Novembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alla COP 27, i paesi in via di sviluppo hanno un messaggio per chi inquina: paga il prezzo

Alla COP 27, i paesi in via di sviluppo hanno un messaggio per chi inquina: paga il prezzo

In Egitto, le colture di olivo appassiscono sotto forti ondate di caldo. Nelle Fiji, interi villaggi si ritirano nell’entroterra per sfuggire all’innalzamento delle acque. In Pakistan, le inondazioni di quest’estate hanno ucciso 1.700 persone e lasciato un terzo del Paese sott’acqua.

Sono tra le dozzine di paesi in via di sviluppo che affrontano danni irreversibili dai cambiamenti climatici ma fanno poco per causare la crisi. E chiedono risarcimenti alle parti che considerano responsabili: le nazioni più ricche che bruciano petrolio, gas e carbone da decenni e creano l’inquinamento che sta riscaldando pericolosamente il pianeta.

Attraverso culture e secoli, l’idea che se danneggi la proprietà del tuo vicino, devi un risarcimento è comune, trovata anche nella Bibbia.

Ma sia legalmente che in pratica, è stato molto difficile applicare questo principio al cambiamento climatico. Paesi ricchi come Stati Uniti e Unione Europea si sono opposti all’idea di risarcire esplicitamente i Paesi poveri per disastri climatici già in atto, temendo che li esponga a responsabilità illimitata.

come tale Colloqui delle Nazioni Unite sul clima Domenica di apertura a Sharm El Sheikh, in Egitto, la discussione su perdite e danni sarà al centro. L’Egitto, paese ospitante, e il Pakistan, che guida un gruppo di 77 paesi in via di sviluppo, sono riusciti per la prima volta a inserire la questione all’ordine del giorno ufficiale.

Simon Steele, capo delle Nazioni Unite per il clima, ha affermato che la decisione di includerlo nell’agenda “fa ben sperare” per un compromesso entro la fine del vertice.

La questione è inevitabile quest’anno, poiché i leader di quasi 200 paesi si riuniscono nel continente africano, dove milioni di persone sono a rischio di morire di fame a causa della siccità intensificata dai cambiamenti climatici. E i progressi della scienza hanno permesso ai ricercatori per determinare il numero Il ruolo che il riscaldamento globale gioca nei disastri, rafforzando l’argomento che hanno i paesi ricchi La metà di tutti i gas serra sono stati emessi dal 1850Hai una grande responsabilità.

Discutendo delle devastanti inondazioni nel Paese, Bilawal Bhutto Zardari, ministro degli Esteri del Pakistan, ha dichiarato a settembre: “Ciò che cerchiamo non è la carità, non l’elemosina, non l’aiuto, ma la giustizia”. Gli scienziati dicono esacerbato dal riscaldamento globale. “Trentatré milioni di pakistani oggi stanno spingendo le loro vite e mezzi di sussistenza per l’industrializzazione nei paesi più grandi”.

L’anno scorso, i paesi ricchi hanno promesso 40 miliardi di dollari all’anno entro il 2025 per aiutare i paesi poveri con misure di adattamento climatico come la costruzione di difese contro le inondazioni. Ma il Rapporto delle Nazioni Unite Si stima che questo sia meno di un quinto di ciò di cui i paesi in via di sviluppo hanno bisogno. Ciò ha portato a un aumento delle richieste di fondi separati per perdite e danni per far fronte alle conseguenze dei disastri climatici dai quali i paesi non possono proteggersi.

READ  I prezzi della sterlina e delle obbligazioni salgono alle stelle mentre Jeremy Hunt accelera i suoi piani fiscali

Di fronte alla crescente pressione, John Kerry, l’inviato per il clima del presidente Biden, ha accettato di discutere l’idea di finanziare perdite e danni, una mossa che ha contribuito a evitare un’aspra battaglia sull’agenda del vertice.

Ma questo è ben lungi dall’accettare un nuovo fondo. Gli Stati Uniti sono già rimasti indietro rispetto alle loro precedenti promesse di aiutare i paesi poveri a passare a un’energia più pulita o ad adattarsi alle minacce climatiche, ad esempio costruendo dighe. L’anno scorso, i Democratici del Senato hanno chiesto 3,1 miliardi di dollari in finanziamenti per il clima per il 2022, ma hanno ottenuto solo 1 miliardo di dollari. Mentre i repubblicani, che in gran parte si oppongono agli aiuti per il clima, si preparano a fare guadagni nelle elezioni di medio termine di martedì, le prospettive per il nuovo denaro sembrano cupe.

