Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È probabile che i profitti delle grandi banche diminuiscano nel primo trimestre, ma gli investitori non sembrano preoccupati

È probabile che i profitti delle grandi banche diminuiscano nel primo trimestre, ma gli investitori non sembrano preoccupati

Le grandi banche hanno realizzato maggiori profitti per gran parte del 2023 a causa delle difficoltà dei prestatori regionali, ma non si prevede che le loro prestazioni nel primo trimestre del 2024 siano impressionanti.

Agli investitori potrebbe non dispiacere, purché le grandi banche possano dimostrare quanto trarranno beneficio se i tassi di interesse rimarranno più alti del previsto quest’anno.

“Alla fine, cosa interessa al mercato?” ha affermato Ken Lyon, analista bancario senior presso CFRA Research.

“Non vedo l’ora di sapere cosa faranno queste banche per il resto del 2024 e del 2025”.

Gli analisti si aspettano che JPMorgan Chase (JPM), Wells Fargo (WFC), Citigroup (C) e Bank of America (BAC) riferiscano che i loro utili del primo trimestre sono aumentati rispetto al quarto trimestre del 2023 ma sono diminuiti rispetto allo stesso anno. l'ultimo periodo.

Washington, DC - 6 dicembre: (LR) Brian Moynihan, Presidente e CEO, Bank of America;  Jamie Dimon, Presidente e CEO di JPMorgan Chase;  Jane Fraser, amministratore delegato di Citigroup;  Per testimoniare durante un'udienza del Comitato bancario del Senato presso l'edificio degli uffici del Senato Hart il 6 dicembre 2023 a Washington, DC.  La commissione ha ascoltato le testimonianze delle più grandi istituzioni finanziarie durante un'audizione di vigilanza sulle società di Wall Street.  (Foto di Wayne McNamee/Getty Images)

Brian Moynihan, amministratore delegato della Banca d'America; Jamie Dimon, Presidente e CEO di JPMorgan Chase; e Jane Fraser, amministratore delegato di Citigroup, hanno testimoniato lo scorso dicembre a Washington, DC. (Foto di Wayne McNamee/Getty Images) (Batti McNamee tramite Getty Images)

Questo calo anno su anno non si è verificato per tutte e quattro le istituzioni da quando la Federal Reserve ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse nel secondo trimestre del 2022. JPMorgan, Wells e Citigroup pubblicheranno i loro risultati venerdì e Bank of America martedì.

È probabile che i loro dati mostrino che anche le banche più grandi sono alle prese con un rallentamento della domanda di prestiti e con crescenti problemi per alcuni mutuatari. Si prevede che le cancellazioni di crediti inesigibili aumenteranno del 76% e i nuovi accantonamenti per future perdite su crediti aumenteranno del 31%.

READ  Le vendite di case di lusso stanno registrando il calo maggiore dall'inizio della pandemia

Gran parte dell'aumento delle cancellazioni deriva probabilmente dal deterioramento dei prestiti delle carte di credito, secondo David Fanger, vicepresidente senior di Moody's Investors Services.

Ma gli investitori potrebbero essere più interessati al resto del 2024 che al primo trimestre. Finora quest’anno hanno premiato le grandi banche a scapito dei rivali più piccoli.

Le azioni di Citigroup, Wells Fargo, JPMorgan e Bank of America sono aumentate del 20%, 17%, 16% e 12% quest'anno, sovraperformando i principali indici.

Ciò che potrebbe contribuire a spingere questi titoli al rialzo è se le banche si aspettano maggiori utili per il resto dell’anno a causa delle mutevoli aspettative sul numero di tagli dei tassi di interesse previsti quest’anno dalla Federal Reserve.

I trader si aspettano ora uno o due tagli, invece dei sei previsti all’inizio dell’anno, a causa dei dati economici caldi e dei segnali di inflazione persistente.

In effetti, sconti più bassi avvantaggiano le banche giganti perché consentono loro di addebitare di più per i loro prestiti mantenendo i costi di finanziamento relativamente bassi, aumentando una misura chiave dei profitti nota come margine di interesse netto. Questa dinamica li ha aiutati a realizzare profitti per gran parte del 2023.

