Agosto 20, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il capo dell’intelligence greca si dimette tra le accuse di intercettazioni

Il capo dell'intelligence greca si dimette tra le accuse di intercettazioni

ATENE (Reuters) – Il capo dei servizi segreti greci ha rassegnato le dimissioni venerdì dopo il crescente controllo delle pratiche di sorveglianza dell’agenzia, comprese le accuse secondo cui un leader del partito di opposizione sarebbe stato intercettato nel 2021.

Una dichiarazione rilasciata dall’ufficio del primo ministro Kyriakos Mitsotakis afferma che Panagiotis Kontolio, capo del servizio di intelligence dell’EYP, ha presentato le sue dimissioni “dopo che sono state rilevate azioni illecite durante le procedure di intercettazione legale”.

Non è stato possibile raggiungere Kontollion per un commento.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

All’inizio di questa settimana, due legislatori che hanno parlato con Reuters in condizione di anonimato hanno affermato che Contilion ha ammesso durante un’audizione della commissione parlamentare il 29 luglio che il suo servizio ha spiato Thanassis Koukakis, un giornalista finanziario che lavora per la CNN Grecia. Leggi di più

Questa udienza a porte chiuse è stata convocata dopo che il leader del partito socialista PASOK di opposizione, Nikos Androllakis, ha presentato una denuncia ai massimi pubblici ministeri della corte per un tentativo di intercettazione del suo telefono cellulare con un software di sorveglianza nel settembre 2021. Leggi di più

Andrulakis, eletto leader del movimento PASOK nel dicembre 2021, ha dichiarato venerdì sera di aver appreso anche che l’EYP aveva ascoltato i suoi discorsi alla fine del 2021. Non ha rivelato la fonte delle informazioni.

Andrulakis ha invitato il parlamento greco a istituire una commissione d’inchiesta per esaminare il caso e ha accusato il governo di minimizzare la questione.

READ  Le famiglie delle truppe russe si appellano a Putin per la sua guerra "criminale".

“Oggi abbiamo scoperto che l’EYP, che riporta direttamente al Primo Ministro, ha proceduto a intercettarmi durante il processo elettorale interno per la leadership del Pasok”, ha detto.

Il governo in seguito ha affermato di aver appreso della sorveglianza di Androlakis, che secondo lui era legale come concordato dal procuratore generale, e ha cercato di informarlo “ma Androlakis ha scelto di non rispondere”, ha detto in una dichiarazione il portavoce del governo Giannis Okonomou.

Okonomo ha aggiunto che il partito conservatore al potere, che controlla 157 deputati nella Camera dei rappresentanti da 300 seggi, sosterrebbe la richiesta di formare una commissione investigativa per esaminare la questione. Per l’approvazione, tale proposta deve essere firmata da 120 legislatori.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Rapporto aggiuntivo di George Georgopoulos e Carolina Tajares) Montaggio di Ross Russell e Cynthia Osterman

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.