Aprile 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

FuboTV ha intentato una causa contro Disney, Fox e Warner Bros. E altri, con il pretesto di pratiche anticoncorrenziali

FuboTV ha intentato una causa contro Disney, Fox e Warner Bros.  E altri, con il pretesto di pratiche anticoncorrenziali

FuboTV, una piattaforma di streaming TV in diretta, ha avviato una causa civile contro Disney, Fox e Warner Bros. Discovery, secondo i documenti del tribunale, sostiene che le società di media sono impegnate in pratiche anticoncorrenziali da anni e che continuano a farlo attraverso un'app di streaming sportivo integrata che prevede di lanciare entro la fine dell'anno.

La causa, depositata presso il tribunale federale del distretto meridionale di New York, nomina anche ESPN e Hulu come imputati.

Nella causa, FuboTV, che è in attività dal 2015, sostiene che le due società si sono impegnate in una campagna che ha soppresso la concorrenza nel mercato dello streaming incentrato sullo sport negli Stati Uniti, causando danni a FuboTV, ai suoi clienti e alla joint venture delle due società. Il progetto continuerà a sopprimere la concorrenza. Disney, Fox e Warner Bros. lo hanno annunciato Discovery ha annunciato questo mese che collaborerà per lanciare un'app di streaming diretta al consumatore che consente ai clienti di pagare per l'accesso a tutti gli sport trasmessi in streaming su 14 canali lineari integrati.

“Piuttosto che competere, gli imputati hanno scelto di colludere, dando alla propria lega, e a nessun altro, la possibilità di commercializzare e vendere un pacchetto incentrato sugli sport dal vivo”, sostiene FuboTV nella causa. “Hanno così assicurato che la loro entità combinata non dovrà affrontare una concorrenza effettiva. Ora stanno danneggiando e minacciando di danneggiare ulteriormente la concorrenza e i consumatori negli Stati Uniti.”

FuboTV afferma che le aziende l'hanno costretta ad accettare requisiti di raggruppamento per poter trasmettere in streaming determinati contenuti e hanno addebitato tariffe di licenza superiori a quelle di mercato, con conseguente aumento dei prezzi per i consumatori. FuboTV ha affermato nella causa che la condotta delle società era un modo per frustrare l'attività e la crescita di Fubo.

READ  Futures Dow Jones: il mercato è in rialzo, è ora di battere il gas? Incombente riunione della Fed

Formando la joint venture, Fox, Disney e Warner Bros. Discovery “congela” i concorrenti dello streaming e li incentiva a non fornire contenuti premium a Fubo e altri, sostiene FuboTV nella causa.

Fubo chiede al tribunale di emettere un'ingiunzione definitiva per impedire l'esercizio della joint venture e per ordinare alle tre società di sciogliere la joint venture.

“Per decenni, gli imputati hanno usato la loro presa ferrea sui contenuti sportivi per estrarre miliardi di dollari in profitti competitivi da distributori e consumatori”, si legge nella denuncia. “Gli imputati hanno guadagnato molti di questi profitti” raggruppando “contenuti sportivi commercialmente importanti con altri contenuti indesiderati, costringendo gli appassionati di sport ad acquistare canali che non volevano o di cui non avevano bisogno per ricevere i contenuti sportivi degli imputati.”

La joint venture tra le tre società ha scosso l'ecosistema televisivo sportivo quando è stata annunciata. Tra di loro, Disney, Fox e Warner Bros. Discovery detiene i diritti di trasmissione nazionale di NBA e NHL, insieme a una serie di partite di tornei NFL, MLB e NCAA, tra gli altri sport. FuboTV sostiene che le società stanno violando le leggi antitrust combinando un'unica app di streaming.

Vai più in profondità

Le nuove iniziative di streaming ESPN, Fox e Warner Bros. non sostituiranno la TV. Molto, almeno finora

“(La joint venture) ridurrà e attenuerà significativamente la concorrenza facilitando la collusione orizzontale tra gli imputati, che controllano collettivamente l'accesso ai contenuti sportivi più importanti dal punto di vista commerciale negli Stati Uniti”, afferma la causa. “Con la joint venture, gli imputati hanno allineato i loro interessi e avrebbero l’opportunità e l’incentivo a colludere quando si tratta di concedere in licenza i contenuti sportivi necessari a distributori terzi.

READ  L'azienda di cosmetici Revlon si avvicina alla valutazione del capitolo 11

Lettura obbligatoria

(Foto: Jakub Purzycki/Getty Images)