“La base politica semplicemente non esiste”, ha affermato il senatore Jeff Merkley, D-Oregon, aggiungendo che credeva che gli Stati Uniti avessero una “responsabilità morale” per affrontare la perdita e il danno.

Gli europei temono che se accettano un fondo, potrebbero essere lasciati in mano se il prossimo presidente degli Stati Uniti rifiuta l’idea.

In Turkana, una regione semiarida del nord-ovest del Kenya, tra le più povere del Paese, le perdite ei danni sono tutt’altro che astratti.

La regione sta vivendo il suo quarto anno consecutivo di grave siccità e alcuni scienziati Vediamo una tendenza all’essiccazione a lungo termine. La maggior parte delle 900.000 persone del Turkana sono pastori che si guadagnano da vivere allevando bestiame e hanno visto le mandrie morire per mancanza d’acqua. La metà della popolazione rischia la fame. Alcuni pastori hanno attraversato il confine con l’Uganda o il Sud Sudan alla ricerca di pascoli più verdi, provocando violenti conflitti.

I funzionari locali hanno elaborato piani urgenti per adattarsi: scavare più pozzi per attingere alle falde acquifere, costruire dighe per immagazzinare l’acqua quando piove e aiutare le persone a passare a forme di agricoltura più resilienti. Ma il denaro è un ostacolo. Clement Ndio, responsabile del cambiamento climatico della contea di Turkana, ha affermato che il piano completo potrebbe costare circa 200 milioni di dollari all’anno, il doppio del budget annuale della contea.

Ciò ha reso il Turkana estremamente vulnerabile nell’attuale crisi. I funzionari stanno lottando per fornire aiuti alimentari di emergenza quest’anno, lasciando meno risorse per far fronte a future siccità.

“Ora dobbiamo concentrarci sul salvare vite e affrontare la malnutrizione”, ha affermato Nadio. Ma dobbiamo anche concentrarci sul rendere le persone più resilienti ai futuri shock climatici. Facciamo del nostro meglio. Ma non possiamo fare tutto questo con i fondi che abbiamo”.

Sebbene le Nazioni Unite non abbiano ufficialmente identificato perdite e danni, possono includere devastazioni causate da condizioni meteorologiche avverse esacerbate dal riscaldamento globale. nel 2019, L’uragano Dorian Le Bahamas sono state inondate, portando venti fino a 185 mph e 23 piedi di tempeste che hanno distrutto case, strade e aeroporto. Danni: 3,4 miliardi di dollari, un quarto dell’economia del paese.

READ  La perdita dell'oleodotto di Druzhba riduce il flusso di petrolio russo verso la Germania

Può anche includere perdite lente e difficili da quantificare, come nel caso dei coltivatori di sale in Bangladesh che hanno perso il lavoro a causa dell’alta marea e delle piogge torrenziali che hanno ostacolato la produzione, o delle comunità in Micronesia Ho visto antiche tombe Rimani bloccato negli oceani striscianti.

“Se riduciamo le emissioni abbastanza presto, non dovremo adattarci e se ci adattiamo abbastanza presto, non subiremo perdite e danni”, ha affermato Avinash Persaud, consigliere del Primo Ministro delle Barbados. “Ma non abbiamo agito abbastanza presto, quindi ora dobbiamo fare tutti e tre”.

Poiché le tariffe sono così estese, è difficile calcolare l’importo delle perdite finanziarie e dei danni che potrebbero derivarne. Uno Gli studi sono spesso citati Si stima che i paesi in via di sviluppo potrebbero subire tra i 290 ei 580 miliardi di dollari di danni climatici annuali entro il 2030, anche dopo gli sforzi di adattamento. Ciò potrebbe salire a 1,7 trilioni di dollari entro il 2050.

In passato, le nazioni ricche hanno suggerito che tali disastri possono essere mitigati attraverso aiuti umanitari o assicurazioni esistenti.

I paesi in via di sviluppo affermano che questo è inaccettabile. di alcune stimePiù della metà degli appelli delle Nazioni Unite per le donazioni dopo i disastri meteorologici sono già rimasti insoddisfatti. L’assicurazione non è adatta per le case che saranno presto inghiottite dall’innalzamento del mare. Invece, le nazioni povere hanno dovuto accollarsi dei debiti per ricostruire.

