Maggio 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati dicono che sono vicini alla resurrezione dei mammut. Cosa potrebbe andare storto?

Una società che mira a riportare in vita animali estinti afferma di aver adottato misure grandi quanto un elefante per resuscitare geneticamente il mammut lanoso, un obiettivo controverso di ripopolare la tundra artica con il titano estinto.

Colossal Biosciences, una società biotecnologica con sede a Dallas, ha annunciato mercoledì di aver creato cellule staminali di elefante asiatico che possono essere trasformate in altri tipi di cellule necessarie per ricostruire il gigante in via di estinzione – o almeno progettare un elefante simile a un mammut. Prospera al freddo.

Il genetista e co-fondatore di Harvard George Church ha dichiarato: “Questa è la cosa più importante del progetto finora. Ci sono molti passi avanti”.

Per i sostenitori, riportare in vita gli animali estinti è un’opportunità per correggere il ruolo dell’umanità nella crisi di estinzione in corso. I progressi nel loro campo, dicono, potrebbero portare benefici agli animali che ancora abbiamo, compreso l’elefante in via di estinzione.

Tuttavia, le sfide tecnologiche per dare vita a un gigante vivente e che respira nel mondo rimangono enormi. Il progetto solleva questioni etiche cruciali: chi decide cosa dovrebbe essere restituito? Dove andrà a finire la corsa alla reincarnazione? I soldi potrebbero essere spesi meglio altrove? Quanto sarà dura l'”estinzione” degli animali, come sono noti gli sforzi di rinascita?

“Ciò che mi preoccupa riguardo al benessere degli animali è la mancanza di conoscenza”, afferma Heather Browning, filosofa ed ex guardiana dello zoo dell'Università di Southampton in Inghilterra.

Possiamo davvero riportare in vita il mammut?

Durante l'ultima era glaciale, il mammut lanoso governava il mondo, diffondendosi in Eurasia e Nord America e a sud fino al moderno Midwest.

Quando la specie si estinse 4.000 anni fa, alcune carcasse furono congelate nella tundra ghiacciata, preservando non solo le ossa ma anche la carne e la pelliccia, dando ai paleontologi l'opportunità di raccogliere frammenti di DNA. Parte della carne di mammut era così ben conservata che almeno un avventuriero la mangiò.

READ  Le operazioni Visa e MasterCard in Russia sono state sospese a causa dell'invasione dell'Ucraina

Nel 2015, gli scienziati avevano sequenziato la sua mappa genetica abbastanza da fornire un possibile manuale per rifare un mammut. Ma per testare cosa fa esattamente ciascuno di questi geni – dare alla bestia le zanne ricurve, il grasso e la folta pelliccia – Church voleva cellule staminali di elefante, in cui avrebbe potuto creare DNA di mammut e coltivare campioni di tessuto.

Gli scienziati hanno è stato prodotto Tali cellule staminali sono disponibili in laboratorio per altri animali, inclusi esseri umani, topi, maiali e rinoceronti. Ma per anni, ottenere le giuste cellule staminali di elefante per testare le caratteristiche del clima freddo si è rivelato difficile perché la capacità delle cellule di elefante di sfuggire al cancro le rendeva difficili da riprogrammare.

Sopprimendo i geni antitumorali e immergendo le cellule nel giusto cocktail chimico, Kolochin ha prodotto le cellule staminali di cui avevano bisogno. Mercoledì Colossal ha pubblicato una prestampa che deve ancora essere sottoposta a revisione paritaria. La società ha affermato che sta lavorando per inserire lo studio in una rivista scientifica sottoposta a revisione paritaria.

“Non è semplice”, ha detto Eriona Hysolli, presidente dell'Istituto di scienze biologiche. “Non è stato immediatamente ovvio. C'è stata molta innovazione lungo il percorso.”

Gene Loring, un ricercatore della Scripps Research in California che ha contribuito a sviluppare potenti cellule staminali per il rinoceronte bianco settentrionale, ha elogiato la tenacia dei ricercatori sugli elefanti. “C'è una collina incredibilmente ripida davanti a loro”, ha aggiunto. “Le sfide diventano sempre più grandi con la dimensione degli animali.”

