Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli investitori al dettaglio chiave in Tesla rischiano di perdere un voto all’AGM

Gli investitori al dettaglio chiave in Tesla rischiano di perdere un voto all’AGM

Apri Editor’s Digest gratuitamente

Decine di migliaia di azionisti al dettaglio internazionali di Tesla che possiedono circa 17 miliardi di dollari in azioni potrebbero non essere in grado di votare alla sua riunione annuale perché le piattaforme di investimento non sono riuscite a mettere in atto adeguati sistemi transfrontalieri.

Il più grande produttore di auto elettriche al mondo ha condotto una campagna per sollecitare gli investitori a sostenere due risoluzioni che probabilmente saranno votate in modo ravvicinato nella riunione del 13 giugno: una per ricertificare lo stipendio di 56 miliardi di dollari del CEO Elon Musk e un’altra per ristabilire la società in Texas. .

L’ultima mossa è arrivata dopo che un giudice del Delaware ha deciso di annullare il pacchetto di stock option di Musk, il più redditizio nella storia delle società americane, a causa delle preoccupazioni sull’indipendenza del consiglio di amministrazione.

Tesla ha una percentuale insolitamente alta di azionisti individuali – che possiedono circa il 30% della società – e i significativi ostacoli al successo di entrambi i voti, in particolare il trasferimento in Texas, richiederebbero che molti di loro votino a favore. La presidente Robyn Denholm ha paragonato la sua missione di ottenere il voto degli azionisti alla scalata del Monte Everest.

Ma molti investitori in Europa e in Asia hanno scoperto di non essere in grado di votare elettronicamente al di fuori degli Stati Uniti perché gli agenti di cambio e le piattaforme di trading online dove tengono i loro conti azionari non dispongono di sistemi adeguati.

READ  Dow futures: rimbalzo del mercato; Metrica chiave nel rapporto sui lavori di venerdì

Tesla stima che circa il 3% delle sue azioni potrebbe essere interessato, secondo persone a conoscenza della situazione. Ciò equivale a 16,7 miliardi di dollari della valutazione di 558 miliardi di dollari di Tesla.

Un voto per reincorporare Tesla in Texas ha una soglia più alta, richiedendo che la maggioranza di tutte le azioni in circolazione voti a favore, il che significa che i voti non espressi sono considerati contrari alla proposta.

“Data la dimensione della proprietà al dettaglio, ogni voto individuale conta”, ha detto una persona.

Tesla sta lavorando con Innisfree, che conta più di 100 dipendenti nella campagna. Le loro tattiche includono il contatto con singoli investitori, l’invio di opuscoli – soprannominati “lettere di lotta” – per incoraggiare le persone a votare e una campagna di sensibilizzazione sui social media sulla piattaforma X di Musk.

Tesla e Innisfree hanno cercato di convincere i broker a introdurre nuovi processi, ma mentre alcuni si sono rivelati utili, la maggior parte non lo ha fatto, affermando di non aver avuto il tempo di installare l’infrastruttura, dicono le fonti.

Hargreaves Lansdowne, la più grande piattaforma di investimento privato del Regno Unito con 120 miliardi di dollari di asset e 1,7 milioni di clienti, è uno degli agenti di cambio internazionali attraverso i quali gli azionisti di Tesla non hanno potuto votare.

“L’anno scorso abbiamo introdotto il voto dell’Assemblea generale per le società britanniche ed europee e l’espansione di questo servizio ad altre giurisdizioni all’estero è qualcosa su cui stiamo lavorando”, ha affermato la società. Nel caso di Tesla, “Abbiamo collaborato con il nostro fornitore di servizi di concessionaria per cercare di facilitare questo evento unico. Tuttavia, ciò non è stato possibile.”

READ  Il basso tasso di finanziamento di Bitcoin è un "segnale di benvenuto", ma Bitcoin ha bisogno di più

HL detiene la maggior parte dei titoli statunitensi dei suoi clienti, comprese le azioni Tesla, come Crest Depositary Interest, o CDI, che storicamente non ha consentito il voto nell’UE o negli Stati Uniti. Quest’anno Crest ha stretto una partnership con il fintech americano Broadridge Per fornire tale servizio, ma non è stato ancora ampliato per includere tutti i titoli statunitensi. Nonostante la forte pressione da parte di Tesla, non è riuscita a installarlo in tempo per ottenere i voti della casa automobilistica.

La Consortium Bank di BNP Paribas, i cui clienti rappresentano anche un gran numero di azioni, è un altro grande attore che non offre servizi di voto per delega per le azioni statunitensi, secondo persone a conoscenza della situazione. Consorsbank non è stata disponibile per commenti.

Esistono altri ostacoli che potrebbero rendere i singoli investitori meno propensi a votare. Ad esempio, Degero, un broker azionario online con sede ad Amsterdam, addebita una commissione di 10 euro per ogni azionista che vuole votare, per coprire le spese di gestione manuale; La società svizzera Swissquote chiede ai clienti di chiamare la sua linea di servizio.

Altri hanno fatto eccezioni in risposta a una campagna di pubbliche relazioni sostenuta da Tesla. Banca svedese online Avanzache normalmente non offre servizi di voto sui mercati non nazionali, ha inviato un’e-mail ai clienti informandoli che lo avrebbe consentito una volta.

La posta in gioco è alta, ed è ancora più dipendente dai voti dei singoli azionisti dopo che i consulenti dei grandi concessionari Glass Lewis e ISS hanno entrambi esortato i proprietari di Tesla a votare contro la decisione di Musk sulla retribuzione. La loro opinione influenza le decisioni dei grandi investitori istituzionali. Tuttavia, Tesla ha ricevuto un sostegno “cauto” da parte dell’ISS per la sua reincorporazione in Texas.

READ  Elon Musk inizia ad addebitare agli utenti di Twitter $ 7,99

Vanguard, Capital Group, Norwegian Oil Fund e State Street sono tra i 10 maggiori azionisti di Tesla che hanno votato contro la proposta salariale nel 2018, che è stata comunque approvata con il 73% di approvazione. Il principale investitore ipotecario scozzese Baillie Gifford, uno dei più anziani azionisti della casa automobilistica e che detiene la quindicesima quota più grande, ha dichiarato che intende sostenere il premio di 56 miliardi di dollari di Musk.

Tuttavia, l’amministratore delegato di Calpers – il più grande fondo pensione pubblico negli Stati Uniti e uno dei primi 25 azionisti con una quota di 1,67 miliardi di dollari – ha dichiarato mercoledì in un’intervista alla CNBC che intende votare contro l’accordo, affermando che “può non credere al compenso”. E’ commisurato al rendimento dell’azienda.

muschio libri In risposta a X: “I Calpers hanno rotto l’accordo. Si vergognino, non hanno onore.”

Tesla ha rifiutato di commentare.

Report aggiuntivi da Sarah White da Parigi