Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Focolaio di COVID-19 in Cina: Pechino impone la prima autorizzazione al vaccino contro il sottofarmaco Omicron della Cina continentale

Focolaio di COVID-19 in Cina: Pechino impone la prima autorizzazione al vaccino contro il sottofarmaco Omicron della Cina continentale

A partire dall’11 luglio, le persone dovranno mostrare la prova della vaccinazione per entrare in un’ampia gamma di luoghi pubblici nella capitale cinese, inclusi cinema, biblioteche, musei, palestre, stadi e centri di allenamento, ha affermato un funzionario sanitario della città in una conferenza stampa su Mercoledì.

Il funzionario ha aggiunto che le persone “non idonee” alla vaccinazione sarebbero esentate da questo requisito, senza spiegare come potrebbero fornire prove dell’esenzione.

Inoltre, non è chiaro come le persone che hanno ricevuto la vaccinazione all’estero possano soddisfare i requisiti. I sistemi del codice sanitario cinese – che vengono utilizzati per provare la vaccinazione – attualmente non riconoscono i vaccini stranieri e quelli vaccinati all’estero non sono stati in grado di registrarne i propri.

I posti con capienza limitata o dove è richiesta la prenotazione sono obbligatori per dare priorità all’ingresso ai clienti vaccinati.

Il funzionario ha affermato che gli anziani che visitano luoghi che offrono attività per anziani, come centri ricreativi e sale giochi, dovrebbero essere vaccinati il ​​prima possibile.

Il mandato del vaccino arriva quando Pechino ha segnalato tre casi di sottovariante BA.5.2 Omicron, che è altamente trasmissibile e in grado di sfuggire agli anticorpi. Lo scoppio della nuova variante è già Chiudete la città nordoccidentale di Xi’anI luoghi di intrattenimento, sport e religiosi sono stati chiusi – e i ristoranti sono limitati ai servizi di fast food e consegna – fino a mercoledì prossimo.

Tasso di vaccinazione ritardata per gli anziani

La Cina è ancora lontana dal suo approccio continuo per non diffondere il coronavirus, che ha recentemente visto le città di tutto il paese, comprese Pechino e Shanghai, poste sotto blocco totale o parziale. La strategia – che si basa su test di massa, quarantene e arresti improvvisi per arginare qualsiasi recrudescenza del virus – ha devastato l’attività economica.

READ  Cina e Russia vedono gli Stati Uniti nel mirino delle Nazioni Unite

Le autorità cinesi hanno intensificato i loro sforzi per aumentare i tassi di vaccinazione, soprattutto tra gli anziani, poiché quest’anno Omicron ha causato un’epidemia successiva della malattia.

A Pechino, i residenti sono già tenuti a mostrare le prove di un test Covid negativo effettuato entro 72 ore per entrare in tutti i luoghi pubblici.

La città ha anche richiesto la vaccinazione completa delle persone che lavorano nella prevenzione e nel controllo delle epidemie, nell’assistenza sanitaria, nei trasporti pubblici, nelle consegne e in altri settori ad alto rischio.

A gennaio, il 98% della popolazione di Pechino di oltre 20 milioni era stata completamente vaccinata, inclusi 12 milioni che avevano ricevuto una dose di richiamo, secondo una dichiarazione del governo.

Ma il tasso di vaccinazione tra gli anziani è più basso. E ad aprile, l’80% dei residenti di Pechino di età superiore ai 60 anni è stato vaccinato, ha riferito Xinhua.

I residenti si mettono in fila per sottoporsi a un tampone faringeo in un sito di test a Pechino, il 4 luglio.

Sui social media cinesi, gli utenti si sono affrettati a sottolineare che il mandato del vaccino a Pechino sembrava andare contro la guida delle autorità sanitarie nazionali secondo cui la vaccinazione dovrebbe essere volontaria.

Quando è diventata obbligatoria la vaccinazione volontaria? Un commento è stato fatto sulla piattaforma cinese simile a Twitter Weibo.

Lo scorso settembre, la Commissione sanitaria nazionale ha affermato che è sbagliato che i governi locali limitino la circolazione delle persone non vaccinate per accelerare la campagna di vaccinazione e che tali politiche devono essere corrette in tempo.

“La vaccinazione contro il nuovo coronavirus (COVID-19) dovrebbe essere basata sui principi del consenso informato e (essere) volontaria”, ha affermato Wu Liangyu, vice capo della commissione. in una conferenza stampa.