In definitiva, l’azienda vuole modificare geneticamente un embrione Una cellula staminale con geni di mammut e attaccarla a un uovo di elefante. Da lì, se tutto va come previsto – e se è ancora grande – impiantano il feto in un surrogato di elefante e aspettano che nasca.

READ  Jay Leno si sta riprendendo dalle ustioni

Anche se possiamo, dovremmo?

Matthew Cobb, zoologo dell'Università di Manchester in Inghilterra, ha affermato che tutti questi “se” potrebbero essere insormontabili. Non vi è alcuna garanzia che i cromosomi modificati possano essere introdotti nella cellula di un elefante o che si stabiliscano nel grembo dell'elefante.

Forse più profondamente c'è la questione di come un mammut, una volta nato, impari a comportarsi come un mammut. “La maggior parte dei mammiferi e degli uccelli parlati hanno perso complesse interazioni sociali e culturali”, ha detto Cobb. “Semplicemente non sono i loro geni.”

Ad esempio, gli elefanti moderni sono esseri altamente sociali, che trasmettono la conoscenza dell’irrigazione e altre abilità di sopravvivenza da una generazione a quella successiva. Lo stesso vale per i loro antichi parenti. “Non hanno adulti che li allevino e insegnino loro”, ha detto Browning. “Non hanno modo di imparare a essere mammut.”

Inoltre, qualsiasi elefante surrogato vivo che rimane incinta e dà alla luce un nuovo mammut dovrà affrontare alcune difficoltà. “Di quanti elefanti morti abbiamo bisogno per ottenere un pezzo di lana?” ha detto Tory Herridge, paleontologa specializzata in elefanti antichi presso l'Università di Sheffield in Inghilterra.

L'obiettivo a lungo termine di Colossal è utilizzare uteri artificiali per inseminare gli animali, un compito altamente tecnico. L’azienda sottolinea che la sua ricerca sulle cellule degli elefanti potrebbe aiutare gli attuali sforzi di conversazione, come potenziali trattamenti per il tipo di herpes che uccide i giovani elefanti. In effetti, l’azienda spera di guadagnare denaro concedendo in licenza o vendendo parte della tecnologia che sviluppa.

“Non sta riportando indietro il mammut, sta salvando le specie in via di estinzione”, ha detto Church. “Sta creando una tecnologia utile per la conservazione e il cambiamento climatico.”

READ  Hamas libera il terzo gruppo di ostaggi durante lo scontro con Israele: annunci in diretta

Ma le minacce più grandi che gli elefanti devono affrontare sono il bracconaggio, la distruzione dell’habitat e altri conflitti con gli esseri umani, ha detto Cobb. “Come può aiutare una migliore comprensione della biologia cellulare?”

E se venissero distrutti di nuovo?

Uno degli argomenti principali di Colossal a favore del ritorno del mammut è il cambiamento climatico. Gli scienziati dell’azienda affermano che le future mandrie artiche potrebbero impedire lo scioglimento del permafrost e il rilascio di carbonio nell’atmosfera, che riscalda l’atmosfera.

“Questi sono molti motivi per riportare quell'ambiente a quello che era”, ha detto Church. “Questa è la specie chiave di volta mancante per questo.”

E poi c'è questa domanda filosofica: un mammut bioingegnerizzato è davvero un mammut? O un elefante peloso che resiste al freddo?

“Sta creando un organismo completamente nuovo”, ha detto Herridge. Ciò che ha ucciso il mammut lanoso è ancora una questione aperta, ha aggiunto: gli umani li hanno cacciati o è stata la fine naturale dell’ultima era glaciale? Se la risposta è la seconda, allora l'Artico potrebbe non essere adatto per una creatura resuscitata, comunque tu voglia chiamarla.

“Voglio vedere un mammut vivo”, ha detto. “Mi piacerebbe avere una macchina del tempo con cui poter tornare all'era glaciale e vedere un branco di mammut essere mammut nel paesaggio da cui hanno avuto origine.”

“Ma è tutto finito.”