbita a circa 3.700 miglia sopra la superficie di Marte. A causa della sua vicinanza, è il satellite naturale più interno del Pianeta Rosso e ha l’orbita più vicina di qualsiasi corpo naturale conosciuto al corpo planetario più vicino.

Phobos
Una di una serie di immagini della luna di Marte Phobos recentemente scattate dalla telecamera THEMIS a bordo dell’orbiter Odyssey della NASA.

Phobos e la sua luna sorella Deimos furono scoperte nell’estate del 1877 dall’astronomo americano Asaph Hall, dal nome dei figli del dio greco Ares, la cui controparte romana porta l’omonimo pianeta. Secondo la tradizione greca, Phobos era il dio della paura e del panico, un nome sorprendentemente appropriato vista la velocità con cui Phobos corre attorno al pianeta rosso: completa ciascuna delle sue orbite in sole 7 ore e 39 minuti.

READ  Un nuovo metodo rende la luce infrarossa visibile a temperatura ambiente

Strane caratteristiche e strutture sconosciute all’interno di Phobos

Rimangono diverse domande su Phobos, inclusa la sua composizione e struttura interna, nonché la sua origine misteriosa. È la luna più scura mai scoperta dagli astronomi, ed è stato ipotizzato che il colore tenue di Phobos indichi una composizione di rocce scure e ghiaccio. Ciò, insieme alla sua strana forma e alle caratteristiche orbitali, suggerisce che Phobos potrebbe essere stato un asteroide catturato in orbita attorno a Marte in un lontano passato.

Phobos ha anche una serie di insolite linee rette, che potrebbero indicare strane caratteristiche strutturali sotto la sua superficie o addirittura che si sta lentamente dilaniando mentre la sua rapida orbita lo avvicina alla superficie di Marte, dove potrebbe eventualmente entrare in collisione con il pianeta rosso. . .

Phobos
Immagini dettagliate di Phobos, che mostrano strani segni di “strisce di tigre” sulla luna marziana (fonte immagine: ESA/DLR/FU Berlin).

Sebbene l’idea che Phobos si disintegri gradualmente mentre Marte attira la strana luna verso la sua superficie rimane una possibilità, le scoperte radar effettuate dalla sonda spaziale europea Mars Express nel 2022 suggeriscono la presenza di strutture sconosciute all’interno dell’oggetto, che potrebbero anche essere responsabili della sua forma insolita, la solita. Aspetto “a strisce di tigre”.

Il 22 settembre 2022, Mars Express è stato in grado di utilizzare lo strumento Mars Advanced Radar for Subsurface and Ionospheric Sounding (MARSIS) per guardare oltre la superficie di Phobos, rivelando la presenza delle strane strutture interne della luna.

Dopo le strane scoperte, Andrea Cicchetti è con il team Marsis Egli ha detto Hanno rivelato “possibili segni di caratteristiche precedentemente sconosciute sotto la superficie della Luna”.

Marsis
Dati acquisiti dal sorvolo MARSIS alla fine del 2022 (fonte immagine: Agenzia spaziale europea).

“Siamo entusiasti di vedere quale ruolo MARSIS potrebbe svolgere nel risolvere il mistero che circonda l’origine di Phobos”, ha detto Cicchetti dei risultati.

Monolite di Phobos

Il 12 settembre 1998, molti Le immagini sono alla massima risoluzione Le immagini di Phobos acquisite in quel momento sono state scattate dalla navicella spaziale Mars Global Surveyor (MGS) quando ha completato il suo quarto passaggio vicino all’oggetto e la Mars Orbiter Camera (MOC) è stata utilizzata per fotografare la strana luna, rivelando la vista più dettagliata. Una delle caratteristiche della Luna di Marte che sia mai stata disponibile.

READ  Gli scienziati risolvono il mistero del carburante mancante su Marte

Immagini ad alta risoluzione della superficie di Phobos, disseminata di rocce probabilmente espulse dall’impatto che ha formato l’enorme cratere Stickney della luna, hanno rivelato una vera curiosità: una struttura insolitamente grande che proietta lunghe ombre, indicando che lo strano oggetto era massiccio . Non solo di diametro ma anche di altezza.

