Novembre 30, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I wormhole potrebbero essere già stati scoperti, affermano i fisici: ScienceAlert

I wormhole potrebbero essere già stati scoperti, affermano i fisici: ScienceAlert

I ponti virtuali che collegano regioni lontane dello spazio (e del tempo) possono più o meno sembrare un giardino di varietà buchi neriil che significa che è possibile che queste leggendarie bestie della fisica siano già state viste.

Ma fortunatamente, se il nuovo modello proposto da un piccolo team di fisici dell’Università di Sofia in Bulgaria è accurato, si possono ancora distinguere.

Gioca con Einstein Teoria generale della relatività Abbastanza a lungo, è possibile mostrare come lo sfondo spazio-temporale dell’universo possa formare non solo profondi pozzi gravitazionali dove nulla sfugge, ma può formare cime montuose impossibili che non possono essere scalate.

A differenza dei loro cugini più oscuri, queste colline luminose scivolavano lontano da qualsiasi cosa si avvicinasse, emettendo flussi di particelle e radiazioni che non avevano speranza di tornare indietro.

Distinte possibilità a parte Big Bang sembra proprio così uno di questi’buchi bianchi«Non è mai stato notato niente del genere. Tuttavia, resta un concetto interessante esplorare i confini di una delle più grandi teorie della fisica.

negli anni trentaun collega di Einstein di nome Nathan Rosen ha mostrato che non c’è nulla da dire sullo spaziotempo profondamente curvo Buco nero Le ripide vette di un buco bianco non possono essere contattate per formare una specie di ponte.

In questo angolo di fisica, le nostre previsioni quotidiane su distanza e tempo escono dalla finestra, il che significa che un tale collegamento teorico potrebbe attraversare vaste aree dell’universo.

Nelle giuste condizioni, potrebbe anche essere possibile che la materia salga a bordo di questo tubo cosmico ed esca dall’altra estremità con le sue informazioni più o meno intatte.

READ  Il Voyager 1 della NASA invia dati misteriosi dall'esterno del nostro sistema solare

Quindi, per determinare come potrebbe apparire questo buco nero per osservatori come l’Event Horizon Telescope, il team della Sophia University ha sviluppato un modello semplificato di un “anello” di un tunnel spaziale come un anello di fluido magnetizzato e ha formulato varie ipotesi su come potrebbe arrivare la materia di. Cerchialo prima di ingoiarlo.

Le particelle bloccate in questa furiosa tempesta produrrebbero forti campi elettromagnetici che ruoterebbero e si spezzerebbero secondo schemi prevedibili, polarizzando qualsiasi luce emessa dalla materia calda con una firma distinta. È stato il tracciamento delle onde radio polarizzate che ci ha dato le prime incredibili immagini di M87 * Nel 2019 e Sagittario A* all’inizio di quest’anno.

Si scopre che le labbra calde e fumose del wormhole sono difficili da distinguere dalla luce polarizzata emessa dal disco caotico che circonda il buco nero.

Con questa logica, M87* potrebbe essere un wormhole. In effetti, i wormhole potrebbero nascondersi alla fine dei buchi neri ovunque e non avremmo un modo semplice per scoprirlo.

Questo non significa che non ci sia modo di saperlo.

Se dovessimo essere fortunati e compilare un’immagine di un wormhole con filtro visto indirettamente attraverso una lente gravitazionale decente, le caratteristiche precise che distinguono i wormhole dai buchi neri potrebbero diventare evidenti.

Ciò richiederebbe una massa opportunamente posizionata tra noi e il wormhole per distorcere la sua luce abbastanza da amplificare piccole differenze, ovviamente, ma almeno ci darebbe un modo per rilevare le macchie scure dal vuoto che hanno un’uscita sul retro.

C’è un altro mezzo che richiede anche una buona dose di ricchezza. Se rileviamo un wormhole con un’angolazione perfetta, la luce che viaggia attraverso il suo ingresso divisorio verso di noi migliorerà ulteriormente la sua firma, dandoci un’indicazione più chiara di un portale attraverso le stelle e oltre.

READ  Cygnus non riesce a distribuire pannelli solari subito dopo il lancio

Ulteriori modelli potrebbero rivelare altre proprietà delle onde luminose che aiutano a separare i wormhole dal cielo notturno senza la necessità di una lente o angoli perfetti, una possibilità a cui i ricercatori stanno ora rivolgendo la loro attenzione.

Metti più restrizioni Nella fisica dei wormhole si possono svelare nuovi modi di esplorazione non solo relatività generaleMa la fisica che descrive il comportamento di onde e particelle.

Oltre a questo, Lezioni apprese dalle previsioni Questi potrebbero rivelare dove si rompe la relatività generale, aprendo alcuni dei suoi stessi buchi per fare nuove scoperte audaci che potrebbero darci un modo completamente nuovo di vedere l’universo.

Questa ricerca è stata pubblicata in revisione fisica d.