Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Aggiornamenti in tempo reale sulla guerra tra Israele e Hamas: ultime notizie su Gaza e sul Medio Oriente

Aggiornamenti in tempo reale sulla guerra tra Israele e Hamas: ultime notizie su Gaza e sul Medio Oriente

Parenti e sostenitori delle persone rapite il 7 ottobre in Israele hanno trasformato la loro veglia settimanale in una cupa veglia sabato, ricordando l'ostaggio il cui corpo è stato recuperato questa settimana a Gaza e la cui situazione ha fatto arrabbiare migliaia di persone durante una protesta antigovernativa nelle vicinanze.

Sabato l'esercito israeliano ha dichiarato di aver recuperato il corpo di Elad Katzir (47 anni) da Khan Yunis e di averlo riportato in patria. Il signor Katzir è stato rapito dal gruppo armato della Jihad islamica nel Kibbutz Nir Oz. È apparso due volte in video durante la sua prigionia ed è morto a gennaio per mano dei suoi rapitori, secondo l'esercito israeliano, un'affermazione che non può essere verificata.

La notizia è arrivata domenica alla vigilia del sesto anniversario della guerra, con migliaia di persone che si prevede si riuniranno in Israele per ulteriori proteste.

“Viviamo in un incubo da sei mesi”, ha detto Esther Buchstab, la madre di Yagiv Buchstab, 34 anni, trasferito dal Kibbutz Nirim il 7 ottobre, mentre parlava ad una veglia a Tel Aviv sabato sera in Israele. Ha aggiunto: “Chiediamo allo Stato di fare tutto ciò che è in suo potere per raggiungere un accordo, per restituire i vivi per la riabilitazione e i morti per la sepoltura”.

Nelle vicinanze, in Piazza della Democrazia, migliaia di manifestanti antigovernativi hanno chiesto al primo ministro Benjamin Netanyahu di restituire più di 130 ostaggi ancora dispersi dopo il 7 ottobre.

Al termine della protesta, un'auto si è scontrata con una folla di manifestanti violando gli ordini della polizia, ferendo diverse persone, secondo una dichiarazione rilasciata dalla polizia sull'app Telegram. Non è chiaro il motivo per cui l’autista ha guidato l’auto in mezzo alla folla, ma l’autista ha ignorato gli ordini della polizia di fermarsi e si sono visti i passeggeri dell’auto urlare contro i manifestanti in un video pubblicato sui social media.

Le persone partecipano ad una protesta contro il governo del primo ministro Benjamin Netanyahu e chiedono il rilascio degli ostaggi.credito…Hannah McKay – Reuters

Eran Herkevi, 66 anni, specialista in agricoltura, ha affermato che “la distruzione di Hamas” e la “vittoria assoluta” sono slogan senza senso. “C’è una reale pressione per restituire gli ostaggi rimasti, altrimenti l’opinione pubblica non sarà mai in grado di riprendersi come società”.

READ  L'Iran emette pene detentive per aver abbattuto un aereo passeggeri ucraino nel 2020 | Notizia

Sarit Pearl, 65 anni, madre in pensione di tre soldati combattenti, ha fatto eco a questi sentimenti. Ha chiesto la rimozione di Netanyahu e lo svolgimento di nuove elezioni per sostituirlo.

“Sono qui oggi perché ci sono tre cose che devono accadere adesso: la responsabilità, il ritorno di tutti gli ostaggi e le elezioni”, ha detto.

La signora Perle ha criticato Netanyahu, che deve far fronte a crescenti richieste di elezioni e la cui casa a Gerusalemme è stata luogo di ripetute proteste, anche all’inizio di questa settimana.

“Netanyahu non è mai stato primo ministro”, ha detto la signora Perle. Ma ora sembra che stia deliberatamente agendo per distruggere le possibilità di successo nel raggiungimento di un accordo, e nulla in Israele potrà mai riprendersi finché rimarrà in carica”.

Sahar Shapira (42 anni) ha affermato che la morte dell'ostaggio Katsir ha evidenziato l'urgente necessità di raggiungere un accordo per la restituzione degli ostaggi. “È chiaro alla gente che gli ostaggi non potranno sopravvivere”, ha aggiunto, prevedendo che “molti altri come lui torneranno in modo simile”.

In un’intervista al New York Times nel 2009, dopo che gli attacchi missilistici palestinesi avevano portato a un’offensiva israeliana durata tre settimane contro Hamas a Gaza, Katsir ha detto a un giornalista di provare una sensazione fastidiosa. “Non sento alcuna vittoria”, disse Katsir all’epoca, quando i combattimenti si conclusero con un fragile cessate il fuoco. “Non mi sento ancora al sicuro.”

La notizia della morte del signor Katsir ha infiammato le tensioni in Israele. In una dichiarazione che annunciava la veglia di sabato, i rappresentanti dei parenti degli ostaggi israeliani hanno chiesto un raduno a Gerusalemme domenica per partecipare ad una marcia che segna sei mesi di guerra.

READ  Netanyahu promuove una “iniziativa” per liberare gli ostaggi a Gaza mentre la pressione aumenta

Ogni sabato le famiglie delle persone rapite organizzano marce in una piazza pubblica vicino al quartier generale militare israeliano a Tel Aviv per fare pressione sul governo affinché raggiunga un accordo per il ritorno dei loro parenti. Le manifestazioni spesso coincidono con proteste antigovernative.

Domenica le autorità israeliane incontreranno i rappresentanti di Egitto, Qatar e Stati Uniti al Cairo per riprendere le discussioni sull'accordo sugli ostaggi che è rimasto in fase di stallo per mesi. Il presidente Biden sta facendo pressioni sui partecipanti affinché raggiungano un accordo che porti a un “cessate il fuoco immediato” e alla restituzione degli ostaggi.

Noam Peri, la figlia di Haim Peri, 79 anni, catturato dal Kibbutz Nir Oz e che secondo Hamas a dicembre era tra i cinque ostaggi uccisi a Gaza in un attacco aereo israeliano, ha invitato il governo israeliano ad agire. “Signor Primo Ministro, membri del gabinetto, tocca a voi! Non tornate senza un accordo!”, ha detto, aggiungendo.