Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Secondo i rapporti, Shein è pronta a presentare domanda per una quotazione azionaria a Londra da 50 miliardi di sterline

Secondo i rapporti, Shein è pronta a presentare domanda per una quotazione azionaria a Londra da 50 miliardi di sterline

  • autore, Pietro Hoskins
  • Ruolo, Giornalista d’affari

Secondo quanto riferito, la società di fast fashion online Shein prevede di presentare i documenti per una potenziale quotazione azionaria a Londra già questa settimana.

Un’offerta pubblica iniziale (IPO) potrebbe valutare la società a circa 66 miliardi di dollari (51,7 miliardi di sterline).

La società, fondata in Cina e ora con sede a Singapore, ha intensificato i preparativi per una vendita di azioni nel Regno Unito dopo aver dovuto affrontare ostacoli normativi e un intenso controllo negli Stati Uniti.

Un portavoce di Shin ha rifiutato di commentare.

Sheen è stato collegato in passato a pratiche commerciali non etiche, comprese le accuse di lavoro forzato.

Un deposito segreto presso la Financial Conduct Authority del Regno Unito potrebbe gettare le basi per un’importante vendita di azioni del mercato azionario di Londra.

Anche se il trasferimento potrebbe avvenire questa settimana, Sky News, che per primo ha riportato la storia, ha detto che potrebbe essere rinviato a fine giugno.

Shen ha depositato i documenti per una potenziale quotazione a New York presso la Securities and Exchange Commission (SEC), ha riferito Reuters a gennaio.

Tuttavia, la società ha dovuto affrontare l’opposizione dei legislatori statunitensi per le preoccupazioni sui suoi legami con la Cina mentre aumentano le tensioni tra Washington e Pechino.

“Abbiamo tolleranza zero per il lavoro forzato”, disse all’epoca Sheen alla BBC.

La società ha dovuto affrontare controlli anche al di fuori degli Stati Uniti, con crescenti speculazioni su una possibile quotazione delle sue azioni a Londra.

Secondo il gruppo, che ha intervistato 13 dipendenti di sei fabbriche in Cina che riforniscono Shen per la sua recente indagine, gli straordinari eccessivi rimangono comuni per molti lavoratori.

Sheen ha detto alla BBC che sta “lavorando duro” per affrontare le questioni sollevate dal rapporto Public Eye e che ha fatto “progressi significativi nel miglioramento delle condizioni”.

Shein è cresciuta rapidamente dalla sua fondazione nel 2008 ed è stata una delle tante attività online che hanno prosperato durante i blocchi dovuti al Covid.

La sua formula di offerta di un’ampia gamma di abbigliamento poco costoso, supportata da campagne su Instagram, TikTok e altri social media, l’ha trasformata in uno dei più grandi rivenditori di moda al mondo.

Si affida a migliaia di fornitori terzi, nonché a produttori a contratto, vicino alla sua sede centrale a Guangzhou, ed è in grado di realizzare un nuovo articolo nel giro di settimane, anziché di mesi.