Maggio 22, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Djokovic supera Alcaraz per dominare la competizione che ha definito quest’anno

Djokovic supera Alcaraz per dominare la competizione che ha definito quest’anno

Per quasi sei mesi è stata una rivalità che non avrebbe mai potuto accadere. Il genio numero 1 al mondo contro il più grande giocatore di tutti i tempi.

Poi, come un fiume che rompe una diga, l’estate portò ogni mese scontri; Sulla terra battuta, poi sull’erba, poi sul cemento. Un regalo meraviglioso e versatile degli dei del tennis. Uno di questi, un epico duello in cinque set durato quasi cinque ore, si è svolto sul palco più grande del gioco e ha trasceso lo sport, l’hype si è diffuso oltre gli oceani mentre il dramma cresceva e il pubblico si è riempito di persone che raramente guardano un show televisivo. Partita di tennis tenendo gli occhi aperti sullo schermo.

Era quindi giusto che ci fosse un ultimo incontro della stagione tra il Re e il Principe Ereditario, in un torneo finale in cui solo il meglio del meglio sarebbe stato ammesso, su un’altra superficie, un campo in cemento indoor. Per come è andato quest’anno, è anche giusto che Novak Djokovic, 36 anni, il numero uno al mondo, arrivi al 2024 con un netto vantaggio su Carlos Alcaraz, 20 anni, che cerca disperatamente di sostituirlo.

Djokovic ha rotto l’Alcaraz tre volte, ma, cosa più importante, ha spezzato il suo spirito, mandando il talento solitamente vivace a un lancio della racchetta e a una sessione di discussione con il suo allenatore.

“Tira fuori il meglio di me”, ha detto Djokovic, paragonando la sfida che Alcaraz deve affrontare alle sue battaglie con Rafael Nadal e Roger Federer. “Mi fa preparare la partita al meglio delle mie possibilità, ed è lì che mi paragonerei a Federer e Nadal. Ho dovuto fare ogni volta il massimo per batterli.

Alcaraz si congratula con Djokovic per la sua vittoria a Torino (Clive Brunskill/Getty Images)

Giocando in un ambiente veloce e climatizzato che sembra quasi sempre tirare fuori il meglio di lui, Djokovic si è fatto strada abilmente e abilmente fino a una convincente vittoria in serie, smantellando il suo rivale emergente in una sorta di 6-3. 6-2 nelle finali ATP – garantendo virtualmente che l’irresistibile narrazione di questa storia, l’inseguimento di Alcaraz, sopravviverà fino al 2024.

“Voglio battere questo ragazzo. Voglio essere il migliore della storia”, ha detto Alcaraz sconvolto dopo la sconfitta. “Quello che fa è incredibile, batte i record e vince ogni torneo a cui partecipa. Questa è una follia.”

Le rivalità più memorabili hanno il potere di descrivere una piccola epoca di questo sport e gli stili di lotta del momento, evocando lo zeitgeist del tennis con due parole e un trattino: Evert-Navratilova; Sampras Agassi; Federer Nadal. Possono impiegare diversi anni per maturare e raggiungere il loro status ideale, attirando nuovi sguardi che sono la linfa vitale di qualsiasi sport lungo il percorso.

READ  John Feliciano inizierà per i 49ers-Jaguars con un ruolo più importante sulla linea offensiva – NBC Sports Bay Area & California

A causa della differenza di età, Djokovic e Alcaraz non potranno permettersi il lusso del tempo. Tutto quello che devono fare ora è portare nei loro duelli intergenerazionali un’urgenza frenetica di coglierla finché dura.

Lo sanno bene come chiunque altro e talvolta si allenano insieme, l’ultima volta a Parigi il mese scorso. Una stella nascente, nei suoi momenti migliori, porta lo sport a nuovi livelli e gioca a un gioco che nessuno conosce. L’altro usa tutta la forza delle dita e la destrezza del corpo di un esperto scalatore che scala l’Half Dome per aggrapparsi alla presa del giocattolo che lo ha ossessionato fin dall’infanzia.

