Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I carri armati israeliani raggiungono il centro di Khan Yunis durante una nuova tempesta nel sud di Gaza

I carri armati israeliani raggiungono il centro di Khan Yunis durante una nuova tempesta nel sud di Gaza
  • Recenti sviluppi:
  • Netanyahu ha esortato i combattenti di Hamas ad arrendersi
  • I prigionieri palestinesi denunciano abusi

Gaza/Cairo, dicembre 10 (Reuters) – Secondo i funzionari sanitari della Gaza gestita da Hamas, domenica i carri armati israeliani sono entrati nel cuore di Khan Younis, uccidendo 18.000 palestinesi. Ucciso in battaglia.

I leader israeliani hanno affermato che dozzine di combattenti di Hamas si sono arresi e ne hanno incoraggiati altri a farlo, ma il gruppo militante palestinese ha negato ciò, definendo l’affermazione “falsa e priva di fondamento”.

I residenti di Khan Younis hanno detto che i carri armati hanno raggiunto la strada principale nord-sud che attraversa la città dopo intensi combattimenti durati tutta la notte, rallentando l’avanzata israeliana da est. Gli aerei da combattimento stavano attaccando sul lato ovest dell’attacco.

L’aria ruggì con una serie di esplosioni e spesse colonne di fumo bianco si alzarono sulla città densamente affollata.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, che non è riuscito a mediare un cessate il fuoco a Gaza, ha affermato che l’enclave sta crollando. “Mi aspetto che presto l’ordine pubblico crolli completamente e che potrebbe emergere una situazione ancora peggiore, comprese malattie epidemiche e pressioni per l’immigrazione di massa verso l’Egitto”, ha detto.

Domenica scorsa, vicino alla stazione di polizia del centro città, si sentivano ancora colpi di mitragliatrice. Una vecchia e una bambina su un carretto trainato da un asino erano deserte nelle prime ore del mattino.

“È stata una delle notti più terribili, la resistenza è stata così forte che abbiamo potuto sentire spari ed esplosioni ininterrottamente per ore”, ha detto a Reuters Khan Younis, padre di quattro figli sfollato da Gaza City. Ha rifiutato di essere identificato per paura di ritorsioni.

All’estremità opposta della Striscia di Gaza, nelle aree settentrionali dove Israele aveva precedentemente affermato che le sue forze avevano in gran parte completato le loro missioni, i residenti hanno descritto alcuni dei combattimenti più feroci della guerra finora.

READ  Amazon, Target, Walmart e molti altri

“Oserei dire che questa è la battaglia più forte che abbiamo sentito nelle ultime settimane”, ha detto Nasser, 59 anni, padre di sette figli che è rimasto a Jabaliya dopo che la sua casa è stata distrutta a Beit Lahiya, un’altra regione settentrionale. Mentre parlava risuonavano esplosioni. Ci lasceranno in pace.”

Israele ha promesso di distruggere Hamas, che governa Gaza dal 2007. I militanti hanno oltrepassato la recinzione il 7 ottobre e si sono scatenati nelle città israeliane, sparando alle famiglie nelle loro case, uccidendo 1.200 persone e prendendo 240 ostaggi.

Le autorità sanitarie di Gaza affermano che 18.000 persone sono state uccise e 49.500 ferite negli attacchi israeliani, con altre migliaia dispersi e presunti morti tra le macerie. Al di là dei luoghi in cui le ambulanze e gli ospedali hanno smesso di funzionare, le cifre per le parti settentrionali dell’enclave non sono più incluse nel conto.

Chi è vivo?

Domenica il primo ministro Benjamin Netanyahu ha dichiarato che decine di combattenti di Hamas si erano arresi, segnando l’inizio della fine dell’organizzazione. “Arrendetevi adesso”, ha detto loro in un comunicato televisivo.

Hamas ha negato che i suoi combattenti si siano arresi e ha affermato di aver distrutto 180 veicoli militari israeliani durante i combattimenti senza mostrare prove.

Ha affermato che Israele non può rilasciare gli ostaggi rimanenti con la forza, ma solo attraverso negoziati.

Le immagini di uomini palestinesi detenuti a Gaza inginocchiati a terra in mutande sono apparse venerdì sui social media, scatenando una rabbia diffusa nel mondo arabo.

