Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Brasile calcola il costo delle peggiori inondazioni mai registrate con poche speranze che le acque si ritirino presto Brasile

Il Brasile calcola il costo delle peggiori inondazioni mai registrate con poche speranze che le acque si ritirino presto  Brasile

Tre settimane dopo che una delle peggiori inondazioni mai viste in Brasile ha colpito l’estremo sud del Paese, uccidendo 155 persone e costringendone 540.000 ad abbandonare le loro case, gli esperti hanno avvertito che ci vorranno almeno altre due settimane perché i livelli dell’acqua scendano.

Il bilancio delle vittime nel Rio Grande do Sul continua a crescere ogni giorno e più di 77.000 sfollati rimangono nei rifugi pubblici, spingendo il governo statale ad annunciare piani per costruire quattro rifugi. “Tendopoli” temporanee. Per accoglierli.

Il governatore dello stato, Eduardo Leite, ha dichiarato venerdì che i costi di ricostruzione sarebbero “molto più alti” dei 19 miliardi di reais (2,9 miliardi di sterline) inizialmente stimati.

Diverse città sono rimaste sott’acqua, inclusa la capitale dello stato, Porto Alegre, dove sono stati allagati 46 quartieri su 96. Anche i residenti delle aree non allagate hanno dovuto sopportare giorni senza elettricità e acqua potabile.

Dei sette fiumi principali dello stato, cinque sono ancora al di sopra del livello massimo dell’acqua, e gli esperti dicono che ci sono poche speranze che le acque si ritirino presto.

Mappa dello stato del Rio Grande do Sul in Brasile

“Queste piogge erano tipiche della crisi climatica: erano molto forti, con una grande quantità di acqua concentrata in un breve periodo”, ha detto Anderson Rohoff, professore presso l’Istituto di ricerca idraulica (IPH) dell’Università Federale del Rio Grande fare Sul.

In soli tre giorni, lo stato è stato testimone della quantità di pioggia che di solito cade in quattro mesi.

La tempesta ha causato lo straripamento dei fiumi Tacuari, Cay, Pardo, Jaqui, Sinos e Gravataí, che confluiscono tutti nel fiume Guayba, un enorme specchio d’acqua che attraversa Porto Alegre.

READ  Il primo ministro israeliano chiede legami con l'Arabia Saudita prima della visita di Biden

In sole 48 ore, il livello dell’acqua a Guayba è salito a più di 5 metri. Dighe di drenaggio travolgentiLe acque dell’alluvione scorrevano attraverso la città. I sistemi di contenimento della diga non sono riusciti a contenere l’acqua.

Gli stadi delle due più grandi squadre di calcio della regione, Gremio e Internacional, si sono trovati sott’acqua, determinando il rinvio delle partite.

Da allora, le precipitazioni sono diminuite, ma le inondazioni sono ancora in corso e il livello dell’acqua probabilmente rimarrà alto per diversi giorni.

Rodrigo Paiva, un altro professore dell’IPH, ha detto che mentre l’acqua stava gradualmente defluendo dal fiume Guayba, altra acqua veniva ancora da monte.

“C’è ancora una grande quantità immagazzinata nella pianura alluvionale fluviale sopra il fiume Guayba”, ha detto. “Ecco perché rilascia l’acqua così lentamente”, ha detto Paiva.

Lui e Rohoff ritengono che nella migliore delle ipotesi, ossia se non piovesse più, le inondazioni continuerebbero almeno fino alla fine di maggio.

“C’è ancora molta acqua da drenare”, ha detto Rohoff. Ha aggiunto: “In questo periodo dell’anno, la pioggia cade ogni cinque o sette giorni, e questo è ciò che sta accadendo ora: i fronti freddi stanno colpendo lo stato e causando precipitazioni, che ritardano l’abbassamento del livello dell’acqua”.

Nel frattempo, un’ondata di caldo nel Brasile centrale ha impedito al fronte freddo di spostarsi verso nord, mantenendolo bloccato al sud.

Il disastro ha spinto Jefferson Tenorio, il famoso romanziere nato a Rio de Janeiro e cresciuto a Porto Alegre, a scusarsi. Dire Quel “Rio Grande do Sul come lo conoscevamo non esisterà mai più”.

Tenorio, vincitore del prestigioso Premio di Letteratura Brasiliano 2021, ha avuto la fortuna di vivere in una zona meno colpita dalle inondazioni, ma ha avvertito che l’impatto a lungo termine del disastro ha superato di gran lunga il danno fisico.

READ  Incidente ferroviario in Grecia: il primo ministro Kyriakos Mitsotakis si scusa per la tragedia

“Lo Stato che conoscevamo non esisterà più”, ha detto. “Praticamente tutti sono stati colpiti in qualche modo: fisicamente, finanziariamente o psicologicamente. [Rio Grande do Sul] “Non può tornare quello di prima.”