Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Yaya Dilou: leader dell'opposizione ciadiana ucciso in uno scontro a fuoco

Yaya Dilou: leader dell'opposizione ciadiana ucciso in uno scontro a fuoco
  • Scritto da Maynie Jones e Wedayle Chipiloshi
  • BBC News, Lagos e Londra

Fonte immagine, Isouf Sanogo

Commenta la foto,

Il politico dell'opposizione Yaya Dello è stato un schietto oppositore di suo cugino, il presidente Mohamed Déby

Un importante oppositore del leader militare ciadiano Mohamed Déby è stato ucciso in uno scontro a fuoco con le forze di sicurezza, hanno detto i funzionari.

Mercoledì sono stati uditi pesanti colpi di arma da fuoco vicino al quartier generale del suo partito nella capitale, N'Djamena.

Il signor Dillo era anche cugino del presidente Déby, al potere dal 2021.

L'esercito nominò Déby successore di suo padre, ucciso dai ribelli dopo tre decenni al potere.

I disordini nel Paese centrafricano seguono l’annuncio delle elezioni presidenziali del 6 maggio.

Queste elezioni mirano a riportare il paese al governo costituzionale.

Prima della sua morte, si prevedeva che Dillo sarebbe stato il principale rivale di suo cugino alle elezioni.

Era il leader del Partito Socialista Senza Frontiere (PSF).

Il ministro delle Comunicazioni Abdul Rahman Kalamallah ha detto all'AFP che Dilo è morto mercoledì “mentre si stava ritirando, nella sede del suo partito. Non voleva arrendersi e ha aperto il fuoco sulle forze dell'ordine”.

Le autorità hanno detto che nella sparatoria sono rimaste uccise anche altre 12 persone.

Le reti di telefonia mobile e Internet sono state interrotte in Ciad dopo l'attacco segnalato al quartier generale dell'Agenzia per la sicurezza nazionale (ANSE).

“Per 24 ore, le persone non hanno avuto accesso a Internet, e solo pochi hotel avevano accesso a Internet”, ha detto giovedì sera alla BBC Amaury Houchard, un giornalista di N'Djamena.

Lui ha aggiunto che la morte di Dilo ha sollevato dubbi sulla possibilità che le elezioni possano ancora svolgersi come previsto

Mercoledì Delo ha detto che l'accusa di essere lui dietro l'attacco all'ANSE aveva lo scopo di “spaventarmi e non farmi andare alle elezioni”.

Le forze di sicurezza palestinesi hanno negato la versione dei fatti fornita dal governo, affermando che ad essere stati attaccati sono stati i loro membri.

Il segretario generale del partito ha detto all'agenzia di stampa Reuters che i soldati li hanno presi di mira mentre cercavano di recuperare il corpo del loro collega Ahmed Al-Turabi.

Le forze di sicurezza palestinesi hanno affermato che Al-Turabi è stato arrestato e ucciso a colpi di arma da fuoco martedì prima che il suo corpo fosse scaricato fuori dall'edificio dell'ANSE.

Il governo ha accusato Turabi di aver tentato di assassinare il presidente della Corte Suprema.

Questo non è stato il primo scontro violento di Dilo con le forze di sicurezza.

Le forze di sicurezza palestinesi hanno affermato che le forze statali hanno ucciso la madre, il figlio e altri tre di Dilou mentre correvano contro il padre dell'attuale presidente, Idriss Deby, per la presidenza nel 2021.

Il partito ha detto che gli aggressori stavano cercando di arrestare il signor Dilo.

All’epoca, il governo aveva messo in dubbio il bilancio delle vittime annunciato dalle forze di sicurezza palestinesi, affermando che erano state uccise tre persone.

Potresti essere interessato a:

READ  Le forze russe prendono misure disperate per sfuggire alla guerra di Putin: l'Ucraina