Giugno 22, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I realisti ostacolano la Pietà Limgarwenrat. Ecco cosa sta succedendo ora

I realisti ostacolano la Pietà Limgarwenrat.  Ecco cosa sta succedendo ora
  • Pita Limjaronrat di Move Forward ha perso 51 voti prima della maggioranza di cui ha bisogno dai 749 membri dell’Assemblea nazionale bicamerale thailandese per ottenere il posto di vertice.
  • Il prossimo voto è previsto per mercoledì, quando Limjaroenrat potrebbe avere una seconda possibilità.
  • Il Pheu Thai Party, arrivato secondo alle elezioni di maggio, potrebbe nominare il suo candidato primo ministro.
  • Andare avanti rischierebbe lo scioglimento della Corte costituzionale thailandese dopo che una denuncia sostiene che il piano del partito per riformare l’automonarchia mira a “rovesciare” il governo democratico in cui il re è il capo dello stato.

La thailandese Pita Limgarwinrat potrebbe avere un’altra possibilità alla carica di primo ministro nel paese la prossima settimana.

Ma il suo potenziale percorso verso il potere rimane poco chiaro, soprattutto se il leader del partito Move Forward del paese non ritirerà la sua promessa elettorale di emendare una legge che vieta le critiche alla monarchia.

Limjaroonrat ha perso 51 voti prima della maggioranza di cui aveva bisogno dai 749 membri dell’Assemblea nazionale bicamerale thailandese per ricoprire il primo posto nella prima votazione parlamentare di giovedì.

Sebbene abbia ottenuto 311 voti dalla sua coalizione di otto partiti, ne ha ottenuti solo 13 su 250 al Senato, un’entità istituita dall’esercito reale dopo un colpo di stato nel 2014 che si è accumulato con i monarchici conservatori.

Sebbene questo sviluppo fosse ampiamente previsto, le profonde divisioni sottolineano la sfiducia dei senatori monarchici nei confronti di Limjarronrat e dell’agenda anti-establishment “Move It Forward” del suo partito, evidenziando anche il rischio di disordini politici prolungati nella seconda economia più grande del sud-est, l’Asia.

“Se c’è un ritardo prolungato nella formazione di un nuovo governo, o se alla fine si vede che il primo ministro non ha un mandato popolare, ciò potrebbe portare a proteste diffuse e rinnovate”, ha scritto in una nota Grace Lim, analista di Moody’s Investors Service. ricerca il venerdì.

READ  I leader dell’UE non riescono a trovare un accordo sul secondo mandato di von der Leyen – POLITICO

“Le crescenti tensioni politiche potrebbero minare la credibilità e l’efficacia dei quadri istituzionali thailandesi, in particolare se queste tensioni limitano la capacità delle autorità di attuare efficacemente la politica macroeconomica e rispondere a questioni a lungo termine, tra cui l’invecchiamento e le competenze lavorative”, ha aggiunto.

Un altro voto è provvisoriamente previsto per mercoledì. Il 42enne Peta, che ha frequentato la Harvard Kennedy School, potrebbe candidarsi a primo ministro se nominato nuovamente dalla sua coalizione di otto partiti.

In caso contrario, Pheu Thai – il secondo partito più grande nella coalizione di otto partiti con Move Forward – potrebbe schierare il proprio candidato tra i tre candidati del partito. apparso prima.

Sono Paetongtarn Shinawatra, figlia dell’ex primo ministro populista in esilio Thaksin Shinawatra. l’ex magnate immobiliare Sritha Tavisin e Chaikasim Nitisiri, capo della strategia e della direzione politica del partito.

Giovedì, diversi senatori hanno espresso la loro obiezione al piano di Move Forward di emendare l’articolo 112 del codice penale thailandese, comunemente indicato come legge sulla castità nella castità. Alcuni sostengono che la formulazione dell’emendamento introdotto dal partito qualche anno fa sembri suggerire che si intenda smantellare completamente la legge.

Move Forward ha negato l’accusa e ha sostenuto che intendeva solo rivedere alcune parti per evitare che venisse utilizzato impropriamente come macchina politica.

Il leader del partito e candidato primo ministro Peta Limjaroonrat parla ai media al parlamento thailandese a Bangkok dopo aver perso il primo voto parlamentare il 13 luglio 2023.

Lillian Swanrumpha | Afp | Immagini Getty

“Ma ancora una volta fino a quando alcune parti non saranno riviste, i partiti conservatori e la vecchia generazione non possono accettarlo. Non credo che cambieranno la loro posizione su questo”, ha detto alla CNBC Ponchada Sirivunabud, professore associato di politica alla Mahidol University di Bangkok. . Venerdì.

