Giugno 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Chi può sostituire Mel Tucker? Candidati allenatori di football dello Stato del Michigan

Chi può sostituire Mel Tucker?  Candidati allenatori di football dello Stato del Michigan

Mel Tucker è stato licenziato dalla carica di capo allenatore di football dello Stato del Michigan dopo alcune settimane incredibili di accuse e rivelazioni all’università. Lo Stato del Michigan gli ha fornito una notifica scritta dell’intenzione di rescindere il contratto per giusta causa. La notizia arriva nel mezzo di un’indagine della MSU sulle accuse di molestie sessuali contro l’allenatore, che meno di due anni fa ha firmato un’estensione del contratto di 10 anni da 95 milioni di dollari con risultati 11-2.

Il programma vacilla – gli Spartans sono stati sconfitti in casa nella terza settimana da Washington, sotto 35-0 all’intervallo – ma il lavoro sarà comunque molto interessante. Ha ottenuto tre piazzamenti nella top-10 AP nelle ultime nove stagioni ed è un programma di alto livello in una conferenza che attira ingenti somme di denaro sulla scia del massiccio accordo televisivo dei Big Ten.

Il lavoro non è il primo posto vacante della stagione nella Big Ten (Nordovest), ma è un lavoro da allenatore più attraente. Lo stato del Michigan non è proprio al livello degli arcirivali Michigan, Penn State o Ohio State, ma con la conferenza che ritira le sue divisioni, la scena dovrebbe essere visivamente più gestibile. Aspettatevi che molti allenatori di Power 5 ricevano seria attenzione.

Chi otterrà interesse dai ranghi Power 5?

Mike Elko, Duke, capo allenatore

Cominciamo con uno degli allenatori che penso prenderà di mira anche la Northwestern. Il 45enne del New Jersey ha avuto un’impressionante stagione d’esordio nel 2022, portando Duke a un record di 9-4. La sua squadra, attualmente numero 18, ha iniziato la stagione alla grande con una vittoria su Clemson e ha iniziato la partita 3-0. È tutto fantastico.

Ex difensore della Ivy League, ha lavorato a Fordham, Richmond, Wake Forest, Notre Dame e Texas A&M. Come Duke, MSU ha una ricca storia di basket, ma non è una scuola di basket pura come Duke – e l’ACC non ha i soldi dei Big Ten. La cosa potrebbe diventare interessante.

Lance Leipold, Kansas, capo allenatore

Leipold è praticamente un miracoloso per quello che ha fatto a Lawrence, Kan. Il 59enne del Wisconsin, che ha vinto sei titoli nazionali di Division III al Wisconsin-Whitewater prima di trasformare Buffalo in una squadra AP Top 25, ha ottenuto con successo i Jayhawks nella Top 25 l’anno scorso dopo un decennio di calcio marcio a Lawrence. Quest’anno, KU ha iniziato 3-0. Questa è una chiamata che se vieni dalla MSU, probabilmente dovresti accettare perché Leopold è un allenatore di calcio d’élite, e lo ha dimostrato ovunque sia stato.

Lance Leipold I Kansas Jayhawks sono 3-0 in questa stagione. (Jay Biggerstaff/USA Today)

Chris Klieman, Kansas State, capo allenatore

Il rivale nazionale di Leipold sarebbe una scelta saggia se fosse interessato. Klieman e i Wildcats sono stati campioni dei Big 12 l’anno scorso e, sebbene i Big Ten abbiano risorse molto migliori dei Big 12, Klieman sta lavorando con lo stesso direttore atletico al K-State che aveva quando vinceva i titoli nazionali al North Dakota State . . Kleiman è bravo quanto riesce a raggiungere la conferenza.

READ  Se i playoff della NHL iniziassero oggi: ci sono i Penguins e torna la partita Maple Leafs-Panthers

PJ Fleck, Minnesota, capo allenatore

Secondo quanto riferito, gli Spartans hanno un certo interesse per Fleck, che ha fatto un buon lavoro portando molta stabilità a un programma che stava vacillando quando ha lasciato il Michigan occidentale. Il 42enne ha un record di 46-28 in Minnesota, e questo include una stagione 11-2 e un piazzamento tra i primi 10 nel 2019. Ha una buona carriera nella Big Ten, ma vale la pena notare che MSU è un programma che ha ha raggiunto i playoff College Football Playoff prima, quindi non ci sorprenderebbe se lo prendesse in considerazione.

