Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I pannelli solari ricoperti di polvere significano la fine della missione della sonda Marte della NASA

I pannelli solari ricoperti di polvere significano la fine della missione della sonda Marte della NASA

A causa della ridotta fornitura di energia, la missione cesserà le operazioni scientifiche entro la fine dell’estate, ha affermato durante una conferenza stampa Cathia Zamora Garcia, vicedirettore del progetto InSight presso il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California.

I pannelli solari di InSight sono sempre più ricoperti di polvere rossa marziana, nonostante gli sforzi creativi Dal team della missione a terra. Questo accumulo Andrà solo peggio quando Marte ora entra in inverno, quando più polvere si alzerà nell’atmosfera.

Queste particelle galleggianti riducono la luce solare necessaria per caricare i pannelli solari che alimentano InSight, che è attualmente in una missione estesa che dovrebbe durare fino a dicembre. La missione ha raggiunto i suoi obiettivi primari dopo i primi due anni sulla superficie di Marte.

Il lander è entrato in modalità provvisoria il 7 maggio, quando i suoi livelli di energia sono diminuiti, causando l’interruzione di tutte le funzioni tranne quelle essenziali. Il team prevede che ciò possa accadere più frequentemente In futuro con livelli di polvere aumentati.

Il lander stazionario è in grado di raccogliere solo circa un decimo della sua energia disponibile dopo l’atterraggio su Marte nel novembre 2018. Quando InSight è atterrato per la prima volta, poteva produrre circa 5.000 wattora al giorno su Marte, circa quello che ci voleva per correre Forno elettrico per 1 ora e 40 minuti.

Ora, la sonda produce 500 watt al giorno, sufficienti per alimentare un forno elettrico per soli 10 minuti. Se il 25% dei pannelli solari viene pulito, InSight vedrà un aumento sufficiente dell’energia per la sua continuazione. La navicella spaziale ha visto molti demoni della polvere, o trombe d’aria, ma Nessuno di loro era abbastanza vicino da rimuovere i pannelli solari.

“Speravamo di ripulire la polvere come abbiamo visto accadere alcune volte per la navicella spaziale Spirit and Opportunity”, ha affermato Bruce Banerdt, investigatore principale di InSight presso il Jet Propulsion Laboratory. “È ancora possibile, ma l’energia è abbastanza bassa da consentirci di concentrarci sul trarre il massimo dalla scienza che possiamo ancora raccogliere”.

READ  Un importante aggiornamento per il 19enne Martian Water Watcher

Il braccio robotico della navicella sarà presto messo in modalità “ritiro”.

Entro la fine dell’estate, il team spegnerà il sismometro, interromperà le operazioni scientifiche e monitorerà i livelli di energia rimasti sulla sonda. Alla fine dell’anno, la missione InSight terminerà.

Tuttavia, il team di InSight continuerà ad ascoltare qualsiasi potenziale comunicazione dal veicolo spaziale e determinare se può essere riattivato.

InSight ha catturato questa immagine di un pannello solare coperto di polvere il 24 aprile.

“La missione InSight è stata davvero una missione straordinaria per noi”, ha affermato Laurie Glaese, direttrice della divisione di scienze planetarie della NASA, durante la conferenza stampa. “E ci ha dato uno sguardo su Marte che non potevamo ottenere da nessun altro veicolo spaziale della flotta marziana della NASA. L’interpretazione dei dati di InSight ha migliorato la nostra comprensione di come si formano i pianeti rocciosi in tutto l’universo”.

Il sismometro altamente sensibile, chiamato Inner Structure Seismic Experiment, ha rilevato più di 1.300 terremoti da centinaia e migliaia di miglia di distanza. Dati finora raccolti da InSight Scopri nuovi dettagli sull’ignoto Nucleo e mantello di Marte. Ha anche registrato dati meteorologici e analizzato i resti del campo magnetico che un tempo esisteva su Marte.

“Anche mentre ci avviciniamo alla fine della nostra missione, Marte ci offre ancora alcune cose davvero incredibili da vedere”, ha detto Banerdt.

Questo grafico mostra la differenza dell'alimentatore InSight nel 2018 (a sinistra) rispetto a quello attuale (a destra) a causa dell'accumulo di polvere e della riduzione della luce solare.

I terremoti marziani sono simili ai terremoti che vediamo sulla Terra, ma differiscono leggermente quando si tratta del motivo per cui si verificano su ciascun pianeta. Con i piedi per terra, ultimamente L’evento sarà un terremoto di dimensioni moderate, ma stabilirà un nuovo record per l’attività sismica scoperta dagli scienziati che studiano Marte.

READ  Europa: la neve sottomarina rivela indizi sul mondo oceanico di Icy Moon

Quando sentiamo i terremoti, è perché le placche tettoniche sulla Terra si muovono, si muovono e stridono l’una contro l’altra. Finora, la Terra è l’unico pianeta noto per avere queste placche.

Quindi, come si verificano i terremoti su Marte? Pensa alla crosta di Marte come a un piatto gigante. Questa crosta ha crepe e fessure all’interno perché il pianeta continua a restringersi mentre si raffredda. Questa contrazione Comprime, allunga e rompe la crosta di Marte.

Quando le onde sismiche della palude viaggiano attraverso diversi materiali all’interno di Marte, consentono agli scienziati di studiare la struttura del pianeta. L’analisi dell’attività li aiuta a comprendere il misterioso interno di Marte e ad applicare questa ricerca per imparare come si sono formati altri pianeti rocciosi, incluso il nostro.

Usando InSight, ha detto Bannerdt, gli scienziati sono stati in grado di mappare l’interno di Marte per la prima volta nella storia.

I segnali sismici provenienti dalle paludi che attraversano il materiale hanno rivelato di più sulla crosta, il mantello e il nucleo di Marte.

Il team scientifico di InSight continua ad analizzare il terremoto per comprenderne meglio l’origine, l’origine e ciò che potrebbe rivelare sul Pianeta Rosso.

Il flusso costante di dati agli scienziati sulla Terra da InSight si interromperà quando le celle solari non saranno in grado di generare energia sufficiente. Ma i ricercatori studieranno le scoperte che InSight ha fatto per decenni a venire per imparare il più possibile sul nostro misterioso vicino planetario.