Djokovic, un tempo un ragazzino cresciuto tra le bombe che cadevano intorno a lui nei Balcani dilaniati dalla guerra, ora ha dei punti grigi nella sua vita. Alcaraz, un prodigio il cui padre era un professionista e il cui nonno costruì un club di tennis, ha una mascella e delle guance che si muovono ancora durante l’adolescenza.

Anche se ha i suoi momenti aggressivi, Djokovic rimane il tattico e il controbattitore per eccellenza. Un’auto da corsa di Formula 1 finemente messa a punto, anche se richiede molta manutenzione. Alcaraz entra in gioco dall’altro polo, imparando a fondere le sfumature con le sue modalità predefinite di forza e vitalità; Il treno ad alta velocità di prima generazione è ancora soggetto a incidenti e guasti, ma è in grado di battere i record di velocità.

È cresciuto con un poster di Roger Federer appeso al muro della sua camera da letto. Ma il mese scorso ha ammesso che c’era una sorta di ossessione per Djokovic, un 24 volte campione del Grande Slam che ha riconquistato il numero 1 della classifica con il suo ultimo implacabile assalto tattico ai vertici del gioco.

Dopo tutti questi anni, e tutta la superiorità che ha conquistato, Djokovic non è mai stato così sconsiderato da ammettere che qualsiasi avversario, per non parlare di uno molto più giovane di lui, occuperebbe spazio nella sua mente. Ma non ci voleva un dottorato in psicologia per capire il significato delle sue parole agli Open di Francia all’inizio di quest’anno, dove Alcaraz era a una vittoria dalla sua prima partita del Grande Slam.

“Questa è la partita che molte persone vogliono vedere”, ha detto. “Sicuramente un ragazzo da battere qui. Non vedo l’ora.”

READ  L'NBA rilascia nuovi design degli stadi per le partite di campionato della stagione

L’anno scorso, quando i suoi rivali (Federer) si ritirarono e (Nadal) declinarono, Djokovic cercò la prossima fonte di motivazione. C’è una corsa per chi vince il maggior numero di titoli del Grande Slam, ma i tennisti sono pronti a sfidarsi con un altro essere umano.

Djokovic non ha potuto giocare lo swing americano sul cemento a causa della sua decisione di non vaccinarsi contro il Covid-19. Mentre rimaneva bloccato a casa in Europa, il mondo si innamorò di Alcaraz, che fece irruzione agli US Open, vincendo il suo primo titolo del Grande Slam con un sorriso carismatico e un entusiasmo delizioso e mozzafiato che non è nella timoniera di Djokovic.

Spegnere le prime fiamme di qualcun altro, specialmente di un adolescente vivace la cui carriera è stata la scalata più ripida e veloce verso l’alto che lo sport abbia mai visto… beh, quella era tutta la motivazione di cui aveva bisogno.

Nel suo mondo le torce non passano. Vengono portati via.

Oppure no.

Djokovic prende il controllo sulla strada verso la vittoria di due set sabato (Shi Tang/Getty Images)

Condannato a un dritto lento sabato sera e incapace di trovare il suo tempismo con Djokovic che ne prendeva possesso troppo presto, Alcaraz e il suo stile distintivo non si sono rivelati all’altezza di Djokovic, che in qualche modo ha accettato la sfida e l’ha usata per produrre uno dei migliori tennis di sempre. La sua vita.

Giovedì sera, dopo la vittoria in tre set su Hubert Hurkacz che lo ha visto avvicinarsi più di quanto avrebbe dovuto, Djokovic sapeva che c’erano buone possibilità che la sua stagione nel Tour fosse finita. Ha vinto due delle sue prime tre partite dei quarti di finale, ma ha perso set in ciascuna delle sue vittorie, spingendolo sull’orlo dell’eliminazione. Aveva bisogno che Jannik Sinner, che lo aveva battuto martedì, eliminasse Holger Rönn per restare in vita.