Vai più in profondità

Cronologia delle accuse di molestie sessuali contro Mel Tucker, indagine della Michigan State University

Chi riceverà la considerazione del G5?

Willie Fritz, Tulane, capo allenatore

Fritz sarebbe un candidato forte. Ex difensore del Pittsburg State in Kansas, ha avuto stagioni vincenti a doppia cifra a tutti i livelli del football universitario, andando 97-47 al Central Missouri, 40-15 al Sam Houston State e 17-7 al Georgia Southern.

Ora sta girando a New Orleans. Nel 2022, ha guidato Tulane a una stagione 12-2 che includeva una vittoria al Cotton Bowl sull’USC e un nono posto. Tulane è 2-1 questo autunno, e potrei vederlo giocare alla Northwestern – e sarebbe un’opzione ovvia in Kansas se Leipold si trasferisse alla MSU.

Jason Candle, Toledo, capo allenatore

Kandel, l’ex allenatore dell’anno del MAC, ha vinto almeno nove partite tre volte nelle sue sette stagioni con i Rockets. Ha una mente offensiva molto rispettata e ci si aspetta che riceva una certa considerazione per il lavoro, secondo le fonti. Il prodotto Mount Union, vecchio di 43 anni, ha vinto due titoli MAC.

Charles Huff, Marshall, capo allenatore

Huff è visto come una stella nascente. Il quarantenne originario del Maryland ha dimostrato di essere un ottimo assistente presso la Penn State, lo Stato del Mississippi e l’Alabama prima di avere la possibilità di diventare presidente. È alla sua terza stagione con il Thundering Herd e dal 2022 è andato 11-4, inclusa una vittoria su Notre Dame a South Bend.

Vai più in profondità

MSU comunica a Tucker l’intenzione di rescindere il contratto

Ken Wommack, Alabama meridionale, capo allenatore

Come Huff, Wommack è un altro allenatore emergente a livello del Gruppo dei Cinque che è stato assistente nei Big Ten. Wommack ha giocato un ruolo importante nel traguardo n. 12 dell’Indiana nel 2020 mentre era coordinatore difensivo. Il 36enne è partito alla grande nella Sun Belt, circondando il sud dell’Alabama; L’anno scorso è andato 10-3, inclusa una sconfitta di misura contro l’UCLA al Rose Bowl. La sua squadra ha appena battuto l’Oklahoma State 33-7 a Stillwater.

READ  Fonte - Blake Snell accetta un accordo biennale da 62 milioni di dollari con i Giants

Altre considerazioni

Pat Narduzzi, Pitt, capo allenatore

Un’opzione degna di nota per un allenatore in carica: Narduzzi, l’ex coordinatore difensivo amato sotto Mark Dantonio. Il 57enne è stato bravissimo a Washington e porta molta qualità alla MSU. È stato davvero solido durante i suoi quasi dieci anni di gestione del programma di Pitt e negli ultimi due anni ha avuto due stagioni consecutive tra le prime 25, andando da 20 a 7. Vuole tornare a East Lansing? Non sono sicuro di questo. Ha un buon lavoro in una grande città, ma è lì da molto tempo e la Big Ten ha molta più stabilità dell’ACC.

Bill O’Brien, New England Patriots, coordinatore offensivo

O’Brien è un altro candidato in fuga che potrebbe finire nel mix. Sa tutto su come mettersi in situazioni complicate, essendo subentrato alla Penn State in seguito allo scandalo Jerry Sandusky. O’Brien ha fatto un ottimo lavoro nel gestire tutti i tipi di problemi e rimettere le cose in carreggiata. Ha vinto il Bear Bryant Award nel 2012 ed è andato 15-9 in due stagioni prima di lasciare per diventare l’allenatore capo degli Houston Texans. Ha disputato quattro stagioni di playoff e se ne è andato con un record di 52-48. Se vorrà tornare di nuovo al college rimane un mistero, ma è un buon lavoro da Big Ten.