Senza finanziamenti stanziati per perdite e danni, l’impatto sul clima ha affermato Leah Nicholson, Senior Advisor di AOSIS Forzerà le nazioni insulari “In debiti insostenibili, arresta lo sviluppo e ci rende ostaggi di atti casuali di carità”.

Con così tanti soldi in gioco, le discussioni su perdite e danni in Egitto saranno sicuramente controverse.

Dietro le quinte, i funzionari statunitensi si dicono preoccupati che il nuovo fondo possa essere mal definito e poco pratico.

Alcuni paesi ricchi affermano anche che la Cina, che attualmente è il più grande emettitore mondiale, così come gli esportatori di combustibili fossili come il Qatar e l’Arabia Saudita, dovrebbero contribuire. Ciò potrebbe portare a una grande battaglia, poiché quei paesi non sono stati tradizionalmente ritenuti responsabili degli aiuti al clima.

Forse la sfida più grande è che ogni aspetto è inciso: le nazioni in via di sviluppo e gli attivisti vedono la perdita e il danno come una questione di giustizia mentre le nazioni ricche inveiscono all’idea della colpa.

READ  La Germania licenzia il capo di Internet Arne Schönbaum, accusato di legami con la Russia

Il signor Kerry ha riconosciuto gli Stati Uniti, che hanno bruciato carbone per generare elettricità dal 1880 e È il più grande impulso storico, assumersi la responsabilità del cambiamento climatico. Ma ha anche affermato che negli anni ’80, quando i governi concordavano ampiamente sul fatto che le emissioni di anidride carbonica da petrolio, gas e carbone stavano riscaldando il pianeta, anche le nazioni emergenti bruciavano combustibili fossili.

“Se vuoi misurare da lì, alla velocità che stiamo monitorando, due paesi hanno il potenziale per superare le nostre emissioni storiche”, ha affermato Kerry. “Sì, abbiamo bruciato carbone e l’abbiamo fatto. Ma indovina chi ha bruciato carbone? Tutti gli altri paesi. Sono esenti?”

Se gli stati accettano, almeno in linea di principio, di creare un fondo perdite e danni, dovranno approfondire le questioni difficili: chi merita aiuto e quanto? Come possiamo garantire che il denaro venga speso in modi a beneficio delle persone che ne hanno più bisogno?

David Michael Terungwa è il presidente della Global Initiative on Food Security and Ecosystem Conservation in Nigeria. Di recente ha appreso che la casa di un amico era stata allagata nello stato di Benue Le inondazioni hanno causato lo sfollamento di oltre 100.000 persone La distruzione di 140mila ettari di terreno agricolo.

“Ho parlato con un giovane che ha perso tutti i suoi polli durante le inondazioni”, ha detto il signor Terongwa. “Se c’è una cosa, l’assicurazione climatica, può essere recuperata e lui può ricominciare la sua vita o avviare un’impresa. Quando discutiamo di perdite e danni, è quello che penso agli agricoltori locali”.

Ma ha anche detto che era preoccupato che i governi avrebbero usato i soldi per ricostruire semplicemente in aree vulnerabili che sarebbero state spazzate via in futuri disastri.

I paesi in via di sviluppo affermano che tali domande non sono motivo di inazione. Il primo passo è concordare che deve esistere il finanziamento delle perdite e dei danni; I dettagli possono essere elaborati in seguito.

Per ora le perdite continuano.

Hassan Abu Bakr, professore di agricoltura all’Università del Cairo che possiede un uliveto fuori città, ha affermato di essere sprofondato nella depressione perché le frequenti ondate di caldo hanno distrutto i suoi raccolti privandoli delle “ore invernali” di cui hanno bisogno per prosperare. Quest’anno le sue olive erano più piccole che mai e la maggior parte di esse è stata rifiutata dal mercato.

“Il cambiamento climatico non è qualcosa che accadrà in futuro”, ha affermato. “Lei è qui e ora e ci sta colpendo.”

Il risarcimento può aiutare, ma le preoccupazioni del signor Abu Bakr vanno oltre.

“Puoi donare soldi, ma per quanto riguarda gli ulivi?” Egli ha detto. “Dobbiamo salvare gli alberi”.