Giugno 22, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dentro il mestiere di Patrick Kane: come è caduto e perché i Blackhawks hanno ottenuto così poco in cambio

Dentro il mestiere di Patrick Kane: come è caduto e perché i Blackhawks hanno ottenuto così poco in cambio

Quanto vale Patrick Kane nel trading?

Questa è una domanda difficile. Parliamo di un mercato aperto a 31 squadre? È bassa stagione, inizio stagione o scadenza commerciale? Ken è sano? È solo affitto o può firmare nuovamente da qualche parte?

Non c’è dubbio che Kane debba essere di buon valore, con il valore esatto che varia in base a tali variabili. Anche con i dubbi dovuti al suo fastidioso infortunio all’anca in questa stagione, ha dimostrato di poter ancora elevare il suo gioco al livello d’élite. Nelle sue ultime quattro partite con i Blackhawks, ha segnato sette gol e aggiunto tre assist. Ancora Quello Uomo. Vale ancora molto.

I Black Hawks lo pensavano sicuramente. Credevano che Kane avrebbe dovuto essere una scelta al primo turno e il miglior potenziale cliente se avesse rinunciato alla clausola di non movimento, almeno.

Come sei arrivato a questo? In che modo il direttore generale dei Blackhawks Kyle Davidson ha ottenuto una scelta condizionale per il secondo turno nel 2023 – chi potrebbe diventare un primo giocatore nel 2024 o solo nel 2025 se i Rangers raggiungessero la finale della conferenza nella ridicolmente caricata Eastern Conference – e un quarto turno del 2023 al massimo Giocatore nella storia della franchigia, giocatore da meno di un anno in una stagione da 92 punti? E in che modo è stato effettivamente migliore di quanto si aspettasse la maggior parte del mondo dell’hockey?

Bene, le negoziazioni dipendono dalla leva finanziaria. E i Black Hawks non ne avevano.

“È quello che è”, ha detto un dirigente della Western Conference, che ha concesso l’anonimato in modo da poter parlare liberamente di un’altra squadra. “Hanno ottenuto qualcosa, che è più di quello che ottengono dal contratto scaduto di (Jonathan) Toews. Devi sfruttare al meglio ciò che ti viene dato. Ha dato loro una squadra con cui lavorare”.

Forse i Blackhawk avrebbero potuto ottenere il pacchetto che volevano se fossero successe due cose. Innanzitutto, Kane doveva concedere ai Blackhawks almeno alcune settimane per negoziare con le squadre. La stagione degli scambi è iniziata molto prima del solito quest’anno, con Bo Horvat, uno dei più grandi nomi disponibili, che si è trasferito agli Islanders il 30 gennaio. In secondo luogo, Kane aveva bisogno di dare ai Blackhawk alcune destinazioni in cui gli sarebbe piaciuto andare in Togo.

READ  Warriors al lavoro su Ben McLemore, altri free agent veterani questa settimana: fonti

I Black Hawks pensavano che queste due cose potessero accadere all’inizio di febbraio. Sulla base di ciò che Kane e il suo agente, Pat Bryson, hanno detto, i Blackhawks sono rimasti ottimisti.

Ma poi il tempo è passato.

E passato.

E passato.

Mentre Kane rifletteva sulla sua decisione, le altre squadre non stavano aspettando. Grandi nomi continuavano a uscire dal tabellone. In particolare, i New York Rangers hanno acquisito Vladimir Tarasenko per il tipo di pacchetto – che includeva una scelta al primo turno – che i Blackhawks speravano. Questa è sempre stata la destinazione numero 1 di Kane. È stato un mercato relativamente vicino ai suoi genitori nel New York occidentale e la sua combinazione con l’ex compagno di squadra Artemi Panarin (che lo ha aiutato a vincere l’Hart Award come giocatore dell’anno della Major League 2016) gli darà un’altra possibilità ai playoff della Stanley Cup .

La reazione sorprendentemente onesta di Kane all’affare Tarasenko, che sembrava escludere i Rangers come possibile destinazione per Kane, ha cambiato la dinamica, tuttavia. Kane ha detto che “non era, tipo, il più felice” di sentire parlare del mestiere, e ha ammesso con enfasi di essere “incuriosito” dall’idea di giocare per i Rangers. E il GM dei Rangers Chris Drury lo ha sicuramente visto. C’erano altre squadre interessate a Kane – come Dallas, Carolina, Vegas ed Edmonton – ma divenne chiaro che Kane era interessato solo a New York. E le guardie lo sapevano.

