Nuova sconfitta per l’Arredo Frigo Makhymo

ARREDO FRIGO MAKHYMO – FLORENS RE MARCELLO VIGEVANO (25/17, 23/25, 23/25, 11/25)

ARREDO FRIGO MAKHYMO: A.Mirabelli 11, Rivetti 8, Martini 12, Pricop 14, F.Mirabelli 16, Cattozzo 1, Ferrara (L), Cicogna 1, Sassi 2. N.e.: Cazzola, Oddone, Sergiampietri. All. Marenco

FLORENS RE MARCELLO: Coulibaly 16, Facendola 10, Mo 22, Milocco 11, Crotti 5, Gulli 3, Giacomel (L), Armondi 3. N.e.: Ghia, Faverzani, Magani, Trabucchi. All. Colombo

Ancora sconfitta per le ragazze dell’Arredo Frigo Makhymo che, dopo aver vinto il primo set, perdono il secondo set all’ultimo, pur avendolo dominato, ed a seguire tutto il resto. Nel primo set buona partenza delle termali che con Pricop, Rivetti e Martini si portano subito a 3. Vigevano risponde ma le termali riescono a tenersi in avanti, allungando sino al 12-5 guidate dai cinque punti di Francesca Mirabelli. Le lombarde accorciano sino a portarsi a meno due, ma le termali si portano nuovamente a distanza di sicurezza tenendosi avanti sino a chiudere 25/17. Anche nel secondo set, buona partenza dell’Arredo Frigo Makhymo che con due punti di Pricop, un errore  avversario, uno di Francesca Mirabelli vanno sul 4-1. Accorcio di due delle pavesi, botta e risposta e poi pareggio. Le ragazze di Marenco tornano subito in avanti, consolidando ancora il loro vantaggio e disputando un’ottima prestazione, per poi rovinare tutto sul finale. Dopo essere state sempre dietro, ed aver inseguito con fatica, le pavesi si riprendono ed approfittando di una serie di errori, recuperano da 22-17 sotto a 23-22 in loro favore e, nonostante l’immediato pareggio acquese, riescono a chiudere il set. Brutta partenza nel terzo set per le termali che, però man mano sembrano riprendersi, alternando errori a buone azioni, riuscendo a pareggiare, dopo essere sempre state sotto, ai 21. Doppio punto pavese ed ancora pareggio acquese e poi chiusura di Vigevano. Quarto set a dir poco disastroso per l’Arredo Frigo Makhymo che sbaglia tutto, spianando la strada alla Florens Re Marcello che chiudono con un netto 25-11. “É una partita che non solo non si doveva perdere, ma si doveva vincere. – commenta coach Marenco – Senza nulla togliere alle avversarie ma abbiamo tutto noi. È stata la fotocopia al contrario della partita di sabato scorso dove siamo partiti male e poi siamo venute fuori, oggi siamo partite bene e poi ci siamo addormentate. La chiave di volta è stato il finale del secondo set dove da sopra di cinque punti siamo andate a perdere il set. La partita però poteva comunque rimanere aperta. È evidente che questo calendario non ci ha fatto bene. È evidente che ci sono dei problemi di testa. Se ci sono altri problemi vengono fuori durante tutta la partita, non solo due set, quindi lavorerò su quello”.