Procedere con le modifiche proposte alla legge sull’autoproprietà Ha detto Includono una drastica riduzione delle pene detentive dall’attuale massimo di 15 anni a un solo anno per diffamazione del re e sei mesi per diffamazione della regina, erede o reggente.

READ  L'invito di Macron e Putin all'Ucraina lascia il presidente francese convinto che "il peggio deve ancora venire"

I giovani thailandesi sono profondamente delusi dall’establishment militare reale del paese, in parte perché la legge autoinflitta è stata introdotta contro molti giovani manifestanti nel 2020. Circa 250 dei 1.914 procedimenti giudiziari legati alle proteste del 2020 erano soggetti alla legge autoinflitta. Secondo il gruppo Thai Lawyers for Human Rights – con molti minori tra questi casi.

In un’intervista a Reuters Dopo il voto di giovedì, Limjaronrat ha detto che i senatori non possono votare liberamente e che avrebbe modificato la strategia per cercare di convincerli a seguire la volontà del popolo.

“Molte persone non hanno votato come avrebbero voluto”, ha detto, senza approfondire, “capisco che ci sono molte pressioni e incentivi su di loro”. Penso che ci sia ancora tempo per ottenere più voti”.

Nella tarda serata di venerdì, i parlamentari del partito Movimento Avanti hanno cercato di impedire ai senatori nominati dalla giunta di partecipare al successivo voto per il premierato, proponendo un emendamento all’articolo 272 della costituzione sponsorizzata dalla giunta.

Ci sono notevoli ostacoli all’approvazione dell’emendamento. Andare avanti richiederebbe almeno 376 voti dall’Assemblea nazionale, che deve includere l’approvazione di un terzo del Senato e almeno il 20% dei voti dei partiti di opposizione.

Facendo campagna su un’ambiziosa agenda di riforme strutturali mirata alla monarchia, ai monopoli e all’esercito del paese, il Forward Movement ha ottenuto una sorprendente maggioranza alle elezioni di maggio, spronato dai voti dei giovani thailandesi. Insieme al Pheu Thai Party, Move Forward ha spazzato via con successo diversi politici conservatori dopo nove anni di governo militare.

Questi hanno sostanzialmente ampliato gli obiettivi delle proteste studentesche più di due anni fa che sono state innescate dallo scioglimento dell’organizzazione Future Forward – l’entità predecessore di Move Forward – che era molto critica nei confronti del primo ministro uscente Prayuth Chan-ocha, l’ex generale militare che ha preso il potere con un colpo di stato del 2014 e ha apportato modifiche alla costituzione thailandese nel 2017.

READ  L'ex giocatore della NHL Adam Johnson è morto dopo uno "strano incidente" durante una partita di hockey della Premier League britannica

Ma la sottile maggioranza di Move Forward ha reso la sua agenda vulnerabile alle macchinazioni delle istituzioni che cerca di riformare, insieme alle intricate reti di clientelismo che rimangono nonostante la cacciata di diverse influenti famiglie d’affari in queste elezioni.

“Permangono grossi rischi con l’esito delle sentenze della Corte costituzionale sulle qualifiche elettorali della PETA e se la politica del MLM di modificare il Royal Defamation Act sia costituzionale”, ha scritto venerdì in una nota l’economista di Siti Nalin Chuchottitham.

Un giorno prima del voto di giovedì, Limjaroonrat è stato scosso da una nuova denuncia contro di lui alla Corte costituzionale thailandese, accusando il piano Move Forward di riformare la legge sulla castità equivaleva al “rovesciamento di un governo democratico” con il re come capo di stato.

Ciò è avvenuto poche ore dopo che la Commissione elettorale aveva raccomandato allo stesso tribunale di rimuovere Limjaronrat dall’appartenenza al Parlamento, dopo aver confermato la validità della decisione. rimostranza Ha violato le regole elettorali possedendo azioni di una società di media cancellata che ha ereditato dal suo defunto padre.

Entrambi gli sviluppi hanno un misterioso parallelo con gli eventi che hanno portato allo scioglimento di Future Forward, che includeva la squalifica da parte del tribunale del suo leader di Thanthorn Juangroongruangkit per non aver pubblicizzato le sue azioni in una società di media. Anche Piyabutr Saengkanokkul, studioso di diritto e professore universitario che era anche segretario generale di Future Forward, è stato escluso dalla politica allo scioglimento del partito.

Non cambierà nulla”, ha detto Sirivunabud di Mahidol. “Quello che Tanaturn e Beabuter hanno affrontato due anni fa accadrà di nuovo a Betta.”