Distruggendo ulteriormente qualsiasi influenza che Davidson aveva, la delusione di Kane non è stata accompagnata da una decisione. E così passò più tempo. E più giocatori sono stati scambiati in campionato al primo turno.

READ  Una riunione di squadra ha portato a cambiamenti nel comportamento di Josh McDaniels durante gli allenamenti prima di essere licenziato come Raiders HC

Non che qualcuno lo avrebbe detto pubblicamente, ma c’era una crescente frustrazione all’interno dell’organizzazione Black Hawk per l’indecisione di Kane. Altrettanto importante, il senso della lega degli altri pretendenti era che Kane fosse ugualmente frustrato, se non addirittura arrabbiato, per il fatto che i Blackhawk lo stessero costringendo a uscire dalla porta andando a terra bruciata sul roster in un carro armato infuocato. Davidson ha scambiato Alex DeBrinkat e ha lasciato che Dylan Strom se ne andasse come free agent durante l’estate. Questi erano gli amici e gli amici intimi di Ken nella squadra, e Ken la prese sul personale, rendendolo meno incline ad aiutare i Blackhawk a massimizzare il valore del loro commercio. Cercasi ranger. Ed era determinato a prendere i Rangers.

Quindi, con l’avvicinarsi della scadenza, Kane voleva vedere se i Rangers fossero ancora un potenziale. Erano davvero interessati, ma non avrebbero concesso troppo, come hanno fatto con lo scambio di Tarasenko. Soprattutto senza concorrenza.

Mentre Brisson ei Rangers discutevano, i Blackhawks non erano sicuri di cosa sarebbe successo. Si stavano preparando per qualsiasi cosa. Sapevano che il tempo stava per scadere per concludere il tipo di accordo che speravano.

È stato solo quando Kane ha chiamato Davidson venerdì sera che l’organizzazione ha saputo con certezza cosa voleva veramente Kane: avrebbe rinunciato alla sua clausola di non movimento per essere ceduto ai Rangers. E solo i Ranger.

“Sono stato convocato dal San Jose prima di abbandonare quella partita”, ha detto Davidson. “Sì, un paio di conversazioni emozionanti a San Jose. È lì che tutto è arrivato al culmine.”

Davidson ha continuato a lavorare con Drury. Davidson ha fissato il suo prezzo, ma Drury ha offerto meno in cambio e non si è mosso molto. Drury aveva il potere e lo sapeva. Sapeva che i Rangers erano l’unica squadra con cui Kane avrebbe accettato uno scambio. Sapeva anche che i Blackhawk avrebbero fatto tutto il possibile per far sì che ciò accadesse per Kane. Dal CEO di Blackhawks Danny Wirtz al Chief Commercial Officer Jaime Faulkner a Davidson, i Blackhawks hanno dichiarato pubblicamente da tempo che avrebbero fatto bene a Kane e Toews se avessero voluto essere scambiati.

READ  Miami Dolphins QB Tua Tagovailoa è tornato nel protocollo di commozione cerebrale

Ciò ha lasciato Davidson con un potere contrattuale minimo. Non potrebbe allontanarsi dal trading, anche se lo volesse. Era un mandato organizzativo non trattenere Pechino contro la sua volontà. Una volta che Kane ha detto ad alta voce che voleva uno scambio, Davidson avrebbe seguito. Questa relazione – passato, presente e futuro – è molto importante per l’organizzazione.

Pertanto, Davidson ha combattuto per quello che poteva. Il fatto che Davidson abbia guadagnato una scelta condizionale al secondo turno potrebbe essere stata una vittoria per i Blackhawks, dato che Drury avrebbe potuto offrire molto meno, e Davidson probabilmente avrebbe dovuto accettare.

Alla fine, Davidson sa che Ken vale di più.

Anche Drury lo fa.

Ma quella era l’offerta, ei Black Hawk sentivano di doverla accettare, tanto per il bene di Kane quanto per il loro. Così hanno fatto.

“Se lo guardi dal punto di vista dell’hockey puro e dal punto di vista del ritorno delle risorse, probabilmente non conta”, ha detto Davidson. “Ma date le circostanze e la situazione, abbiamo ottenuto ciò che volevamo, ovvero mettere Patrick nella squadra in cui vuole andare. Questo è l’obiettivo principale qui: speriamo di ottenere alcune risorse qui, che riteniamo di aver fatto, ma soprattutto sta ripagando un giocatore che ha fatto così tanto.” Per amore del privilegio.

(Foto: Chase Agnello-Dean/NHLI via Getty Images)