Monolite di Phobos
Lo strano ammasso di Phobos catturato nelle immagini scattate nel 1998 dalla Mars Orbiter Camera del Mars Global Surveyor (fonte immagine NASA).

Popolarmente conosciuto come il monolite di Phobos, si ritiene che l’oggetto sia un masso molto grande e dalla forma insolita, con un orientamento altrettanto strano: è alto quasi 300 piedi, in base alla lunghezza dell’ombra che proietta, e supera la sua larghezza stimata di 100 metri. 300 piedi. Circa 279 piedi di diametro.

La strana struttura fu scoperta dall’astronomo dilettante Efrain Palermo alla fine degli anni ’90 mentre conduceva indagini dettagliate sulle immagini di Phobos, con ulteriori studi sulle sue dimensioni e caratteristiche successivamente condotti dall’analista di imaging Lan Fleming, che all’epoca lavorava al Johnson Space Center della NASA. . Tuttavia, il monolite ha ricevuto rinnovata attenzione nel 2009 dopo che l’astronauta Buzz Aldrin ha fatto una serie di riferimenti criptici all’oggetto durante un’apparizione su C-SPAN.

“C’è un monolite lì. Una struttura molto insolita su questo piccolo corpo a forma di patata che orbita attorno a Marte una volta ogni sette ore. Ha detto Aldrin Con entusiasmo.

Quando la gente lo scoprirà, dirà: Chi l’ha messo lì! Chi l’ha messo lì?”


Tute spaziali



“Bene, l’universo lo ha messo lì”, ha detto Aldrin, riferendosi alla sua possibile origine naturale. “Se lo scegli, Dio lo mette lì”.

L’area attorno al cosiddetto monolite è stata discussa come sito di atterraggio per future missioni robotiche, come la missione Phobos International Mars Reconnaissance and Exploration (PRIME), uno sforzo congiunto tra Teledyne Optech e il Mars Institute proposto nel 2007, ma che mai ricevuto finanziamenti.

READ  Mars Express cattura immagini mozzafiato dell'immensa valle marziana

Nuove immagini, nuovi orizzonti

Sebbene le nuove immagini siano le ultime scattate da Phobos nella sua orbita attorno a Marte, questa non è la prima volta che la NASA utilizza la fotocamera THEMIS dell’orbiter Odyssey per ottenere immagini della Luna. In effetti, le ultime immagini segnano la settima volta in più di due decenni che tali immagini sono state ottenute con una fotocamera, contribuendo a fornire informazioni sui cambiamenti di temperatura che si verificano su quella che è probabilmente la luna più insolita del nostro sistema solare.

Tuttavia, l’ultima serie di immagini è riuscita a offrire alcune nuove aggiunte uniche.

“Stiamo ottenendo un’angolazione e condizioni di illuminazione diverse per Phobos rispetto a quelle a cui siamo abituati”, ha affermato il dottor Jonathon Hale, pianificatore di missione presso la Mars Spaceflight Facility dell’Arizona State University.

“Questo lo rende una parte unica del nostro set di dati Phobos.”

Hill e i suoi colleghi affermano che le nuove immagini aiutano a fornire informazioni sulla Luna, sulla sua struttura e composizione, e potrebbero eventualmente fornire dati che potrebbero aiutare a determinare se Phobos è un asteroide catturato in orbita attorno al pianeta rosso. Forse un’enorme porzione della superficie del pianeta è stata spostata dopo una collisione avvenuta in passato.

In futuro, la NASA prevede anche di partecipare a uno sforzo congiunto con la Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA) e il Mars Moon eXplorer (MMX), che mira a recuperare campioni da Phobos e Deimos. Le nuove immagini potrebbero essere utili per pianificare una missione di recupero, che potrebbe fornire materiale dalla superficie di Phobos, che potrebbe aiutare gli scienziati a svelare alcuni dei misteri rimanenti della luna.

Micah Hanks è redattore capo e co-fondatore di The Debrief. Può essere contattato tramite e-mail all’indirizzo micah@thedebrief.org. Segui il suo lavoro in micahhanks.com E il decimo: @mikahanks.