“Ogni volta che una serie di tagli e tempistiche dei tassi di interesse vengono posticipati, i cittadini aggiornano le loro aspettative su come potrebbe essere il reddito da interessi netti quest’anno”, ha detto a Yahoo Finance Ibrahim Poonawalla, analista di una grande banca presso BofA Securities.

Con l’avanzare del 2024, “potremmo vedere revisioni al rialzo delle stime dell’EPS guidate da una crescita del margine di interesse netto migliore del previsto e da una sovraperformance sulla qualità del credito”, ha affermato lunedì in una nota di ricerca Gerard Cassidy, analista bancario senior di RBC.

READ  La Disney si prepara a iniziare i licenziamenti insieme a blocchi mirati delle assunzioni e limiti di viaggio

Ciò che potrebbe anche aiutare i titoli delle grandi banche è un maggiore ottimismo sulle trattative e sugli scambi per il resto del 2024. Questa questione sarà di particolare interesse per gli azionisti di Goldman Sachs (GS) e Morgan Stanley (MS), due istituzioni che fanno affidamento su Wall Street. Che riferiscono lunedì e martedì.

FOTO DEL FILE: Il logo Goldman Sachs è visibile sul piano commerciale della Borsa di New York (NYSE) a New York City, New York, Stati Uniti, 17 novembre 2021. REUTERS/Andrew Kelly / foto del fileFOTO DEL FILE: Il logo Goldman Sachs è visibile sul piano commerciale della Borsa di New York (NYSE) a New York City, New York, Stati Uniti, 17 novembre 2021. REUTERS/Andrew Kelly / foto del file

Il logo Goldman Sachs sul trading floor della Borsa di New York. Reuters/Andrew Kelly/foto d'archivio (Reuters/Reuters)

Si prevede che le grandi banche riferiranno che i ricavi del primo trimestre derivanti dalla sottoscrizione di obbligazioni e dalle offerte pubbliche iniziali sono aumentati, mentre i consigli su fusioni e acquisizioni continuano a rallentare, aggiungendosi a un problema che ha spesso messo a dura prova le banche nel 2023 e nel 2022.

“Quello che ho visto è che l'attività di sottoscrizione del debito si sta riprendendo in grande stile”, ha detto Poonawalla della Bank of America, sottolineando anche che il controllo normativo non ha portato a grandi affari.

Anche fusioni e acquisizioni richiedono più tempo per riprendersi, secondo Moody's Fanger.

Ha detto: “Ciò che verrà completato in questo trimestre sono gli accordi concordati nel secondo o terzo trimestre dello scorso anno”.

Si prevede che i ricavi da negoziazione diminuiranno a tutti i livelli rispetto allo scorso anno, anche se Bank of America potrebbe invertire la tendenza, secondo le stime degli analisti.

Gli investitori potrebbero non essere gentili con le banche regionali quando inizieranno a riportare i risultati nelle prossime settimane. Si prevede che gli istituti di credito di medie dimensioni dovranno affrontare maggiori difficoltà se la Fed manterrà i tassi di interesse più alti per un periodo più lungo, poiché hanno pagato molto di più rispetto ai grandi istituti di credito per mantenere intatti i loro depositi.

READ  Boeing sceglie la veterana dell'azienda Stephanie Pope come direttore operativo

Le banche regionali si trovano inoltre ad affrontare una maggiore esposizione ad alcuni prestiti immobiliari commerciali che hanno perso valore e necessitano di essere rifinanziati, una fonte emergente di problemi per alcune istituzioni come la New York Community Bancorp (NYCB).

“I ricavi delle grandi banche sono più diversificati e non hanno la stessa esposizione agli immobili commerciali”, ha detto a Yahoo Finance Chris McGroty, analista bancario regionale e capo della ricerca bancaria statunitense presso KBW.

Per tutto il 2024, KBW prevede che i profitti delle grandi banche aumenteranno del 4%. I finanziatori regionali e più piccoli vedranno un calo del 9-10% del loro reddito netto nello stesso periodo.

David Hollerith è un reporter senior di Yahoo Finance che si occupa di banche, criptovalute e altre aree della finanza.

Clicca qui per un'analisi approfondita delle ultime notizie sul mercato azionario e degli eventi che muovono i prezzi delle azioni.

Leggi le ultime notizie finanziarie e commerciali da Yahoo Finanza