Vai più in profondità

Quanto è buono il lavoro dello Stato del Michigan? Pro e contro quando si avvia la ricerca di uno stage

Sean Lewis, Colorado, coordinatore offensivo

Penso che il primo candidato tra gli assistenti sarebbe Lewis. Ha esperienza come capo allenatore durante il periodo trascorso al Kent State, dove ha svolto un ottimo lavoro in una situazione difficile per un successo duraturo, ottenendo un record di 18-10 nel MAC nelle ultime quattro stagioni. Ha guidato Kent State alla sua prima vittoria in bowl prima di lasciare questa stagione per diventare Deion Sanders OC in Colorado.

Come spiega L L’atleta La scorsa settimana, il trasferimento è stato spinto dal fatto che stava quasi per ottenere il lavoro di capo allenatore a Cincinnati lo scorso inverno, ma Scott Satterfield, un allenatore con esperienza in Power 5, ha finito per ottenerlo all’ultimo secondo, quindi Lewis ha deciso che era ora di cambiare. In Colorado ha dimostrato ancora una volta di avere una grande mentalità offensiva. Il 37enne ex quarterback del Wisconsin diventato tight end è stato ben considerato tra i suoi giocatori e sarebbe un’opzione convincente per MSU.

Matt House, LSU, coordinatore difensivo

House è un laureato dello Stato del Michigan che ha iniziato la sua carriera da allenatore come assistente laureato Spartan. Il 45enne, discepolo di Steve Spagnuolo, ha svolto un lavoro davvero impressionante alla LSU lo scorso anno, nonostante la presenza di sette nuovi titolari e l’assenza di una linea difensiva più talentuosa come Mason Smith. I Tigers sono passati dal 10° posto nella SEC in difesa al 5° posto. Sono anche passati dal numero 13 al numero 3 nella percentuale di touchdown in zona rossa. I suoi numeri azionari aumenteranno se la LSU finirà per partecipare ai College Football Playoff.

Sherron Moore, Michigan, coordinatore offensivo

Moore è un nome famoso nel mondo degli allenatori, ma MSU proverà a ingaggiare il suo acerrimo rivale? E davvero il 37enne sarebbe tentato? Se un giorno Jim Harbaugh partisse per la NFL, cosa che potrebbe accadere quest’inverno, avrebbe molto senso che Moore fosse il suo sostituto. È stato un aiuto vitale per l’ascesa dei Wolverines nelle ultime due stagioni, con la sua linea offensiva che ha vinto consecutivamente i Joe Moore Awards come migliore unità del paese.

Il suo lavoro in trincea e come reclutatore ha giocato un ruolo importante nel portare Harbaugh a portare questo programma ai vertici della lega, dominando il rivale Ohio State negli ultimi due anni. Le persone all’interno del programma del Michigan credono molto in Moore, parlano con entusiasmo della sua capacità di connettersi con i giocatori e dicono che i giocatori correranno attraverso il muro per lui, in parte perché è così onesto.

Brian Hartline, Ohio State, coordinatore offensivo

Un altro assistente dei Big Ten da tenere d’occhio è l’OC Brian Hartline dell’Ohio State. L’ex wide receiver della NFL ha dimostrato di essere il miglior assistente allenatore del paese nelle ultime stagioni, reclutando un potenziale candidato d’élite dopo l’altro e trasformandoli in scelte al primo turno. Il 36enne nativo di Canton, Ohio, potrebbe essere un’opzione interessante soprattutto considerando la sua capacità di procurarsi i migliori talenti e l’attenzione ai dettagli che ha mostrato nel suo mestiere.

Harlon Barnett, Michigan State, capo allenatore ad interim

Barnett, un ex giocatore di 56 anni degli Spartans, ha una possibilità di vincere il lavoro, ma è una battaglia molto dura iniziata con una sconfitta casalinga per 41-7 contro Washington. Se riesce a guidare la MSU attraverso alcuni sconvolgimenti, potrebbe farsi strada in quel lavoro a tempo pieno. Ma con quattro contendenti in classifica, tra cui tre squadre tra le prime 10, le probabilità non sono grandi.

(Foto in alto di Mike Elko: Lance King/Getty Images)