Maggio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hamas respinge l'ultima proposta israeliana riguardante l'accordo sugli ostaggi

Hamas respinge l'ultima proposta israeliana riguardante l'accordo sugli ostaggi

Apri Editor's Digest gratuitamente

Martedì Hamas ha affermato che l'ultima proposta israeliana nei colloqui per la trattativa sugli ostaggi non soddisfa nessuna delle sue richieste, dopo che alti funzionari israeliani hanno affermato che sono stati compiuti progressi nei negoziati di lunga durata.

La proposta è stata presentata ad Hamas lo scorso fine settimana, nel corso dell'ultimo ciclo di colloqui mediati da Egitto, Qatar e Stati Uniti su un accordo che avrebbe liberato i rimanenti ostaggi detenuti da Hamas a Gaza in cambio di una tregua e del rilascio di centinaia di palestinesi. prigionieri. Dalle carceri israeliane.

“IL [Israeli] Hamas ha affermato in una dichiarazione rilasciata martedì mattina che la sua posizione rimane ostinata e non ha risposto a nessuna delle richieste del nostro popolo e della nostra resistenza.

Ha aggiunto: “Tuttavia, la direzione del movimento sta studiando la proposta presentata con tutta la responsabilità nazionale e informerà i mediatori della risposta non appena sarà completata”.

Persone che hanno familiarità con la situazione hanno affermato che, sebbene siano stati compiuti alcuni progressi nelle recenti discussioni, rimangono importanti punti critici, con Israele che respinge le richieste di Hamas che qualsiasi accordo porti alla fine a un cessate il fuoco permanente e consenta ai civili di tornare liberamente nel nord di Gaza. Gaza.

Un funzionario israeliano ha affermato che Israele non è disposto a consentire a chiunque sia legato ad Hamas di tornare nel nord della Striscia di Gaza.

Israele si era precedentemente offerto di permettere a circa 60.000 abitanti di Gaza di ritornare nel nord, ma il funzionario ha detto che Israele è pronto ad essere “più flessibile se vedrà una certa flessibilità dall'altra parte”. Il funzionario ha aggiunto che chiunque ritorni dovrà sottoporsi a un controllo di sicurezza.

READ  Hamas tiene in ostaggio alcuni israeliani già prima del 7 ottobre

La dichiarazione di Hamas è arrivata dopo le dichiarazioni ottimistiche dei funzionari israeliani, con il ministro degli Esteri Israel Katz e il ministro della Difesa Yoav Galant che hanno affermato che sono stati compiuti progressi nei recenti colloqui al Cairo.

“Se le cose andranno bene, un gran numero di ostaggi torneranno alle loro case, e tutti ritorneranno per gradi”, ha detto lunedì Katz. Ha anche detto di essere “più ottimista di me, ma non possiamo fare promesse quando si tratta di Hamas”.

Gallant ha detto che Israele ha la possibilità di restituire gli ostaggi, ma ciò richiederà “decisioni difficili”.

Hamas ha preso circa 250 ostaggi durante l'attacco del 7 ottobre che ha portato allo scoppio della guerra a Gaza. Circa 110 di loro sono stati rilasciati in base ad un accordo mediato dal Qatar in cambio del rilascio di circa 240 prigionieri palestinesi durante una breve tregua lo scorso anno.

Da allora, i mediatori hanno cercato di negoziare un nuovo accordo che garantirebbe il rilascio dei rimanenti 133 ostaggi – compresi alcuni che Israele ritiene morti – che sono ancora detenuti a Gaza.

I recenti colloqui si sono incentrati su un accordo in più fasi, la prima parte del quale prevede il rilascio di circa 40 ostaggi in cambio del rilascio di centinaia di prigionieri palestinesi, oltre a un cessate il fuoco di sei settimane.

Si prevede che il gabinetto di guerra e il gabinetto israeliano discuteranno i negoziati sugli ostaggi nelle riunioni di martedì.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto lunedì di aver visto i colloqui svoltisi al Cairo e che Israele sta lavorando per riportare gli ostaggi in patria.

READ  La Russia afferma che i droni ucraini hanno colpito la Crimea, Mosca e un deposito petrolifero

Ma ha anche insistito affinché Israele sferrasse un attacco a Rafah, una città nel sud di Gaza, dove vivono più di un milione di persone fuggite dai combattimenti altrove nella Striscia. Netanyahu ha detto che è stata fissata una data per l'operazione, ma non è entrato in ulteriori dettagli.