I palestinesi di un gruppo di 10 rilasciati dall’esercito israeliano a Gaza hanno detto a Reuters di aver subito abusi fisici durante la custodia, con i soldati che li hanno colpiti sulla testa e sul corpo con gli stivali. Un portavoce dell’esercito israeliano ha detto che sta indagando sull’accusa.

READ  Dove domenica verranno classificate le dieci squadre più grandi

Dopo settimane di combattimenti concentrati nel nord, la settimana scorsa Israele ha lanciato un’offensiva di terra nel sud assaltando Khan Yunis. Con i combattimenti che infuriano nella Striscia di Gaza, le agenzie umanitarie internazionali affermano che i suoi 2,3 milioni di persone non hanno nessun posto dove nascondersi.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che è improbabile che si possa migliorare la situazione “catastrofica” di Gaza, dove i bisogni medici sono aumentati e il rischio di malattie è cresciuto mentre il sistema sanitario è stato notevolmente ridotto.

Nel luogo in cui si trovava la casa di Khan Younis, distrutta da un’esplosione durante la notte, i parenti dei morti hanno setacciato le macerie sgomenti. Hanno trascinato da sotto i muratori il corpo di un uomo di mezza età con una maglietta gialla.

“Abbiamo pregato la notte e siamo andati a dormire, poi ci siamo svegliati nella casa sopra di noi. ‘Chi è vivo?!'”, ha detto Ahmed Abdel Wahab.

“Gli ultimi tre piani sono crollati e sotto ci sono delle persone”, ha detto. “Mia madre e mio padre, mia sorella e mio fratello, tutti i miei parenti.”

L’ospedale principale di Khan Yunis, il Nasser Hospital, è pieno di morti e feriti. Domenica non c’era pavimento al pronto soccorso poiché le persone trasportavano i feriti su coperte e tappeti. Mohammed Abu Shihab pianse e giurò vendetta per suo figlio, che secondo lui era stato ucciso da un cecchino israeliano.

La maggior parte dei residenti di Gaza sono ora costretti ad abbandonare le proprie case. Israele afferma che sta facendo tutto il possibile per proteggere i civili, ma anche il suo più stretto alleato, gli Stati Uniti, afferma di non aver mantenuto le promesse.

READ  In uno sviluppo scioccante, Bob Iger è stato nominato CEO della Disney

Paure crescenti

Domenica si sono intensificati i combattimenti tra Israele e il movimento Hezbollah in Libano, sostenuto dall’Iran, alimentati dal conflitto di Gaza.

In una conferenza internazionale tenutasi nella capitale del Qatar, Doha, i ministri degli Esteri arabi, che hanno agito come mediatori chiave per un cessate il fuoco durato una settimana che ha liberato più di 100 ostaggi, hanno respinto una richiesta umanitaria delle Nazioni Unite. Cessate il fuoco a Gaza.

Il primo ministro del Qatar, Sheikh Mohammed bin Abdulrahman Al Thani, ha affermato che la guerra rischia di radicalizzare una generazione in tutto il Medio Oriente. Il ministro degli Esteri giordano ha affermato che la campagna israeliana mirava a scacciare i palestinesi da Gaza e soddisfa la definizione legale di genocidio, aggiungendo che le accuse di Israele sono oltraggiose.

Il segretario generale dell’ONU Antonio Guterres ha dichiarato che non rinuncerà al suo appello per un cessate il fuoco.

“Ho esortato il Consiglio di Sicurezza a prevenire una catastrofe umanitaria e ho ribadito il mio appello affinché venga dichiarato un cessate il fuoco umanitario”, ha affermato Guterres. “Purtroppo il Consiglio di Sicurezza non è riuscito a farlo, ma ciò non lo rende meno necessario.”

Reportage di Bassam Massoud e Mohamed Salem a Gaza, Nidal al-Mughrabi, Dan Williams, Ari Rabinovitch, Emily Rose e Henriette Chakar al Cairo, Peter Graf e Angus McDowall a Gerusalemme; Montaggio di Catherine Evans, Nick MacPhee e Susan Fenton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda

Un reporter veterano con quasi 25 anni di esperienza nel coprire il conflitto israelo-palestinese, comprese diverse guerre e la firma del primo storico accordo di pace tra le due parti.