Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Forse, solo forse, il Boeing Starliner farà volare gli astronauti questa primavera

Forse, solo forse, il Boeing Starliner farà volare gli astronauti questa primavera
Ingrandire / Il modulo per l'equipaggio Starliner della Boeing è stato accoppiato per i prossimi test di volo dell'equipaggio con un modulo di servizio del veicolo spaziale lo scorso anno in Florida.

Ne abbiamo già sentito parlare, ma sembra che alla Boeing manchino ancora alcuni mesi prima che gli astronauti vengano finalmente lanciati in orbita a bordo della sua capsula commerciale CST-100 Starliner.

Mancavano circa due mesi alla data di lancio precedente per questa missione, lo scorso luglio, quando i funzionari della Boeing e della NASA decisero di sospendere i preparativi per il lancio. Durante le revisioni finali per certificare lo Starliner per il volo quasi un anno fa, gli ingegneri scoprirono due problemi tecnici che in qualche modo erano sfuggiti al rilevamento per anni.

Uno di questi problemi riguardava parti del sistema di spiegamento del paracadute dello Starliner che non soddisfacevano le specifiche di sicurezza richieste. L'altra è stata la rivelazione che Boeing aveva installato nastro infiammabile avvolto attorno a fasci di cavi in ​​tutto il veicolo spaziale, creando un potenziale pericolo di incendio. Si è trattato dell'ultimo di una serie di problemi tecnici che hanno afflitto il programma Starliner, ritardando il primo volo di prova della nuova navicella spaziale con gli astronauti dal 2017 a quest'anno.

Nell'ultimo anno, gli ingegneri hanno riprogettato i componenti critici del sistema di paracadute e hanno rimosso circa 4.300 piedi (1,3 chilometri) di nastro infiammabile, noto come P213, dalla navicella spaziale Starliner.

“Abbiamo affrontato una serie di problemi che hanno ritardato il lancio rispetto alla scorsa estate e li abbiamo risolti”, ha affermato Steve Stich, responsabile del programma commerciale dell'equipaggio della NASA. “Abbiamo effettuato con successo un test del paracadute all'inizio di gennaio, con alcune modifiche al sistema di paracadute per migliorarne la resistenza. È andato bene. Abbiamo esaminato quei dati.”

READ  Venere, Marte e Regolo si incontrano il 9 luglio

Secondo Stitch, questo è stato il test finale del sistema di paracadute dello Starliner prima che la navicella decollasse finalmente con gli astronauti a bordo. Questo prossimo volo, chiamato Crew Flight Test, è attualmente previsto per il decollo dalla stazione spaziale di Cape Canaveral in Florida entro e non oltre il 22 aprile, ha detto in risposta alle domande di Ars.

Supponendo che il lancio avvenga il 22 aprile, l'orario di lancio sarà circa alle 4:24 EDT (09:24 UTC), in base all'allineamento dell'orbita della ISS con la piattaforma di lancio in Florida. Gli astronauti veterani della NASA Butch Wilmore e Sonny Williams voleranno con la navicella spaziale Starliner per attraccare alla stazione spaziale, per poi tornare sulla Terra per un atterraggio assistito da airbag nel New Mexico. L'intero volo di prova durerà circa 10 giorni.

Recupera il nastro

“Avevamo bisogno di testarne uno con il nuovo sistema aggiornato”, ha detto Stitch riferendosi ai paracadute della navicella. “Abbiamo cambiato i giunti sulle linee di sospensione, abbiamo rinforzato le vele principali, e poi c'erano anche alcuni collegamenti morbidi che dovevano essere rinforzati, che abbiamo volato su due vele in quel test e sembravano tutte buone. Abbiamo controllato tutto l'hardware dopo quel test del baldacchino a Yuma (in Arizona), e sembravano tutti fantastici.

Ci sono 24 di queste estensioni in tessuto morbido su ciascuna navicella spaziale Starliner, otto su ciascuno dei tre paracadute principali della capsula. I soft link fanno parte della rete di linee che collegano ciascun paracadute alla navicella spaziale. Durante le revisioni finali della sicurezza dello scorso anno, gli ingegneri hanno scoperto che le connessioni soft-link erano più vulnerabili ai guasti del previsto, soprattutto in una situazione in cui uno dei tre dispositivi di chiusura principali del veicolo spaziale non era attivato. Un requisito di sicurezza fondamentale per il programma Starliner è che la navicella spaziale possa atterrare in sicurezza utilizzando due dei suoi tre scivoli.

READ  La Luna iniziò ad allontanarsi sempre di più dalla Terra

Per il test finale del paracadute prima del lancio, avvenuto il 9 gennaio, Boeing ha verificato la resistenza dei legami morbidi utilizzando un veicolo di prova dello stesso peso della navicella Starliner. Durante questo test, il veicolo di prova è stato lanciato da un aereo cargo C-130 su una struttura dell'esercito americano in Arizona. Gli ingegneri hanno utilizzato intenzionalmente solo due lubrificanti per simulare lo stress aggiuntivo che il sistema subirebbe in condizioni estreme.

L'astronauta della NASA Butch Wilmore, comandante del primo volo con equipaggio dello Starliner, prova una tuta spaziale Boeing durante un test di validazione dell'equipaggio al Kennedy Space Center della NASA nel 2022.
Ingrandire / L'astronauta della NASA Butch Wilmore, comandante del primo volo con equipaggio dello Starliner, prova una tuta spaziale Boeing durante un test di validazione dell'equipaggio al Kennedy Space Center della NASA nel 2022.

Mentre la Boeing si preparava per un test di caduta con il paracadute, i tecnici all'interno della fabbrica Starliner presso il Kennedy Space Center della NASA hanno rimosso la maggior parte del nastro infiammabile P213 dal veicolo spaziale destinato al prossimo volo degli astronauti. Ci sono voluti diversi mesi. C'erano alcune aree in cui il nastro non poteva essere rimosso, secondo la NASA, e in questi luoghi, i lavoratori hanno sovrapposto il materiale P213 con altro nastro non infiammabile resistente all'abrasione e hanno installato dispositivi tagliafuoco sui cablaggi, secondo la NASA.

È possibile esaminare il rilevamento tardivo dei problemi di sicurezza del nastro infiammabile e della copertura in diversi modi. Ciò dimostra quanto siano rigorosi i processi di certificazione della NASA per il volo spaziale umano, ma qualsiasi responsabile del programma spaziale ti dirà che è meno costoso e richiede meno tempo scoprire questi problemi nelle prime fasi dello sviluppo, piuttosto che in un punto in cui la risoluzione di questi problemi richiede lo smantellamento. parti principali del veicolo spaziale.

READ  Più intelligente di quanto si pensasse: gli scienziati hanno scoperto una struttura di Neanderthal sorprendentemente avanzata