Turbato dalla perdita di controllo sul suo destino, ha detto che aveva intenzione di cenare con la sua famiglia e magari di andare a nuotare nella piscina dell’hotel con i bambini. Non aveva intenzione di guardare la partita. Mentalmente, sembrava già che fosse in macchina mentre tornava a casa a Monte Carlo, 100 miglia a sud.

“Sto solo pensando ad abbracciare i miei figli in questo momento”, ha detto.

Venti ore dopo Siner lo salva e all’orizzonte si profila la partita con l’Alcaraz. Djokovic e il suo sguardo micidiale tornano al Bala Alpitur, dove si è allenato duramente con il suo allenatore Marco Panici.

READ  Mariners Option Jarred Kelenic, l'affermazione di Adrian Sampson

La cena in famiglia e il nuoto sembravano essere la cosa più lontana dalla sua mente.

Verso sabato sera, né Alcaraz né Djokovic sono stati in grado di ottenere vittorie consecutive sull’altro. Il loro primo incontro, a Madrid nel 2022, è andato all’Alcaraz al tie-break del terzo set e ha dato fuoco a Djokovic per più di un anno. Presumibilmente, i giocatori avranno bisogno di diverse sconfitte contro di lui prima di adattarsi all’unicità della sfida che presenta. Alcaraz lo ha scoperto nel pomeriggio.

Rimasero lontani l’uno dall’altro per altri 13 mesi. Perdite e infortuni nel processo di apprendimento di caraz. Ha saltato i tornei a causa della necessità di vaccinare Djokovic.

Poi è arrivato il ko tecnico di Djokovic nelle semifinali dell’Open di Francia. Alcaraz, allora numero 1 al mondo, cedette agli spasmi nervosi di tutto il corpo nel suo primo vero momento contro il più grande giocatore di tutti i tempi su un palco enorme.

“Parte della curva di apprendimento”, ha detto Djokovic. “Fa parte dell’esperienza. Ha solo 20 anni.”

Alcaraz promise che non sarebbe mai più successo e trascorse il mese successivo praticando esercizi di rilassamento e parlando delle sue paure con il suo allenatore Juan Carlos Ferrero, che cercò di fargli comprendere questi momenti come opportunità per mostrare la sua grandezza. Nel giro di pochi punti dopo essere caduto di due set, Alcaraz ha trasformato alcuni errori di Djokovic in un’ancora di salvezza, per poi fare lo stesso trucco due ore dopo nel set decisivo, negando a Djokovic l’ottavo titolo di Wimbledon.

Il vantaggio di Carlitos – per cinque settimane, finché Djokovic non ha pareggiato in una notte sudata a Cincinnati, una battaglia di quattro ore che l’ex numero 1 del mondo, diventato commentatore di tennis, Jim Courier ha descritto come la migliore partita da tre set che avesse mai visto.

Alcaraz a Torino non ha avuto risposte (Stefano Guidi/Getty Images)

Il sabato sera a Torino è stato tutt’altro.

Djokovic ha concluso la stagione dell’Alcaraz con una vittoria decisiva, che secondo il giocatore spagnolo sarebbe stata più grande di tutti gli scontri bilaterali durante la bassa stagione. È arrivato con pochi punti nel secondo set, mentre Alcaraz ha lottato per la sua vita, correndo da un angolo all’altro, poi scatenando quei dritti a razzo mentre cercava di afferrare il limite, solo per Djokovic che ne ha inseguiti abbastanza per finire. loro fuori. Da lui esce la speranza, gonfia il petto e si ferma davanti al ruggito della folla. Questo è (quasi) sempre così.

C’è sempre il prossimo anno per Alcaraz. In una competizione che definisce questo sport, è tutto ciò che tutti vogliono.

(Foto in alto: Stefano Guidi/Getty Images)