Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dopo che la Russia è uscita dal Moon Gate, la NASA ha trovato un nuovo partner negli Emirati Arabi Uniti

Dopo che la Russia è uscita dal Moon Gate, la NASA ha trovato un nuovo partner negli Emirati Arabi Uniti
Ingrandire / Il concetto di un artista di Gateway to the Moon che incorpora elementi di partner internazionali.

NASA/Alberto Bertolin

Le relazioni tra la NASA e la compagnia spaziale russa di proprietà statale erano piuttosto forti cinque anni fa, quando entrambe le parti Ho firmato una dichiarazione congiunta che ha discusso la collaborazione nello sviluppo di una stazione spaziale in orbita lunare, chiamata Lunar Gateway. A quel tempo, la russa Roscosmos avrebbe dovuto fornire una camera di equilibrio per la struttura.

Sono successe molte cose nei cinque anni successivi, ovviamente. Nel 2020, quando la NASA ha iniziato a formulare i suoi piani per un’esplorazione lunare più precisa nell’ambito del programma Artemis, la Russia ha iniziato a ritirarsi.

“Dal nostro punto di vista, Moongate nella sua forma attuale è troppo incentrato sugli Stati Uniti, per così dire”, ha affermato Dmitry Rogozin, allora direttore generale di Roscosmos. La Russia probabilmente si asterrà dal parteciparvi su larga scala. All’epoca, Rogozin espresse anche il suo disprezzo per gli “Artemis Accords” della NASA, che stabilivano una serie di principi per guidare la cooperazione tra le nazioni coinvolte nei piani dell’agenzia per l’esplorazione lunare nel 21° secolo.

Quando la Russia ha invaso l’Ucraina nel 2022, il paese si era già spostato verso la collaborazione con la Cina sulla “Stazione di ricerca lunare internazionale”. Questo è uno sforzo parallelo per il programma Artemis della NASA, che invita i paesi a unirsi a Cina e Russia per collaborare all’esplorazione lunare.

Mentre la Russia si è allontanata dalla NASA, quasi due dozzine di paesi hanno firmato accordi multilaterali per aderire agli Accordi Artemis della NASA. uno di stati membri fondatori, Emirati Arabi Uniti, sta cercando di aumentare la sua partecipazione. Martedì, Lo riferisce il Nazionale Gli Emirati Arabi Uniti stanno discutendo con la NASA per fornire una camera di equilibrio per il gateway lunare. Il piccolo paese mediorientale sta lavorando con Boeing ai progetti.

READ  La NASA annulla il rilancio del razzo lunare Artemis, citando una perdita di carburante

Separatamente, una fonte ha confermato ad Ars che gli Emirati Arabi Uniti hanno parlato con la NASA per circa un anno per fornire una camera di equilibrio per il Gateway. I primi elementi di questa piccola stazione, che voleranno in un’orbita di alone attorno alla Luna, decolleranno probabilmente su un razzo Falcon Heavy alla fine del 2024 o 2025. Gli esseri umani non vivranno continuamente sul Gateway, come con la Stazione Spaziale Internazionale, ma piuttosto periodicamente. Una camera di equilibrio faciliterebbe le passeggiate nello spazio.

La nazione musulmana, che ha un’area più piccola dello stato americano del Maine, ha una popolazione di soli 9 milioni di abitanti. Tuttavia, ha espresso un vivo interesse per l’esplorazione dello spazio. Nel giugno 2020, attraverso una partnership con l’Università del Colorado Boulder, il programma spaziale degli Emirati Arabi Uniti ha inviato la sonda “Hope” su Marte per studiare l’atmosfera del pianeta rosso. Hanno detto i funzionari degli Emirati L’obiettivo di questo programma era quello di ispirare le giovani generazioni a impegnarsi nei campi della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della medicina. A quel tempo, solo la Russia, gli Stati Uniti, l’Unione Europea e l’India erano riusciti a mettere in orbita un veicolo spaziale attorno a Marte.

Lo scorso fine settimana, gli Emirati hanno partecipato al primo lancio sulla luna. A bordo viaggiava il suo piccolo rover lunare Rashid Atterraggio Hakuto-R, sviluppato commercialmente dalla società giapponese ispace. Questa missione è stata lanciata con successo su un razzo Falcon 9 e dovrebbe atterrare sulla luna all’inizio del prossimo anno.

Il paese ha anche un piccolo corpo di astronauti. Nel 2019, Hazzaa Al-Mansoori è volata alla Stazione Spaziale Internazionale su un razzo Soyuz per otto giorni come astronauta in visita. Il prossimo febbraio, Sultan Al Neyadi dovrebbe unirsi alla missione Crew-6, dove trascorrerà circa sei mesi a bordo della stazione spaziale. era il suo posto Per Assioma Spazio. Altri astronauti degli Emirati si stanno addestrando a Houston per future missioni spaziali.

READ  Il nuovo strumento della NASA rileva i "super emettitori" di metano dallo spazio | Notizie sul clima

Attraverso la loro partnership con gli Accordi Artemis, gli Emirati Arabi Uniti si stanno preparando a inviare un astronauta a Gateway to the Moon entro la fine di questo decennio – e possibilmente sulla superficie lunare negli anni ’30.